Svegliare il neonato per nutrirlo: è consigliabile?

· 15 luglio 2018
In alcune occasioni è necessario svegliare il neonato per nutrirlo. Farlo o meno dipenderà da fattori quali l'età, il peso e la salute del piccolo.

È giusto svegliare il neonato per farlo mangiare? Se siete appena diventati genitori, di certo vi sarete già posti questa domanda. Non dovete preoccuparvi: le questioni inerenti al sonno e all’alimentazione generano sempre questo tipo di dubbi.

Al giorno d’oggi vi sono opinioni contrastanti. Da una parte, vi è chi afferma che è necessario che i neonati mangino a intervalli che vadano dalle 2 alle 4 ore, senza sgarri. Persino nel caso in cui debbano essere svegliati. Tuttavia, in questo articolo vedremo se è effettivamente consigliabile svegliare il neonato per nutrirlo oppure no.

Quanto deve dormire un neonato?

Prima di tutto, dobbiamo conoscere la corretta igiene del sonno per i neonati. Sarà d’aiuto per determinare se dobbiamo o meno svegliarli mentre dormono o se questo incide sul loro sviluppo.

Bambino che dorme con madre che lo accarezza

I neonati dormono la maggior parte del giorno, 16 ore in media. Generalmente si svegliano ogni 2 o 3 ore per mangiare, nonostante questa non sia una regola.

Esistono, di fatto, numerosi casi di bambini che dormono più di 3 ore. Situaizone normale, poiché ciascun bambino può essere totalmente diverso dall’altro.

Scoprite: Poco sonno nella prima infanzia può causare problemi comportamentali

Il sonno nei primi mesi

Durante i primi due mesi di vita, il sonno dipende dalla fame e dalla sazietà del bebè. In base a ciò, ciascun bimbo segna i suoi propri ritmi di sonno. Fino ai due mesi, dopo aver mangiato, il bambino inizia il sonno attivo e non deve essere svegliato.

Il sonno attivo di solito dura dai 30 ai 40 minuti e può essere riconosciuto perché il bambino sembra essere nervoso, invece è una cosa del tutto normale. Dopo questa fase, il neonato entra in un periodo di sonno profondo, conosciuto come “sonno tranquillo”.

È importante sapere che l’aumento dei tempi di sonno verso le ore notturne inizia generalmente dai 4 ai 6 mesi. Fino a questo momento, dunque, il ciclo di sonno-veglia del piccolo dipendono dal ritmo circadiano e dalla luce o dal buio.

Per riassumere, i bambini stabilizzano i loro ritmi di sonno poco per volta, e saranno sempre più simili a quelli di un adulto, di conseguenza, i genitori potranno dormire meglio.

Il ritmo dell’alimentazione

Il ciclo di alimentazione di solito dura circa 3 ore. Durante questo lasso di tempo, i bambini si svegliano, piangono, vengono nutriti e si riaddormentano. Occorre anche tenere in conto che il pianto non sempre è dovuto alla fame.

Nonostante il periodo di 3 ore sia stato preso come riferimento, non smette di essere solo una statistica. Alcuni bambini hanno bisogno di essere nutriti con maggior frequenza, altri hanno bisogno di essere svegliati perché dormono molto.

Sapevate Come aiutare un bambino che ha paura del buio?

In quali casi è consigliabile svegliare il neonato per nutrirlo?

Madre che allatta il suo bambino nella cameretta

Se un bebè ha acquisito una corretta igiene del sonno e ha un peso appropriato per la sua età, non è necessario svegliarlo per farlo mangiare. Tuttavia, in alcune situazioni è necessario farlo e dipende dall’età, dal peso e dalla salute del piccolo.

I bambini appena nati mentre dormono perdono parte del loro peso. Questo si deve al fatto che non è stato ancora instaurato il processo dell’allattamento. Il loro stomaco, inoltre, ammette pochissime quantità di cibo per volta.

Dunque, è molto importante che il neonato mangi di frequente ed è quindi ovvio che bisogna svegliarlo un paio di volte al giorno (soprattutto se pesa poco o se è nato prematuro).

D’altra parte, i genitori non devono attenersi strettamente all’orologio o al pianto del piccolo. Il pianto è un segnale tardivo della fame. Se notate che i vostri figli sono agitati, muovono le labbra o fanno movimenti di suzione, molto probabilmente dovete nutrirli.

Altri fattori da considerare

Una volta che il neonato ha raggiunto il suo peso e mostra segnali di aumento, allora è appropriato aspettare che si svegli da solo e chieda da mangiare.

Non dovete preoccuparvi di quanto mangia o con quanta regolarità, bensì di fattori di sviluppo più importanti, quali:

  • Aumento di peso in modo costante e stabile
  • Che sia sazio nel periodo che intercorre fra i pasti
  • Bagna sei o più pannolini al giorno
  • Evacua tre o più volte al giorno

Se i vostri bebè non rispettano nessuno di questi punti, dovete recarvi dal medico che potrà darvi le indicazioni necessarie ed evitare che i vostri piccoli corrano dei rischi.

Può interessarvi: Come alleviare l’infezione urinaria nei bambini

Svegliare il neonato per allattarlo

Conclusioni

Per riassumere, non è consigliabile svegliare il neonato per nutrirlo a meno che non sia prematuro, pesi poco o non goda di buona salute. Se i vostri piccoli sono sani e anche dei dormiglioni, non preoccupatevi: lasciateli dormire per tutto il tempo di cui hanno bisogno.

È positivo permettere al neonato di dormire, poiché questo lo aiuterà a crescere fisicamente e a sviluppare buone abitudini del sonno. Inoltre, è un lasso di tempo che potrete sfruttare per riposarvi un po’ o realizzare qualche compito lasciato in sospeso. Non è vero che dormire è un piacere?

Guarda anche