Riconciliatevi con la solitudine

· 24 luglio 2016
Ci hanno insegnato che stare soli non è bello; bisogna, invece, imparare ad apprezzare anche la solitudine e a non temerla. Solo in questo modo possiamo raggiungere l'equilibrio e la felicità.

Quando pensiamo alla parola “solitudine” e a tutto quello che comporta, proviamo una sensazione di timore. Una paura terribile di restare soli, di non avere nessuno al nostro fianco, di essere abbandonati …

Curiosa sensazione visto che, in realtà, il mondo è pieno di gente!

Perché stiamo così male quando siamo soli? Cosa ci porta a rifiutare categoricamente la solitudine? Oggi scopriamo la risposta a questa e molte altre domande.

Accompagnateci in questo viaggio, ci riconcilieremo con la solitudine.

Leggete anche: Preferisco una dignitosa solitudine ad un’egoista compagnia

Dove nasce la paura di stare soli?

Questa paura infondata di restare soli ha origine dall’educazione che abbiamo ricevuto. La società in cui viviamo ha contribuito e continua a rafforzare il timore di trovarci soli con noi stessi, senza nessuno al nostro fianco.

Donna-con-gatto

Questa paura può dar luogo a molti disturbi affettivi, come la dipendenza emotiva. Chi ne soffre è incapace di restare senza partner, altrimenti si sente vuoto, la vita perde di significato e cade in depressione.

Non ci rendiamo conto che la solitudine non rappresenta un problema, un lato negativo della vita. Le abbiamo attribuito questa sfumatura, ma spesso ci sbagliamo.

Non vi è mai capitato di scoprire che qualcosa che vi hanno sempre descritto come negativo, alla fine, non lo era?

Lo stesso succede con la solitudine. Invece di considerarla come una condizione odiosa, dovremmo vederla come un’opportunità di crescita, un modo per conoscere meglio noi stessi.

Qualcuno che non vi abbandonerà mai: voi stessi

Il partner che ci lascia, un familiare che muore, oppure un amico che si dimentica di noi. In tutte queste situazioni ci sentiamo soli e abbandonati. Il sentimento della delusione si impossessa di noi e cerchiamo di placare questo dolore convincendoci che non abbiamo avuto fortuna.

shutterstock_94955908

La verità è che la vita ci riserva anche delle delusioni: i migliori amici possono tradirci, una persona che credevamo di conoscere bene, cambia. Dovremmo compiangerci per questo? La vita è ingiusta?

No. È ingiusta la percezione che abbiamo della vita, pensare che tutto sia sicuro. Dobbiamo imparare ad accettare gli altri, ammettere che possano deluderci in qualunque momento, abbandonarci e lasciarci “a piedi”.

Quello di cui non siamo coscienti, perché ci sottostimiamo, è che la persona che non ci deluderà mai, che sarà sempre pronta per noi, che ci farà compagnia, esiste. Siamo noi stessi.

Imparate ad apprezzare la solitudine

solitudine

Il grosso problema è che non sappiamo come riconciliarci con la solitudine. Cosa dobbiamo fare? Come eliminare quella sensazione di vuoto che sentiamo?

Mentiremmo se dicessimo che sia facile, ma sappiamo che non è nemmeno impossibile! La solitudine può diventare la vostra migliore amica e, se volete riconciliarvi con essa, dovete impegnarvi.

Vi daremo qualche consiglio per imparare, a poco a poco, a familiarizzare con la solitudine.

Non vi stiamo consigliando di ritirarvi dal mondo e fare vita solitaria. È sufficiente imparare ad apprezzare la solitudine.

  • Prestate orecchio al vostro dialogo interiore: se vi dite costantemente che la solitudine è una condizione negativa, per voi sarà così. Quindi, fermatevi a riflettere, a interrogarvi sulla veridicità di questa affermazione e cambiate il vostro modo di vedere le cose.

Ve la sentite di discutere con voi stessi?

  • Trascorrete più tempo con voi stessi. Perché non si può passare un fine settimana da soli? Perché entrare in un bar a prendere un caffè senza essere accompagnati vi fa sentire così a disagio?

Esercitatevi a fare cose che pensate sia obbligatorio fare in compagnia. Pensate a voi stessi. “Frequentatevi” di  più.

  • Apritevi agli altri: avete mai pensato che quella sensazione di vuoto che sentite la state fomentando voi stessi? A volte ci sentiamo soli perché non vogliamo aprirci alle persone che stanno intorno a noi, perché ci rifiutiamo di conoscere gli altri.

Amare la vostra solitudine non significa isolarsi. La felicità si trova nel mezzo.

Non perdete: Prima di amare te, devo amare me stesso

abbraccio-tra-quattro-amiche

Vi siete mai sentiti soli? Avete dovuto lottare con questa sensazione di vuoto? Anche se è difficile, questo senso di vuoto si può sconfiggere, basta solo sforzarsi, riconciliarsi con gli altri e aprirsi.

La solitudine diventerà la vostra migliore amica, se imparerete a conoscerla veramente.

Guarda anche