Trattamento della depressione post parto

19 Dicembre 2020
Le donne colpite dalla depressione post-parto provano estrema tristezza, ansia e stanchezza. Scoprite come può essere trattato questo disturbo.

La depressione post-parto è un disturbo dello stato d’animo che può essere moderato o intenso ed è la conseguenza di una combinazione di fattori fisici ed emotivi successivi al parto. Poiché si tratta di una realtà piuttosto diffusa, in questo articolo presentiamo il trattamento della depressione post-parto.

La donna prova estrema tristezza, ansia e stanchezza. In un simile stato fisico-emotivo è difficile occuparsi delle più semplici cure del neonato e di se stessa.

Cosa causa la depressione post-parto?

Quando la donna dà alla luce, i livelli di estrogeni e di progesterone si riducono drasticamente. Queste brusche alterazioni dei livelli ormonali possono provocare cambiamenti nello stato d’animo, così come impedire alla donna di riposare a fondo, necessario per riprendersi del tutto dal parto.

La costante mancanza di sonno e di riposo può generare una sensazione di malessere fisico ed esaurimento mentale. Entrambi questi fattori possono contribuire alla comparsa della depressione post-parto.

Quali sono i sintomi della depressione post-parto?

Donna triste accanto alla culla.
I sintomi della depressione post parto possono variare per ogni donna; in generale si parla di tristezza, irascibilità e ansia.

La depressione post-parto si presenta in quasi il 15% delle madri. Può iniziare anche qualche giorno prima della nascita, ma di norma si presenta con l’arrivo del bebè. Può tardare anche un mese dopo il parto e tra i suoi sintomi più comuni troviamo:

  • Tristezza e pianto frequenti e senza motivo apparente.
  • Ansia e irritazione.
  • Dormire in eccesso o non riuscire a dormire, anche quando il neonato è addormentato.
  • Perdita di concentrazione e di interesse verso attività che prima piacevano.
  • Mangiare poco o troppo.
  • Isolarsi da amici e familiari.
  • Non riuscire a creare un vincolo emotivo con il bebè. Dubitare delle proprie capacità materne.

Naturalmente i sintomi possono variare, quindi dovrà essere il medico a diagnosticare la depressione post-parto.

Esistono fattori di rischio?

La depressione post-parto può colpire qualunque donna, indipendentemente da età, razza o situazione economica. Tuttavia, alcune donne possono essere più inclini a soffrirne. Tra i fattori di rischio che possono favorire l’insorgenza di questo disturbo troviamo:

  • Sintomi depressivi durante o dopo una precedente gravidanza.
  • Precedenti di depressione o disturbo bipolare, anche in un’altra fase della vita.
  • Altri casi di depressione o di altre malattie mentali in famiglia.
  • Aver vissuto situazioni particolarmente stressanti durante la gravidanza o poco dopo aver partorito (ad esempio complicazioni mediche durante il parto, parto prematuro o problemi di salute del neonato).
  • Mancanza di sostegno emotivo da parte del partner, della famiglia o degli amici.

Leggete anche: Il metodo Bonapace di preparazione al parto.

Trattamento della depressione post-parto

Mamma depressa con figlio.
Il trattamento della depressione post-parto può prevedere medicinali e psicoterapia. Sarà il medico a determinare il più indicato per ogni caso.  

Il trattamento della depressione post-parto in genere prevede terapia farmacologica o psicoterapia e talvolta entrambi. Sarà il medico a valutare il percorso migliore da. Vediamo a seguire i possibili trattamenti.

Psicoterapia

Le sessioni con lo psicoterapeuta possono essere di due tipi, entrambi estremamente efficaci per il trattamento di questo tipo di depressione:

  • Terapia cognitivo comportamentale (CBT): aiuta la donna a riconoscere e cambiare i propri pensieri e comportamenti negativi.

Farmaci antidepressivi

I medicinali antidepressivi agiscono sulle sostanze chimiche del cervello che regolano lo stato d’animo. Questi farmaci sono generalmente sicuri, anche durante l’allattamento. A ogni modo, il medico dovrà valutare rischi e benefici dell’assunzione per la donna e il bambino.

Oltre a questi trattamenti, il sostegno della famiglia e l’atteggiamento della donna saranno determinanti nel trattamento della depressione post-parto.

Potrebbe interessarvi: I farmaci antidepressivi e i loro effetti collaterali

Altre misure valide nel trattamento della depressione post-parto

Esistono altre misure che possono aiutare a superare la depressione post-parto:

  • Dormire a sufficienza: è fondamentale per la salute fisica e psichica. Bisogna sforzarsi a conciliare il sonno del bambino, affinché anche la madre possa riposarsi e riprendersi.
  • Ritagliarsi del tempo libero: per quanto possibile, bisogna cercare di ritagliarsi del tempo di svago per stare da sole, con il partner o con gli amici.

In assenza di un trattamento adeguato, la depressione post-parto può durare mesi o anni. Oltre a colpire la salute della madre, può interferire sulle cure rivolte al bambino e alle relazioni sociali.

  • Sharma, V., Doobay, M., & Baczynski, C. (2017, September 1). Bipolar postpartum depression: An update and recommendations. Journal of Affective Disorders. Elsevier B.V. https://doi.org/10.1016/j.jad.2017.05.014
  • Fitelson E, Kim S, Baker AS, Leight K. Treatment of postpartum depression: clinical, psychological and pharmacological options. Int J Womens Health. 2010;3:1–14. Published 2010 Dec 30. doi:10.2147/IJWH.S6938
  • Ng, R. C., Hirata, C. K., Yeung, W., Haller, E., & Finley, P. R. (2010, September). Pharmacologic treatment for postpartum depression: A systematic review. Pharmacotherapy. https://doi.org/10.1592/phco.30.9.928
  • Kim DR, Epperson CN, Weiss AR, Wisner KL. Pharmacotherapy of postpartum depression: an update. Expert Opin Pharmacother. 2014;15(9):1223–1234. doi:10.1517/14656566.2014.911842
  • Guille C, Newman R, Fryml LD, Lifton CK, Epperson CN. Management of postpartum depression. J Midwifery Womens Health. 2013;58(6):643–653. doi:10.1111/jmwh.12104