Ridurre i danni del fumo con 4 vitamine

· 20 Agosto 2017
Se volete smettere di fumare, sappiate che la vitamina C, oltre a rafforzare il sistema immunitario, protegge i polmoni e riduce l'ansia causata dalla mancanza di nicotina

Fumate? Avete smesso da poco? Se volete limitare i danni del fumo, potete cominciare a farlo a tavola inserendo nella vostra dieta tutte quelle vitamine per ridurre i danni del fumo, specialmente dopo che avrete smesso.

Una sana alimentazione per ridurre i danni del fumo

Molti sottovalutano l’alimentazione, pensando che smettere di fumare sia sufficiente per prendersi cura della propria salute.

Tuttavia, il vizio del fumo è legato alla dipendenza dalla nicotina. Si tratta di una sostanza che danneggia gravemente le cellule e i sistemi dell’organismo, che non sempre si rigenerano spontaneamente né velocemente.

Per fortuna, esistono alimenti ricchi di nutrienti e vitamine utili per ridurre i danni del fumo e della nicotina riparando i polmoni e prevenendo le malattie respiratorie.

Oggi vi parleremo delle vitamine più indicate per i polmoni dopo aver smesso di fumare.

1. Vitamina C

vitamina C per ridurre i danni del fumo

Il vizio del fumo riduce del 25% la quantità di vitamina C nell’organismo, quindi è necessario aumentare la dose di questa sostanza.

In mancanza di vitamina C, il corpo è più vulnerabile alle infezioni perché il sistema immunitario è indebolito.

Altri problemi associati alla carenza di vitamina C sono:

  • Rughe precoci
  • Insonnia
  • Problemi alle gengive, come dolore, infiammazione e lieve sanguinamento.

La lista di alimenti che contengono vitamina C include:

  • Kiwi
  • Limone
  • Mandarino
  • Pompelmo
  • Ananas

Se siete fumatori, vi serve il triplo della vitamina C rispetto a un non fumatore per risanare i vostri polmoni e ridurre i danni del fumo.

Nel caso stiate pensando di smettere, sappiate che la vitamina C aiuta a ridurre la dipendenza da nicotina.

Volete saperne di più? Leggete anche: 5 frullati al kiwi da provare assolutamente

2. Vitamina A

In caso di carenza di vitamina A o beta-carotene, possono verificarsi delle alterazioni nel sistema immunitario. Di conseguenza, aumenta il rischio di malattie infettive a livello respiratorio.

Potete trovare la vitamina A nei seguenti alimenti:

  • Prugna
  • Zucca
  • Mango
  • Pesca
  • Pompelmo rosa
  • Lattuga, bietola
  • Anguria
  • Pomodoro
  • Carote
  • Broccoli

3. Vitamina E

Vitamina E per ridurre i danni del fumo

La vitamina E aiuta a ridurre i danni del fumo e il rischio di tumore ai polmoni legato al vizio del fumo.

È chiamata anche tocoferolo ed è una vitamina liposolubile che agisce come antiossidante, oltre a proteggere gli acidi grassi essenziali.

Per trarre beneficio da questo nutriente e prendersi cura dei polmoni dopo aver fumato, è bene consumare i seguenti alimenti:

  • Tuorlo d’uovo
  • Arachidi
  • Cocco
  • Cereali, riso, soia
  • Broccoli
  • Lattuga
  • Cavoletti di Bruxelles
  • Pane integrale

Oltre a favorire la buona salute dei polmoni dopo aver smesso di fumare, la vitamina E è utile nel trattamento di:

  • Alzheimer
  • Sindrome premestruale
  • Sterilità maschile

4. Vitamina B9

La vitamina B9 o acido folico contribuisce alla formazione di cellule sanguigne, quindi previene l’anemia e aiuta a mantenere la pelle in salute.

Questa vitamina, inoltre,è necessaria per il corretto funzionamento del sistema nervoso centrale, in quanto partecipa alla sintesi di neurotrasmettitori.

Come se non bastasse, la vitamina B9 aiuta anche i fumatori ad abbandonare questo brutto vizio. Alimenti ricchi di vitamina B9 sono per esempio:

  • Avocado
  • Cipolla
  • Aglio
  • Soia
  • Noci
  • Fragole
  • Uva passa
  • Limone
  • Carote
  • Zucca

Vi invitiamo a leggere anche: L’anemia influisce sulle nostre emozioni?

Altri modi per ridurre i danni del fumo e le malattie polmonari

evitare bibite gassate per ridurre i danni del fumo

  • Evitate il consumo di cibo spazzatura, come cibi fritti o alimenti che contengono edulcoranti artificiali. Fate attenzione in particolare alle bibite gassate perché alterano il sistema nervoso e il funzionamento dell’intestino, dunque accentuano l’effetto nocivo delle sigarette.
  • Quando decidete il menu della giornata o della settimana, optate per alimenti ricchi di triptofano, l’amminoacido che ha il compito di produrre serotonina. La serotonina, infatti, è utile a chi vuole abbandonare il vizio del fumo perché riduce i sintomi dell’astinenza.
  • Il danno causato dalla nicotina accelera la perdita di massa ossea legata al passare del tempo e all’età. Pertanto dovrete includere alimenti ricchi di calcio nella dieta, in modo da combattere questo effetto e mantenere le ossa sane, prevenendo fratture o altre lesioni.
  • L’attività fisica migliora il sistema cardiopolmonare. Quando vi allenate tutti i giorni, il vostro cuore ne trarrà beneficio.

Lo sport migliora la circolazione sanguigna e previene la formazione di trombi nelle arterie che, a lungo andare, potrebbero causare infarto del miocardio.

L’esercizio fisico riduce anche l’incidenza di ipertensione arteriosa e migliora l’attività polmonare, quindi potrete mantenere un ritmo respiratorio regolare (da 14 a 22 respiri al minuto).

Non dimenticate che il fumo è uno dei principali fattori di rischio per quanto riguarda lo sviluppo di malattie gravi.

Se volete smettere di fumare, quindi, evitate di assumere troppo a lungo integratori di betacarotene.

  • Romieu, I. (2005). Nutrition and lung health. International Journal of Tuberculosis and Lung Disease.
  • Omenn, G. S., Glass, A., Thornquist, M. D., Goodman, G. E., Cullen, M. R., Valanis, B., … Hammar, S. (2002). Effects of a Combination of Beta Carotene and Vitamin A on Lung Cancer and Cardiovascular Disease. New England Journal of Medicine. https://doi.org/10.1056/nejm199605023341802.
  • Finklea, J. D., Grossmann, R. E., & Tangpricha, V. (2012). Vitamin D and Chronic Lung Disease: A Review of Molecular Mechanisms and Clinical Studies. Advances in Nutrition. https://doi.org/10.3945/an.111.000398.
  • Romieu, I., & Trenga, C. (2012). Diet and Obstructive Lung Diseases. Epidemiologic Reviews. https://doi.org/10.1093/oxfordjournals.epirev.a000806.