XBB.1.5 o kraken: quello che c'è da sapere sulla variante più contagiosa di COVID-19

I dati suggeriscono che la variante "kraken" sarà presto la più diffusa al mondo. Cosa si sa e quali sono i sintomi a cui prestare attenzione?
XBB.1.5 o kraken: quello che c'è da sapere sulla variante più contagiosa di COVID-19
Leonardo Biolatto

Scritto e verificato da il dottore Leonardo Biolatto.

Ultimo aggiornamento: 24 gennaio, 2023

La comparsa di nuove varianti del COVID-19 è sempre al centro dell’attenzione dal 2020, come nel caso dell’ultima, battezzata kraken. Tuttavia, il suo nome ufficiale è XBB.1.5.

Il soprannome kraken lo dobbiamo a Ryan Gregory. Questo biologo canadese è solito spiegare i concetti scientifici più complessi attraverso i suoi social network, utilizzando allegorie ed espressioni accessibili al grande pubblico. Così, ha deciso che XBB.1.5 era troppo complicato e che conveniva diffondere le informazioni attraverso una metafora.

Il problema, forse, è che la metafora può suscitare una paura eccessiva e non necessaria. Il kraken è un mostro marino della mitologia norrena; con la sua forma di polpo o di calamaro gigante era il terrore di quanti salpavano verso quelle acque sconosciute.

Sebbene l’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) lo definisca la variante più contagiosa di COVID-19 fino ad oggi, lo stesso non vale per la sua letalità. Si tratta cioè di una forma più trasmissibile ma meno aggressiva del virus.

“È la variante più contagiosa individuata finora. Il balzo delle infezioni di XBB.1.5 è stato netto e crescente”.

Maria Van Kerkhove, epidemiologa dell’OMS

Perché diciamo che kraken è una variante di COVID-19?

A volte è difficile capire o immaginare cosa sia la variante di un virus. Sentiamo questo concetto nei notiziari, ma non riusciamo a capire perché esista questa distinzione degli agenti che ci fanno ammalare.

Accade che i virus, quando si trasferiscono da un ospite all’altro, si modificano. Cioè, mentre si è replicato e moltiplicato per sopravvivere ed è passato da un individuo all’altro, il SARS-CoV-2 (il virus COVID-19) ha subito delle modifiche.

Con la mutazione, le nuove copie virali possono essere diverse da quelle che le hanno originate. Scientificamente, quindi, si parla di varianti.

Non è un virus totalmente diverso da quello precedente che lo ha generato, ma non è nemmeno lo stesso.

Le varianti di COVID-19, dal 2020 a oggi, spiegano gran parte del comportamento della malattia. Alcune mutazioni erano più contagiose, altre causavano sintomi particolari, c’erano anche quelle che generavano reinfezioni e quelle che avevano una minore o maggiore suscettibilità ai vaccini applicati.

Vaccino per la variante kraken del COVID-19.
La vaccinazione produce, in parte, mutazioni virali. È anche possibile che alcune varianti siano più o meno sensibili ai vaccini disponibili.

Kraken è uguale a omicron?

A titolo semplificativo, è comune sentire e dire che kraken è una variante di COVID-19. A rigore, XBB.1.5 è un lignaggio omicron.

Dopo la comparsa di omicron, sono seguite diverse mutazioni a cui sono stati dati nomi sotto forma di acronimi e numeri. La fusione di due di queste mutazioni ha dato origine alla linea XBB. Dopo aver subito due mutazioni, si è arrivati a XBB.1.5 che, secondo le proiezioni, sarà la forma che prevarrà nel mondo a breve termine.

Vale la pena notare che il test PCR utilizzato per diagnosticare l’infezione da COVID-19 non distingue tra le subvarianti e i lignaggi di omicron. Le differenze genetiche sono così piccole che la tecnica non riesce a distinguerle.

Che aspetto ha il kraken?

Kraken è la più recente variante nota di COVID-19. In termini statistici, presenta le seguenti caratteristiche:

  • È la più contagiosa di tutte, poiché ha una maggiore affinità per alcuni recettori delle cellule umane.
  • Non è chiaramente diffusa in molti Paesi, anche se lo è negli Stati Uniti. In Europa i casi sono pochi e isolati; si prevede una progressione verso l’alto.
  • Non è il più letale. Questa variante non ha comportato un aumento dei ricoveri in unità di terapia intensiva o una maggiore percentuale di decessi.

Sintomi della nuova variante COVID-19

Tra le sottovarianti omicron, non sembra esserci una differenza notevole nei sintomi che causano. Inoltre, nelle popolazioni con un alto tasso di vaccinazione, si prevede che la maggior parte delle persone infette abbia solo un quadro clinico simile al raffreddore.

La variante omicron di COVID-19 è sempre stata caratterizzata da tre sintomi principali:

  • Rinorrea o secrezione di muco chiaro dal naso.
  • Mal di testa
  • Stanchezza.

Ripetuti starnuti e mal di gola sono stati gli altri segni più frequenti riferiti dai pazienti.

Sebbene febbre, tosse e perdita del gusto fossero ancora elencati come sintomi della malattia dopo la comparsa di Omicron, sono meno rilevanti in questa fase della pandemia. Ciononostante, continuano a essere segnali da tenere d’occhio e da considerare.

In Europa, l’89% dei pazienti infettati da qualsiasi lignaggio della variante omicron ha avuto sintomi moderati o lievi tra il 2021 e il 2022. Ciò è in linea con quanto ci si aspetta dalla diffusione di XBB.1.5: una maggioranza di quadri clinici non gravi.

Rinorrea da coronavirus.
La rinorrea è il sintomo più comune dell’infezione da coronavirus.

Cosa fare contro la variante più contagiosa di COVID-19?

L’anno scorso gli scienziati hanno annunciato che sarebbero emerse altre varianti di COVID-19. Perché? A causa dell’iniquità nella vaccinazione delle popolazioni mondiali.

Secondo il rapporto redatto dagli autori della dichiarazione in questione, la mancanza di uniformizzazione nella distribuzione delle dosi accelera la mutazione genetica del virus. Soggetti con programmi incompleti potrebbero favorire il cambiamento del SARS-CoV-2, facilitando la diffusione di ceppi, varianti e lignaggi con piccole differenze tra loro. Per questo si insiste sulla vaccinazione.

Una recente comunicazione pubblicata sul New England Journal of Medicine ha illustrato le nuove scoperte sull’efficacia dei vaccini disponibili contro l’XBB.1.5. Secondo gli autori, l’utilizzo di vaccinazioni bivalenti è più efficace rispetto al completamento di uno schema con i tradizionali vaccini monovalenti, sebbene entrambi abbiano un effetto protettivo maggiore o minore.

Secondo i Centri statunitensi per il controllo e la prevenzione delle malattie (CDC), è necessario continuare a vaccinare secondo gli stessi calendari già proposti. Si ipotizza che le opzioni bivalenti di Pfizer e Moderna siano più consigliabili come booster nel contesto attuale.

Ciò significa che il kraken ha poche possibilità di sfuggire ai vaccini. Maggiore è la copertura della popolazione, minore sarà il numero di casi gravi, nonostante la presenza di molte persone infette.

Nessuna paura e prevenzione

Il timore è ingiustificato ed è opportuno ricordare che le nuove varianti sembrano essere meno aggressive. Tuttavia, l’elevata contagiosità aumenta la suscettibilità dei soggetti che sono sempre stati più a rischio durante la pandemia: anziani, malati cronici o pazienti immunocompromessi. In questi gruppi è meglio adottare precauzioni speciali.

Potrebbe interessarti ...
Mpox: perché l’OMS ha cambiato il nome di vaiolo delle scimmie?
Vivere più sani
Leggi in Vivere più sani
Mpox: perché l’OMS ha cambiato il nome di vaiolo delle scimmie?

Il nome di monkeypox è stato cambiato in "mpox". L'OMS lo ha stabilito come nuovo nome ufficiale, per quale motivo?



  • Callaway, E. (2023). Coronavirus variant XBB. 1.5 rises in the United States-is it a global threat?. Nature613(7943), 222-223.
  • Davis-Gardner, M. E., Lai, L., Wali, B., Samaha, H., Solis, D., Lee, M., … & Suthar, M. S. (2022). Neutralization against BA. 2.75. 2, BQ. 1.1, and XBB from mRNA Bivalent Booster. New England Journal of Medicine.
  • Iacobucci, G. (2021). Covid-19: Runny nose, headache, and fatigue are commonest symptoms of omicron, early data show.
  • Maisa, A., Spaccaferri, G., Fournier, L., Schaeffer, J., Deniau, J., Rolland, P., … & Yazdanpanah, Y. (2022). First cases of Omicron in France are exhibiting mild symptoms, November 2021–January 2022. Infectious Diseases Now.
  • Oehler, R. L., & Vega, V. R. (2022). Worldwide vaccine inequality threatens to unleash the next COVID-19 variant. International Journal of Infectious Diseases123, 133-135.
  • Tallei, T. E., Alhumaid, S., AlMusa, Z., Kusumawaty, D., Alynbiawi, A., Alshukairi, A. N., & Rabaan, A. A. (2022). Update on the omicron sub‐variants BA. 4 and BA. 5. Reviews in Medical Virology, e2391.
  • Yue, C., Song, W., Wang, L., Jian, F., Chen, X., Gao, F., … & Cao, Y. R. (2023). Enhanced transmissibility of XBB. 1.5 is contributed by both strong ACE2 binding and antibody evasion. bioRxiv.

Il contenuto di questa pubblicazione è solo a scopo informativo. In nessun caso possono servire a facilitare o sostituire diagnosi, trattamenti o raccomandazioni di un professionista. Se avete dei dubbi, consultate il vostro specialista di fiducia e chiedete la sua approvazione prima di iniziare qualsiasi procedura.