Come riconoscere i sintomi della febbre?

I sintomi della febbre variano da persona a persona. Nei neonati, una maggiore irritabilità, arrossamento del viso, letargia e diminuzione dell'appetito sono possibili manifestazioni.
Come riconoscere i sintomi della febbre?
Mariel Mendoza

Scritto e verificato da la dottoressa Mariel Mendoza.

Ultimo aggiornamento: 24 agosto, 2022

Il termine “febbre” si riferisce all’aumento della temperatura corporea al di sopra dei valori normali, quindi ci saranno dei sintomi che la tradiranno. Le temperature febbrili sono le seguenti:

  • Più di 37,8 ° C, misurata per via orale.
  • Più di 37,4 ºC per via ascellare.
  • Più di 38,2 ° C per via rettale.

Un soggetto sano va incontro ad una normale variazione di temperatura, che tende ad essere di 0,6 ºC in più al tramonto, rispetto alla media delle prime ore del mattino. Inoltre, può variare con situazioni come l’esposizione alla luce solare.

Perché compare la febbre?

La febbre è un aumento regolato della temperatura corporea ad opera del centro regolatore della temperatura (che si trova nella regione anteriore dell’ipotalamo). Tale aumento è mediato da fattori associati all’infiammazione (in particolare l’interleuchina 1).

A causa di ciò, si produce un innalzamento del punto di controllo che genera il rilascio di sostanze nel sangue (chiamate pirogeni). Questi hanno il compito di ridurre la perdita di calore (attraverso costrizione dei vasi sanguigni e produzione di brividi), al fine di aumentare la temperatura e raggiungere il nuovo punto di controllo.

La costrizione dei vasi produce variazioni nella circolazione sanguigna. I brividi, invece, sono dovuti alla contrazione muscolare involontaria.

La febbre è un’espressione del corpo di fronte a un processo infiammatorio. In misura maggiore, ha lo scopo di combattere le infezioni (virali, batteriche, parassitarie o fungine), tuttavia, può essere dovuta ad altri processi, come cancro o reumatismi.

In caso di febbre acuta (di durata inferiore a 4 giorni), la causa è molto probabilmente infettiva. La febbre non infettiva è di solito ricorrente o cronica.

La febbre causa i brividi.
Tra i sintomi della febbre troviamo i i brividi, che spesso anticipano l’aumento di temperatura.

Le fasi della febbre

Gli stadi della febbre possono essere identificati clinicamente e sono suddivisi in:

  1. Salita: in genere è brusca ed è preceduta da brividi. Se la salita è lenta, i brividi saranno assenti.
  2. Stadio caldo o del fastigio: è il mantenimento della temperatura corporea a un livello nuovo o alto che raggiunge valori fino a 39,5 o 40 °C.
  3. Discesa o sudorazione: la febbre può terminare improvvisamente con un’intensa sudorazione.

Quali sono i sintomi della febbre?

I sintomi della febbre sono variabili da persona a persona. Possono essere più difficili da identificare negli anziani e nei bambini.

Sono dovuti principalmente alle manifestazioni associate al processo infiammatorio, sebbene l’aumento della temperatura di per sé produca malessere generale, stanchezza, brividi e sudorazione. Altre manifestazioni comuni possono essere:

  • pelle calda
  • Aumento della frequenza cardiaca o tachicardia – a causa dell’aumento della gittata cardiaca.
  • Aumento della frequenza respiratoria.
  • Sensazione di sete.
  • Perdita di appetito.
  • Mal di testa.
  • Convulsioni: in alcuni bambini con una predisposizione genetica, a causa dell’improvviso aumento della temperatura.

Nei neonati, le infezioni spesso si manifestano in modo molto aspecifico: una maggiore irritabilità, arrossamento del viso, letargia e diminuzione dell’appetito sono possibili sintomi di febbre.

Consigli per misurare la temperatura in modo corretto

I modi per misurare la temperatura sono per via orale, rettale, ascellare e auricolare. I termometri a mercurio sono i più classici e sono stati via via sostituiti da quelli digitali.

Il metodo a contatto è il più popolare, ma il meno accurato. Non permette di determinare la temperatura effettiva, quindi non è consigliato come riferimento.

Lo stesso termometro può essere utilizzato per tutte le vie, tuttavia è necessario uno diverso per la via orale e rettale. Per i bambini sono disponibili termometri rettali con una punta più fine che riduce il rischio di lesioni. Fa eccezione il metodo otico o auricolare, che necessita di un termometro a infrarossi per la lettura timpanica.

La via orale è consigliata negli adulti e nei bambini più grandicelli, poiché bisogna tenere la bocca chiusa e il termometro fermo. Nei bambini di età inferiore a 3 mesi si consiglia di utilizzare un termometro digitale da posizionare sotto l’ascella. Tra i 3 mesi e i 5 anni è valido lo stesso metodo o un termometro timpanico a infrarossi.

Termometro digitale.
Nei neonati, la temperatura deve essere misurata utilizzando metodi che non siano alterati dal movimento del bambino.

Quando preoccuparsi della febbre?

Nei bambini più grandi e negli adulti, di solito non è necessaria l’assistenza medica immediata per la febbre, a meno che non vi siano sintomi di una malattia di base o la temperatura non sia superiore a 40° C. È diverso per i bambini di età pari o inferiore a 3 mesi, nei quali è indicata immediata attenzione medica.

Alcuni segnali da non sottovalutare sono:

  • cambiamenti nello stato mentale.
  • Mal di testa o torcicollo.
  • Presenza di petecchie (emorragie punteggiate sulla pelle).
  • Diminuzione della pressione arteriosa.
  • Respirazione difficoltosa.
  • Temperatura maggiore di 40 °C o minore di 35 °C.
  • Assunzione recente di farmaci immunosoppressori.

La febbre può essere gestita a casa

Oltre all’uso di antipiretici per ridurre i sintomi della febbre, si raccomanda di associare misure fisiche per potenziarne l’effetto. Piuttosto che i bagni con acqua fredda, è preferibile raffreddare la pelle con acqua calda, perché aiuta a dissipare il calore mentre il liquido evapora.

La valutazione medica non è sempre necessaria, poiché è probabile che la febbre faccia il suo corso. Tuttavia, va ricordato che la febbre è il sintomo di una malattia sottostante.

Potrebbe interessarti ...
Febbre da fieno: 10 rimedi naturali che aiutano a combatterla
Vivere più sani
Leggi in Vivere più sani
Febbre da fieno: 10 rimedi naturali che aiutano a combatterla

La febbre da fieno o rinite allergica, è un disturbo molto fastidioso che colpisce molte persone. Ecco come alleviare i sintomi.