Zero Waste: come aderire a questo movimento

È possibile evitare di produrre rifiuti? La risposta è sì: il movimento Zero Waste lo ha ampiamente dimostrato, guadagnando seguito in tutto il mondo. Vi diciamo tutto in questo articolo.
Zero Waste: come aderire a questo movimento

Ultimo aggiornamento: 24 agosto, 2022

Fortunatamente, oggi sono molte le persone che sono diventate consapevoli dell’impatto che i rifiuti generano sull’ambiente. Pertanto, hanno adottato delle misure per cercare di ridurlo. In questo contesto si è sviluppato il movimento Zero Waste o ‘rifiuti zero’, che oggi conta con sempre più forza e più seguaci.

Il movimento Zero Waste consiste nell’acquisire – e mantenere nel tempo – nuove abitudini basate sulla riduzione, il riutilizzo e il riciclo dei rifiuti che produciamo. Allo stesso modo, sono incluse azioni come il compostaggio dei rifiuti organici e il rifiuto dell’uso di oggetti in plastica, ad esempio. Vi diciamo come aderire a questo movimento.

Suggerimenti per aderire al movimento Zero Waste

Il movimento Zero Waste è diventato uno degli stili di vita sostenibili più in voga negli ultimi anni. Esso prevede una serie di abitudini che cercano di mitigare il più possibile la produzione di rifiuti. Si tratta di gesti facili da mettere in pratica. Diamo un’occhiata più da vicino a quelli più importanti.

1. Stile di vita austero

L’austerità e il vivere con l’essenziale sembra essere una delle premesse di questa filosofia di vita. Meno abbiamo e consumiamo, meno rifiuti genereremo. Non è un compito difficile da realizzare, visto che dobbiamo solo porci una domanda prima di acquistare qualcosa di nuovo: “ne ho davvero bisogno?”

In realtà, per quanto ci sforziamo di riciclare e riutilizzare la maggior parte delle cose che abbiamo in casa, se non riduciamo i consumi non basterà. Per fare questo, è conveniente ridurre gli spazi come cassetti, mobili e scaffali, perché se non c’è un posto dove riporre i prodotti, allora perché acquistarli?

Suggerimenti per aderire al movimento Rifiuti Zero
Il movimento Zero Waste si propone di ridurre al minimo l’uso di plastica e materiali inquinanti.

2. Spreco alimentare

Buttare via il cibo è l’ultima cosa che dovremmo fare, poiché oltre a generare rifiuti, spendiamo denaro e risorse. Senza contare la mancanza di interesse per le persone che soffrono la fame nel mondo. Se ci pensiamo bene, con tutto il cibo che buttiamo potremmo mettere insieme un menù completo per tutta la famiglia.

L’idea è quella di organizzare in anticipo il menù settimanale, acquistare quanto necessario per la preparazione di ogni piatto e lasciare un pranzo o una cena liberi per mangiare ciò che è avanzato. In questo modo, ridurremo la spazzatura generata dagli avanzi di cibo.

In questo senso, secondo un rapporto redatto dal Programma delle Nazioni Unite per l’ambiente (UNEP), nel 2019 sono state sprecate 931 tonnellate di cibo che sono finite nella spazzatura, ovvero il 17% del cibo mondiale.

Leggete anche: 14 brillanti trucchi da cucina che ti aiuteranno a evitare gli sprechi alimentari

3. Acquisti all’ingrosso

In relazione al punto precedente, gli acquisti all’ingrosso costituiscono uno dei primi passi per organizzare l’acquisto di cibo in modo sostenibile. Questo aiuta ad escludere imballaggi e contenitori in plastica, poiché favorisce la vendita a peso non solo di frutta e verdura, ma anche di legumi e altri alimenti.

Inoltre, questo sistema invita i consumatori a portare il proprio imballaggio; sacchetti di stoffa, sacchetti di carta, bottiglie di vetro, ecc. Per quanto noioso possa sembrare all’inizio, è solo questione di prendere l’abitudine e avere sempre a portata di mano le nostre borse riutilizzabili.

4. Meno plastica

La chiave per generare meno inquinamento nell’ambiente è ridurre definitivamente il consumo di oggetti in plastica, poiché è un materiale che impiega centinaia di anni per decomporsi e provoca alti livelli di inquinamento.

La prima cosa che faremo è rilevare i tre prodotti di plastica che consumiamo di più per evitarli. Ad esempio, borse, bottiglie e bicchieri usa e getta. Per i primi abbiamo già parlato nel punto precedente dell’utilizzo dei sacchetti riutilizzabili.

Per quanto riguarda le bottiglie, una buona opzione è optare per quelle realizzate con materiali riutilizzabili per confezionare acqua e bevande. Allo stesso modo, è l’ideale conservare una tazza riutilizzabile per servire caffè o altre bevande che di solito vengono servite in usa e getta. Se non necessario, dovrebbe essere escluso anche l’uso di cannucce.

5. Riciclare, riciclare, riciclare

Riciclare tutto quello che potete è una legge tra chi aderisce al movimento Zero Waste. Nonostante la raccolta differenziata sia praticata da tempo in molte parti del mondo, la partecipazione attiva e responsabile di tutti i cittadini è fondamentale.

6. Sostituzione delle confezioni

Oltre ad essere rispettoso dell’ambiente, il movimento Zero Waste vi farà risparmiare denaro. L’idea è di sostituire i contenitori di plastica con contenitori e barattoli di vetro.

Ad esempio, i vasetti di vetro possono essere riutilizzati per le conserve, i legumi e i cereali. Possono anche essere trasformati in bicchieri e vasi.

7. Donazioni

In questo momento ci sono centri per lo scambio e la vendita di oggetti usati che vengono messi a disposizione di chi ne ha più bisogno. Si tratta della cosiddetta “economia circolare” e consiste nel dare un’altra possibilità a oggetti che altre persone non usano più. Vestiti usati e negozi di baratto sono gli esempi più evidenti di questa modalità che sta lentamente prendendo piede.

Dona i vestiti che non indossi più
Donare vestiti invece di buttarli via è una misura sostenibile che tutti possiamo applicare.

Zero Waste: con buona volontà e convinzione

I grandi cambiamenti iniziano con le piccole modifiche che possiamo apportare individualmente nella nostra routine. Nel 2008, Bea Johnson e la sua famiglia hanno adottato uno stile di vita basato su questo concetto di “rifiuti zero”. Oggi, a quasi 15 anni dalla sua nascita, milioni di persone in tutto il mondo hanno aderito a questo movimento.

L’importante è assumersi la responsabilità del luogo in cui viviamo, prendersene cura e rispettarlo attraverso azioni semplici, ma di grande impatto. Scommettere sul movimento Zero Waste è un ottimo modo per iniziare.

Potrebbe interessarti ...
Riciclare i vecchi elettrodomestici, 12 utili idee
Vivere più sani
Leggi in Vivere più sani
Riciclare i vecchi elettrodomestici, 12 utili idee

Per riciclare i vecchi elettrodomestici avremo solo bisogno di un pizzico di immaginazione e di alcuni strumenti per rasformarli in nuovi oggetti.



  • Rojas, P. J., & Desarrollo, C. E. G. E. S. T. I. (2011). La filosofía “Zero waste”. Éxito empresarial3.
  • Cataldo Ide, S., & Larenas Rodríguez, M. (2020). Zero waste.
  • Gallini, S. (2016). The zero garbage affair in Bogotá. RCC Perspectives, (3), 69-78.
  • Larenas Rodríguez, M. (2020). Zero waste(Doctoral dissertation, Universidad de Chile).
  • Martínez, M. G. (2021). Revisión de los nuevos planteamientos de diseño para conseguir estrategias de Zero Waste. Proyecta56, an Industrial Design Journal, (1), 73-85.
  • Susperreguy, M. E. (2021). The Good Gift: zero waste.