10 consigli per frenare il vomito

Sia la nausea che il vomito sono sintomo del malessere più fastidioso che si possa provare.
10 consigli per frenare il vomito

Ultimo aggiornamento: 04 febbraio, 2021

Il pallore, la debolezza, l’aria nello stomaco, la nausea e i capogiri sono tra i principali sintomi che anticipano il vomito e che, se sommati, impediscono all’individuo di svolgere le normali attività quotidiane.

La nausea si presenta come quel bisogno di espellere gli alimenti attraverso la bocca, mentre i capogiri indicano quella sensazione di instabilità che percepiamo in testa e allo stomaco. Infine, il vomito è l’espulsione degli alimenti attraverso la bocca, in modo improvviso e violento.

Il vomito è un meccanismo di difesa dell’organismo atto a evitare danni allo stomaco. Le cause della comparsa possono essere le più svariate: da un’indigestione fino a una malattia.

Possibili cause del vomito: quali sono?

Vi sono molte cause che possono provocare il vomito, per esempio:

  • Reflusso.
  • Allergie.
  • Appendicite.
  • Gravidanza.
  • Infezioni gastriche.
  • Ingestione di farmaci.
  • Ostruzione intestinale.

A seguire vi spiegheremo alcuni consigli utili che possono aiutare a frenare il vomito o, almeno, a far sì che si calmi.

Consigli per bloccare la nausea

Nel caso in cui l’individuo vomitasse più di 3 volte al giorno nel giro di 48 ore, il consiglio è rivolgersi quanto prima al medico per un esame fisico approfondito. Prima riceverà la diagnosi, prima potrà attuare le misure più adatte a risolvere il suo malessere.

I consigli che stiamo per illustrarvi valgono per le persone che si scombussolano particolarmente durante i viaggi in auto o quando svolgono determinate attività e servono, quindi, a prevenire il vomito. Non vanno considerate un trattamento esclusivo in presenza di una malattia.

1. Respirare a fondo

Donna in aereo che fa respiri profondi per trattenere vomito

Nel caso in cui la persona avvertisse una sensazione di nausea che potrebbe indurla a vomitare, il consiglio è respirare a fondo dall’addome. Concentrarsi sulla fase di inalazione e di espirazione non solo riuscirà a dare sollievo dal malessere, ma favorirà il rilassamento.

Quando respiriamo a fondo, comprimiamo lo stomaco, facendo pressione col diaframma, per cui il contenuto dello stomaco difficilmente ascende verso la bocca. D’altra parte, se possibile, possiamo anche portare la persona vicino alla fonte di aria fresca, come può essere ad esempio una finestra.

2. Tè allo zenzero

Tra le bevande naturali più sane utili alla prevenzione del vomito, spicca il té allo zenzero. L’insieme dei suoi composti riesce ad attenuare nausea e capogiri.

Inoltre, è particolarmente consigliato per combattere la nausea in gravidanza e si consiglia di berlo 15 minuti prima di un viaggio, per evitare il malessere.

3. Infuso di camomilla

Il fiore di camomilla contiene delle proprietà particolarmente beneficiose per l’apparato digerente. Inoltre rilassa e riduce l’infiammazione. Proprio per questo può essere gustato sia per prevenire la nausea che per dare sollievo dopo il vomito. Si consiglia di berlo a piccoli sorsi.

4. Tè alla menta

L’infuso o il tè alla menta può essere ingerito dopo il pasto per prevenire l’irritazione intestinale, gli spasmi e il reflusso gastrico. Inoltre, aiuta ad avere una buona digestione. Tuttavia, può anche essere utile a prevenire la nausea.

Nel caso in cui non disponiate delle opzioni descritte, potete fare ricorso a questo tè per placare la nausea.

Alcune persone portano con sé delle foglie di menta fresca in un bustina a chiusura ermetica o una fetta di limone fresco quando devono mettersi in viaggio. In questo modo, quando iniziano a sentirsi male o nauseate, ne avvicinano un pezzetto al naso per annusarlo e attenuare il malessere.

5. Acqua di riso

Acqua di riso

L’acqua di riso è un fantastico rimedio fatto in casa per mettere un freno alla nausea. Per prepararla non dobbiamo fare altro che mettere a bollire un bicchiere di riso in un litro di acqua per 20 minuti.

Quindi, versate l’acqua e fate raffreddare prima di berla. Potete berla a sorsi, distribuendola in più momenti della giornata, come trattamento coadiuvante e mai come sostituto del trattamento prescritto dal medico.

6. Ghiaccio

Un rimedio semplice e di effetto immediato è masticare e succhiare dei cubetti di ghiaccio. Questo rimedio è molto utile, nonostante il suo effetto non sia duraturo.

Il ghiaccio o gli alimenti freddi fanno sì che le contrazioni dello stomaco siano più lente, per cui è più difficile vomitare.

7. Aceto di mele

Aceto di mele

Secondo la tradizione popolare fare degli sciacqui con dell’aceto di mele diluito in mezzo bicchiere di acqua potrebbe aiutare a prevenire la nausea e a rinfrescare l’alito.

Meglio evitare sempre di avvicinare direttamente l’aceto al naso, visto che l’aroma, intenso e penetrante, potrebbe indurre il vomito.

8. Impacchi di acqua

Un altro rimedio della tradizione popolare consiste nell’applicazione di impacchi di acqua fredda e calda sul ventre per un intervallo di tempo da 2 a 5 minuti. Questo metodo potrebbe aiutare a rilassare lo stomaco, attenuando le contrazioni e, quindi, prevenendo la nausea.

9. Alimenti leggeri

Brodo

Nonostante il vomito renda inappetenti, in alcuni casi si possono ingerire cibi leggeri e facili da digerire per alleviare il malessere intestinale in generale. Al tempo stesso è importante tenere a mente che occorre evitare a ogni costo gli alimenti grassi e pesanti.

Volete saperne di più? Leggete: 7 alimenti sani che potete mangiare tutti i giorni

10. Non vi sdraiate

Se ci si sente nauseati e sul punto di vomitare l’ideale è posizionare la persona in posizione leggermente inclinata, con la schiena appoggiata e la testa all’insù anziché sdraiata. Farla sdraiare completamente in orizzontale, invece di evitare il vomito lo favorirà.

Se avete voglia di vomitare, è una pessima idea muoversi troppo o sdraiarsi sul letto, dato che non faremo altro che stimolare il vomito.

Cosa fare se non si smette di vomitare?

In caso nausea e vomito non accennino a diminuire e persistano a distanza di 48 ore, l’ideale è rivolgersi al medico quanto prima. Visto che il vomito può portare a una rapida disidratazione del corpo, è importante assicurare una buona idratazione.

Potrebbe interessarti ...
Colite: consigli per prevenirla e trattarla
Vivere più saniLeggi in Vivere più sani
Colite: consigli per prevenirla e trattarla

La colite è una malattia in stretta relazione con l'alimentazione e il benessere emotivo. A seguire troverete alcuni suggerimenti utili.