13 domande da fare a un adolescente

Un dialogo aperto e fluido con un adolescente dipende dagli argomenti proposti. Ecco alcune domande con cui catturerete la sua attenzione.
13 domande da fare a un adolescente

Ultimo aggiornamento: 31 dicembre, 2021

La pubertà porta a una serie di cambiamenti e non solo nel corpo. Questa fase è accompagnata da preconcetti e da affermazioni che talvolta rendono difficile mantenere un rapporto sereno con i ragazzi. Ma esistono diversi modi per favorire un riavvicinamento. Informarsi con discrezione con quelle che abbiamo definito “domande da fare a un adolescente” aiuta, ad esempio, a farli sentire compresi e non controllati.

L’UNICEF considera l’adolescenza come una fase necessaria per diventare adulti, con molte possibilità di apprendimento. L’OMS, da parte sua, la fissa nel periodo che va dai 10 ai 19 anni.

In questo lasso di tempo, la sfida per gli adulti è gettare le basi di un sano rapporto con i ragazzi, soprattutto in un’epoca dominata dai social media.

L’importanza di comunicare con i nostri figli

Il rapporto tra genitori e figli è più disteso se la comunicazione è efficace. In caso contrario possono insorgere comportamenti che rendono difficile la convivenza.

Alcuni nuclei familiari mostrano conflitti per assenza di dialogo e impossibilità di raggiungere una soluzione. Il migliore consiglio per un genitore, in questo senso, è favorire un clima di fiducia. Poiché l’obiettivo è la reciproca comprensione e la buona convivenza, è fondamentale interessarsi a ciò che i giovani vivono quotidianamente.

Domande da fare a un adolescente per costruire un rapporto di fiducia

La socializzazione familiare ha un impatto positivo sui ragazzi quando li ascolti, dai importanza a ciò che dicono, accetti le loro opinioni senza giudicare e mostri loro come esprimere le emozioni. Sembra difficile, ancora di più quando l’adolescente si nasconde dietro risposte concise.

Allora, qual è il modo per comprendere e rafforzare la comunicazione? Provate a rivolgere a un adolescente le seguenti domande: romperete il ghiaccio e aprirete la strada a conversazioni più fluide.

Parlare a un adolescente.

1. Qual è stata la cosa più divertente che ti è successa oggi?

Di solito le situazioni divertenti rappresentano un’opportunità per avviare un discorso interessante. Forse vostro figlio avrà un aneddoto che lo ha fatto ridere e che si sente di condividere con voi.

2. Qual è il gruppo musicale che ti piace adesso?

Non si tratta di intromettersi nei loro gusti, ma piuttosto di conoscere le loro preferenze. I ragazzi amano parlare della loro musica preferita. Ascoltate alcune canzoni insieme e vedrete come nasceranno altri argomenti.

3. Chi è il tuo migliore amico?

Forse conoscete i suoi amici, ma non sapete chi è il più vicino. Chiedete a vostro figlio di incontrare il suo migliore amico ma lasciate che sia lui a decidere quando portarlo a casa.

4. Cosa invidi delle famiglie dei tuoi amici?

Tutte le famiglie sono diverse e il loro ruolo è fondamentale nel comportamento dei giovani. È normale che vostro figlio faccia dei confronti e simpatizzi con persone al di fuori della vostra cerchia.

Il nucleo familiare deve organizzarsi per risolvere e sostenere le fasi dell’adolescenza, poiché in seguito si rifletterà sull‘autostima del ragazzo, sulla sua indipendenza, sull’integrazione nella società e sull’autonomia dei genitori. Non siate invidiosi:  lavorateci sopra e cercate di capire questo sentimento.

5. Quali regole imposteresti in questa casa?

Questa è una delle domande da fare a un adolescente più interessanti anche per i ragazzi perché mette allo scoperto il tema cruciale delle regole. Per la loro condizione, infatti, sono abituati a vivere in ambienti dove le regole sono dettate da altri.

Stabilire delle linea guida con vostro figlio lo farà sentire incluso e rispettato. Inoltre, gli consente una migliore gestione dell’intelligenza emotiva e la possibilità di individuare ciò che non gli piace.

6. Cosa ti spaventa?

Restare a corto di amici, non essere accettato o non passare un esame sono solo un esempio di ciò che un giovane teme. I genitori devono scoprire queste paure e aiutarli a superarle.

7. Quale superpotere vorresti sviluppare?

Tutte le risposte sono valide e non c’è limite di età all’immaginazione. Soprattutto durante l’adolescenza, è bello fantasticare su poteri che possono facilitare compiti o avverare fantasie.

8. Come va l’amore?

La discrezione sulla vita amorosa è una caratteristica dell’adolescenza. Forse perché soffrono o semplicemente per riservatezza, preferiscono non toccare la questione. Ma vale la pena provare a scoprire se c’è un interesse per qualcuno.

9. C’è qualcosa che ti fa vergognare dei tuoi genitori?

Alcuni comportamenti genitoriali spesso angosciano i bambini. Senza farlo sembrare una protesta, chiedete a vostro figlio quali dei vostri atteggiamenti lo infastidiscono.

Probabilmente a voi sembrerà strano, ma non a lui. Sfruttate questa opportunità per affrontare insieme il senso del ridicolo.

10. Cosa ti piace di più della nostra famiglia?

Per quanto comune possa sembrare la vostra famiglia, c’è sicuramente qualcosa che la rende speciale. Scopritelo con gli occhi di vostro figlio.

11. Ci sono problemi di bullismo nella tua scuola?

È un errore credere che il bullismo avvenga solo nelle scuole. A volte i bulli colpiscono la vittima nella loro cerchia più vicina. Informarsi sull’istituto scolastico può aiutare a capire se la violenza avvenga nell’ambiente più stretto.

Affrontare la situazione è fondamentale; le conseguenze del bullismo portano a depressione e ansia, come riportato dal portale Stopbullying.

Bullismo adolescenziale.
Il bullismo non avviene solo scuola. Questo argomento dovrebbe essere affrontato con cautela, ma non trascurato.

12. Qual è il tuo principale punto di forza e la tua più grande debolezza?

A qualsiasi età ci sono cose che vanno bene e altre meno. Se il ragazzo sa su cosa puntare, sarà tutto più facile. Lavorate insieme sui punti deboli affinché siano ottimali in futuro. Insegnategli ad applicare la matrice SWOT.

13. In quale parte del mondo ti piacerebbe vivere?

Con questa domanda vi avvicinate ai suoi sogni. Chiedetegli quali sono i luoghi che vorrebbe visitare o soggiornare e vivere. Quale ragazzo o ragazza non vorrebbe conoscere Tokyo, l’Australia o la Patagonia?

Domande da fare a un adolescente: alcuni errori

Un grave errore nella comunicazione genitore-figlio è credere che il giovane si aprirà fin dall’inizio. È un processo che richiede pazienza e feedback.

Inoltre, vostro figlio si aspetterà che anche voi gli parliate delle vostre esperienze.

Non cadete in generalizzazioni, svalutazioni e critiche, perché vi allontanerete dall’obiettivo. Ascoltate e mostrate interesse. Qui sta il segreto per capire un adolescente e rafforzare la fiducia.

This might interest you...
Depressione negli adolescenti, come riconoscerla?
Vivere più sani
Leggi in Vivere più sani
Depressione negli adolescenti, come riconoscerla?

Secondo l'OMS, è la terza causa di morbilità e disabilità nei ragazzi. Ecco come riconoscere la depressione negli adolescenti.