3 consigli per educare i figli adolescenti

· 14 marzo 2015

A volte non è facile. Educare un figlio adolescente richiede molta pazienza ed intelligenza emotiva, in modo da inculcare valori e limiti adatti per farlo crescere con maturità e responsabilità. Vi diamo alcuni consigli al riguardo.

Consigli per educare i nostri adolescenti

adolescenti

1. Offrire loro nuovi diritti, ma anche doveri

Normalmente, le ragazzine sono sempre un po’ più precoci e sono loro che, giunte agli 11 o 12 anni, iniziano ad avere maggiori esigenze. I ragazzi, invece, impiegano un po’ più di tempo a maturare. Di solito è verso i 13 anni che, all’improvviso e senza sapere come, diventano più testardi, orgogliosi e hanno reazioni spesso inspiegabili. 

Stanno crescendo, si stanno addentrando nel mondo degli adulti con i piedi ancora da bambini, e non è facile. Pensate a loro como ad un piccolo caos ormonale e personale nel quale si definiscono poco a poco.

Hanno bisogno di opportunità di apprendimento, esigono più diritti e libertà senza vedere con obiettività se le proprie azioni sono rischiose o meno.

La cosa migliore da fare è mantenere un equilibrio con il tema “diritti-doveri”. Potete permettere loro di salire il fine settima, sempre e quando abbiano fatto tutti i compiti di scuola. L’importante è che tornino a casa all’ora stabilita e, nel caso in cui tornino tardi, devono perdere alcuni privilegi.

L’adolescente deve imparare che la vita è piena di norme ed esigenze, anche per gli adulti. Le cose non cadono dal cielo; gli adulti lavorano per guadagnare in modo da nutrire, vestire, far vivere i propri figli.

Agli adolescenti si chiede, quindi, responsabilità nei confronti degli studi e delle proprie azioni. Ricordate anche che se stabilite delle norme, è necessario che siano ferree. Non perdonate le cose un giorno sì e l’altro no, perché altrimenti perderanno il rispetto nei vostri confronti.

2. Educare in positivo: prima il rinforno che la sanzione

Ci sono genitori che commettono l’errore di sanzionare di continuo i propri figli adolescenti. Rimproveri, discussioni, rinforzi negativi…bisogna mantenere un equilibrio. Facciamo un esempio: vengono bocciati ad un esame, tornano a casa con voti bassi e rinfacciamo loro quanto sono stati pigri e che non otterranno nulla nella vita.

Non bisogna farlo. Sveglieremo in loro sentimenti negativi, sfiducia e bassa autostima. Chiedete cosa è successo e date loro fiducia. Ditegli che vi fidate di loro e che sapete che la prossima volta passeranno la materia perché sono in grado di farcela.

Quando commettono un errore, insegnateli come fare meglio, ma non denigrateli, non criticateli. Offrite loro strategie e fiducia invece di costanti sanzioni. È la cosa migliore.

3. Una buona comunicazione e fomentare la fiducia

Cercate di trovare sempre un po’ di tempo da passare con vostro/a figlio/a adolescente e chiedetegli/le come è andata la giornata. Non giudicateli per quello che fanno o smettono di fare. Come genitore dovete orientare e questo si ottiene tramite un dialogo costante e fiducia.

Evitate che vostro figlio sia il tipico adolescente sempre chiuso nella propria stanza con il suo pc e la sua musica, che esce solo per mangiare o per vedersi con gli amici. Evitate che si isolino promuovendo attività in comune da fare in casa fin dalla tenera età.

Quando vi sedete a tavola, spegnate la televisione e parlate. Informatevi sui loro gusti, sui loro amici, sulla persona che gli/le piace…incitateli a condividere con voi le cose con tranquillità. L’ideale è che sappiano di poter trovare in voi un appoggio, mai un nemico che solo critica e non aiuta.

Ascoltateli, orientateli, siate i loro genitori, ma anche degli amici. Mettete dei limiti quando dovete ed offrite diritti quando vi dimostrano di meritarli con maturità e responsabilità.

adolescenti2

Per concludere, sappiamo che educare un figlio adolescente non è facile, che nessuno di noi dispone del manuale del genitore perfetto. Tuttavia, vi assicuriamo che con ottimismo, amore e volontà, potete crescere persone mature e responsabili capaci di essere autonome nella vita.

Persone felici che sanno che per ottenere le cose bisogna sforzarsi, che per avere buoni amici e un partner bisogna saper rispettare e comprendere gli altri. L’intelligenza emotiva è sempre una buona prospettiva su cui basarsi.

Concludiamo dicendovi una cosa importante: è necessario che sia il padre sia la madre siano d’accordo nell’educazione dei propri figli. Stessi valori e stessi propositi.

Guarda anche