3 frullati per eliminare i parassiti intestinali

3 frullati per eliminare i parassiti intestinali
Abel Verdejo

Revisionato e approvato da il fisioterapista Abel Verdejo.

Ultimo aggiornamento: 11 ottobre, 2022

La maggior parte di noi è affetto da parassiti intestinali senza saperlo. I sintomi possono essere fastidio gastrointestinale, bruciore anale, disturbi dell’appetito, nervosismo, etc. La presenza di animali domestici in casa favorisce la trasmissione di questi parassiti.

In questo articolo vi proponiamo tre ricette per preparare frullati sani e dalle proprietà medicinali, da bere ogni mattina per quindici giorni come trattamento antiparassitario naturale.

Un frullato a digiuno

Quello che mangiamo appena alzati, a digiuno, è ciò che ha più effetto nel nostro organismo perché, dopo il riposo notturno, il corpo è preparato ad assimilare nuovi nutrienti.

Se sospettate di avere dei parassiti intestinali, vi proponiamo di fare un cura naturale della durata di quindici giorni bevendo ogni mattina, prima di fare colazione o al posto della colazione, uno dei tre frullati medicinali che vi presentiamo.

Secondo la medicina tradizionale cinese, fare colazione prima delle 7 di mattina permette di aumentarne ulteriormente i benefici, perché a quell’ora l’intestino si trova nel pieno della sua attività.

Ingredienti che si devono evitare

In qualsiasi trattamento per eliminare i parassiti intestinali è fondamentale iniziare dall’alimentazione, poiché questi agenti patogeni si nutrono di alcuni alimenti. Gli alimenti che vi raccomandiamo di non assumere durante il periodo di cura antiparassitaria sono:

  • Zuccheri: sia lo zucchero bianco sia miele o sciroppo. Sono gli alimenti preferiti dei parassiti intestinali. L’unico dolcificante naturale che è permesso è la stevia, che potete usare pura o raffinata.
  • Latte: anche il latte non è raccomandato. Potete sostituirlo con bevande vegetali o, come vedrete in una delle ricette a seguire, con il kefir.

Dovrete eliminare anche i seguenti alimenti:

  • Farine raffinate
  • Cibi fritti
  • Bevande alcoliche
  • Prodotti derivati dal latte (panna, crema, gelato, etc.)

Fichi e semi di zucca

I fichi sono un frutto delizioso che favorisce e regola il transito intestinale in modo naturale. In questo caso, conferiscono un sapore dolce al frullato, quindi non ci sarà bisogno di dolcificarlo. I semi di zucca sono uno dei rimedi più usati per eliminare i parassiti e possiedono anche molteplici benefici per la salute.

Ingredienti per un frullato:

  • 3 fichi freschi o secchi. Se usate i fichi secchi, metteteli in ammollo per almeno due ore.
  • 30 semi di zucca crudi e sbucciati, precedentemente tritati.
  • 100 ml (mezzo bicchiere) di acqua, succo naturale senza zucchero o bevanda vegetale.
i fichi favoriscono e regolano il transito intestinale

Papaya e kefir

La papaya è un frutto tropicale dai grandi benefici, ideale per le malattie del tratto gastrointestinale, tra cui i parassiti. Bisogna aggiungere anche i semi della papaya, perché sono ancora più terapeutici.

Il kefir, invece, è una bevanda ottenuta dal latte fermentato, che migliora la flora batterica intestinale. Si tratta di un alimento fondamentale per combattere i parassiti.

Questi due ingredienti vi permetteranno di ottenere un frullato dal sapore delizioso e dalla consistenza cremosa, ideale per tutta la famiglia. Se desiderate, potete dolcificarlo con un po’ di stevia raffinata.

Ingredienti per un frullato:

  • 100 gr di papaya sbucciata
  • 15 semi di papaya
  • 100 gr di kefir. Se lo preparate voi in casa, potete utilizzare il latte di capra, in questo modo sarà più semplice digerirlo per il suo basso contenuto di lattosio.
  • Stevia a piacere.
la papaya è un ottimo frutto per combattere i parassiti intestinali

Potrebbe interessarvi leggere anche: Migliorare la digestione: papaya e latte di mandorle

Pompelmo e olio di oliva

Questo frullato non è indicato per tutti i palati. Tuttavia, è uno dei più depurativi che possiate preparare perché, oltre ad combattere i parassiti presenti nell’intestino, aiuta anche a pulire i reni e il fegato. Il pompelmo è un agrume dalle grandi proprietà depurative in generale e, come nel caso della papaya, i semi aiutano a eliminare i parassiti intestinali.

L’olio di oliva di qualità extra vergine facilita l’espulsione degli agenti patogeni, oltre a vantare altre numerose proprietà benefiche per la salute dell’organismo.

Questo frullato è più terapeutico che buono, ma lo potete alternare con le altre ricette che vi abbiamo suggerito oppure berlo la sera prima di andare a letto.

Ingredienti per un frullato:

  • Un pompelmo sbucciato e con i semi
  • Un cucchiaio (15 gr) di olio extra vergine di oliva

Se il frullatore non trita bene i semi del pompelmo, potete filtrare il frullato prima di berlo. Potete anche aggiungere un po’ di stevia per conferire un sapore più dolce al frullato.

il pompelmo possiede grandi proprietà depurative

Immagini per gentile concessione di madlyinlovewithlife, gregoirevdb, stefanvds e robin lee.

Potrebbe interessarti ...
Parassitosi intestinali: sintomi, cause e rimedi naturali
Vivere più sani
Leggi in Vivere più sani
Parassitosi intestinali: sintomi, cause e rimedi naturali

Tra le principali aggressioni al nostro apparato digerente troviamo senza dubbio le parassitosi intestinali. Scopriamo i sintomi, le cause e come e...



  • Franco, M. C., Golowczyc, M. A., De Antoni, G. L., Perez, P. F., Humen, M., & Serradell, M. d. l. A. (2013). Administration of kefir-fermented milk protects mice against Giardia intestinalis infection. Journal of Medical Microbiology, 62(12), 1815–1822. https://doi.org/10.1099/jmm.0.068064-0
  • Grzybek, M., Kukula-Koch, W., Strachecka, A., Jaworska, A., Phiri, A., Paleolog, J., & Tomczuk, K. (2016). Evaluation of Anthelmintic Activity and Composition of Pumpkin (Cucurbita pepo L.) Seed Extracts—In Vitro and in Vivo Studies. International Journal of Molecular Sciences, 17(9), 1456. https://doi.org/10.3390/ijms17091456
  • Hodges, R. E., & Minich, D. M. (2015). Modulation of Metabolic Detoxification Pathways Using Foods and Food-Derived Components: A Scientific Review with Clinical Application. Journal of Nutrition and Metabolism, 2015, 1–23. https://doi.org/10.1155/2015/760689
  • Levecke, B., Buttle, D. J., Behnke, J. M., Duce, I. R., & Vercruysse, J. (2014). Cysteine proteinases from papaya (Carica papaya) in the treatment of experimental Trichuris suis infection in pigs: two randomized controlled trials. Parasites & Vectors, 7(1), 255. https://doi.org/10.1186/1756-3305-7-255
  • Li, T., Ito, A., Chen, X., Long, C., Okamoto, M., Raoul, F. et al. (2012). Usefulness of pumpkin seeds combined with areca nut extract in community-based treatment of human taeniasis in northwest Sichuan Province, China. Acta Tropica, 124(2), 152–157. https://doi.org/10.1016/j.actatropica.2012.08.002
  • Moraes, D., Levenhagen, M. A., Costa-Cruz, J. M., Costa Netto, A. P. da, & Rodrigues, R. M. (2017). In vitro efficacy of latex and purified papain from Carica papaya against Strongyloides venezuelensis eggs and larvae. Revista Do Instituto de Medicina Tropical de São Paulo, 59, e7. https://doi.org/10.1590/s1678-9946201759007
  • Palmer-Young, E. C., & Thursfield, L. (2017). Pollen extracts and constituent sugars increase growth of a trypanosomatid parasite of bumble bees. PeerJ, 5, e3297. https://doi.org/10.7717/peerj.3297
  • Rigacci, S., & Stefani, M. (2016). Nutraceutical Properties of Olive Oil Polyphenols. An Itinerary from Cultured Cells through Animal Models to Humans. International Journal of Molecular Sciences, 17(6), 843. https://doi.org/10.3390/ijms17060843
  • Stepek, G., Buttle, D. J., Duce, I. R., & Behnke, J. M. (2006). Human gastrointestinal nematode infections: are new control methods required? International Journal of Experimental Pathology, 87(5), 325–341. https://doi.org/10.1111/j.1365-2613.2006.00495.x
  • Sulaiman, N. (2014). Antihemintic and Hematological Changes of Natural Plant Carica papaya Seed Extract against Gastrointestinal Nematode. Journal of Biology, Agriculture and Healthcare, 4(3), 8-12. Texto completo

Il contenuto di questa pubblicazione è solo a scopo informativo. In nessun caso possono servire a facilitare o sostituire diagnosi, trattamenti o raccomandazioni di un professionista. Se avete dei dubbi, consultate il vostro specialista di fiducia e chiedete la sua approvazione prima di iniziare qualsiasi procedura.