4 consigli per evitare le malattie ai reni

25 marzo 2016
Anche se molti non ne sono a conoscenza, coloro che soffrono di pressione alta e di diabete, sono propensi a sviluppare calcoli renali. Per questo motivo, bisogna sottoporsi spesso a controlli medici

Le malattie ai reni possono colpire qualsiasi persona. Dato che i reni hanno il compito di depurare il corpo dalle tossine introdotte con il cibo, una buona alimentazione può aiutare ad evitare questi problemi.

Quali precauzioni prendete per evitare le malattie ai reni? Depurate abitualmente i vostri reni? Siete sicuri che la vostra alimentazione sia bilanciata oppure mangiate in modo disordinato?

Le complicazioni dei problemi ai reni sorgono perché questa patologia di solito è silenziosa fino a quando non arriva ad uno stadio avanzato difficile da curare. Quello che accade normalmente è avvertire dolori quando i calcoli sono già piuttosto grandi.

Cosa sono le malattie ai reni?

Le malattie renali (conosciute anche come nefropatie) sono complicazioni che diminuiscono le capacità del rene, ostacolando il suo corretto funzionamento.

Queste avanzano gradualmente fino a quando il rene non riesce più a svolgere le sue funzioni. La buona notizia è che, una volta individuato il problema, si può recuperare in parte o totalmente la funzione persa.

Il medico vi fornirà una serie di raccomandazioni da seguire alla lettera. In più, potete avvalervi dei seguenti consigli.

1. Attenzione alla vostra dieta

Avrete sicuramente letto che bisogna avere una dieta variata. Questo non solo vi permetterà di variare i vostri cibi in modo sano e delizioso, ma aiuterà anche il vostro corpo ad ottenere diversi nutrienti che contrasteranno le malattie ai reni.

Gli alimenti che non devono mancare nella vostra dieta sono:

Mirtilli

mirtilli

I mirtilli sono un’eccellente opzione per evitare le malattie ai reni o per combatterle se già sono presenti. Oltre ad avere un sapore delizioso e fresco, apportano una grande quantità di antiossidanti al corpo.

Anche se potrebbero risultare un po’ cari, dovete sapere che ne bastano solo 25 per ottenere dagli 800 ai 1000 mg di fosforo. Inoltre, contengono una quantità minima di potassio, nutriente che bisogna evitare quando si è a rischio di sviluppare alcune malattie renali.

Leggete anche: Un disintossicante naturale a base di yogurt e mirtilli

Sedano

Secondo alcune credenze, non bisogna mangiare sedano quando si soffre di malattie renali. Tuttavia, il sedano apporta grandi benefici per evitare molti tipi di nefropatie.

I suoi composti chimici organici regolano gli ormoni dello stress e migliorano le funzioni del sistema immunitario. Questi due fattori, infatti, si alterano quando si presenta qualsiasi tipo di malattia ai reni.

Dimagrire, inoltre, è più facile quando includete il sedano nella vostra dieta, perché ogni gambo di sedano apporta solo 10 calorie ed il corpo impiega più tempo nel suo processo di assorbimento di grassi.

Melanzane

melanzane

I pazienti che già convivono con patologie renali di solito hanno una dieta molto rigida. Nonostante ciò, uno degli alimenti che gli viene consigliato è la melanzana.

Questo vegetale è ricco di fibra dietetica che facilita le funzioni del sistema digerente. Inoltre, apporta vitamina B, vitamina C ed acido folico, nutrienti essenziali per il corpo.

Evitate gli eccessi di proteine

Sebbene sia necessario assumere proteine, queste devono far parte della vostra dieta solo dal 10% al 35% per evitare malattie ai reni. Sarebbe meglio optare per le proteine vegetali invece di carne e derivati animali.

2. Limitate il consumo di sale

Siamo così abituati a mangiare sale in grandi quantità che nemmeno ce ne rendiamo conto. Il sale è presente in tutti gli alimenti precotti o in scatola e, se non si presta attenzione, può causare la formazione di calcoli renali.

Per iniziare, bisogna diminuire le quantità di sale che utilizzate per condire i vostri alimenti. Per esempio, potete mangiare le insalate senza aggiungere sale, sebbene nella ricetta sia consigliato aggiungerne un pizzico.

I condimenti che utilizziamo sono ricchi di sale e conservanti

cucchiai di legno con sale

Nel caso degli alimenti che vanno cotti, potete utilizzare il sale grosso; esistono sostituti che sarebbe meglio evitare perché preparati con sostanze chimiche che possono danneggiare i reni.

Il motivo per cui dovete evitare il sale fino è che potrebbe aumentare la pressione arteriosa, creare complicazioni ed apportare altre malattie.

Leggete anche: Come diminuire la pressione alta con il pomodoro

3. Controllate la vostra pressione arteriosa ed i livelli di glucosio

Sapevate che le persone che soffrono di pressione alta e diabete sono più propense a sviluppare patologie ai reni? Questo perché queste due malattie compromettono le corrette funzioni di questi importanti organi.

Quando i vostri livelli di pressione arteriosa sono alla soglia del normale, i reni faticano a filtrare il sangue, l’urina e le tossine. Se questa situazione non viene tenuta sotto controllo, con il passare del tempo i reni vengono danneggiati irreversibilmente.

In caso di diabete, i livelli elevati di glucosio provocano la perdita di proteine nelle urine. Se convivete con questo problema, dovete assicurarvi che il glucosio si mantenga a livello appropriato.

Il vostro medico deve controllare almeno due volte all’anno il funzionamento dei vostri reni.

4. Fate esercizio fisico in maniera regolare

donna che pratica esercizio fisico

Lo stile di vita sedentario è uno dei principali nemici dei vostri reni. Quando passate troppo tempo seduti e senza muovervi, i reni diventano pigri e le loro funzioni diminuiscono.

È possibile evitare le malattie ai reni praticando un po’ di esercizio fisico tutti i giorni. Dovete fare almeno 3 minuti di attività fisica tre volte alla settimana.

Le patologie renali possono condizionare gravemente la nostra vita, per questo è importante prendere tutte le precauzioni necessarie per evitare che sorgano. Nel caso in cui stiate già lottando contro questo problema, sappiate che potete cambiare la situazione con questi piccoli accorgimenti.

Guarda anche