5 cibi dannosi che includiamo nella dieta di ogni giorno

Eliminare questi alimenti poco sani non significa affatto impoverire la nostra dieta. Al contrario, apre la porta a un mondo di prodotti sani e salutari.
5 cibi dannosi che includiamo nella dieta di ogni giorno

Ultimo aggiornamento: 14 gennaio, 2022

Seguire una dieta sana ed equilibrata può sembrare complicato, soprattutto se le industrie alimentari spacciano come nutrienti dei cibi dannosi o poco utili.

Sebbene al giorno d’oggi sia più facile informarsi ed evitare questa categoria di alimenti, spesso continuiamo a consumarli per pigrizia o per dipendenza.

Alcune preparazioni, tuttavia, hanno effetti negativi sull’organismo a medio e lungo termine. L’aspetto più preoccupante è che tendono a essere incluse regolarmente nella dieta. In molte culture sono addirittura la base per la preparazione di moltissime ricette.

Vediamo perché dovremmo evitare questi 5 cibi dannosi e come sostituirli. Conoscerli e ridurre al massimo il loro consumo è il modo migliore per proteggere la nostra salute.

5 cibi dannosi presenti nella nostra dieta regolare

1. Riso bianco o raffinato

Riso bianco o raffinato, uno dei cibi dannosi per la salute,

Il riso bianco ha un aspetto più attraente, ma non è il più salutare. Affinché il chicco intero assuma questo colore, deve subire un processo di raffinazione in cui vengono rimossi lo strato esterno e il germe. Questa è proprio la porzione in cui risiede gran parte delle sue proprietà.

Il risultato è un cereale con pochi nutrienti e un alto contenuto di amido. Un consumo regolare di riso bianco è stato associato a un aumento dei livelli di zucchero nel sangue e, a lungo termine, al diabete.

Secondo questo studio, un elevato consumo di riso bianco è associato a un rischio significativamente aumentato di diabete di tipo 2, soprattutto nelle popolazioni asiatiche.

Come comportarsi?

Anche se è un po’ più costoso, il miglior sostituto è il riso integrale, quello che nel suo chicco conserva tutte le sostanze nutritive che il riso bianco perde. Fornisce vitamine del complesso B, contiene fibre, è privo di glutine ed è povero di grassi.

2. Farina di frumento raffinata

La farina di frumento raffinata è un altro cibo dannoso della nostra lista. Anche in questo caso, risulta povero di sostanze nutritive perché il guscio del cereale è stato rimosso. Come abbiamo detto, questa è la parte del chicco che concentra fibre, vitamine e sali minerali.

Viene, inoltre, sottoposta a trattamenti chimici che portano alla formazione di un sottoprodotto chiamato allossano. Si tratta di una sostanza utilizzata negli esperimenti scientifici per indurre il diabete nei topi sani.

Contrariamente a quanto accade con la versione integrale, questo tipo di farina causa stitichezza e facilita la ritenzione idrica.

Come comportarsi?

Scegliete sempre la farina e farinacei integrali come pane, dolci o pasta. Alcune ricerche suggeriscono un effetto positivo della farina integrale nella prevenzione del diabete di tipo 2.

3. Zucchero bianco

Cibi dannosi: zucchero bianco

Lo zucchero bianco non deve essere considerato un alimento, ma una sostanza chimica, anche se viene estratta da fonti vegetali come la canna o le barbabietole.

È molto povero di sostanze nutritive, ha un alto indice calorico ed è stato collegato a obesità, malattie metaboliche e cardiovascolari.

Oltre a non fornire vitamine, minerali, fibre o altri nutrienti, crea una forte dipendenza e porta a disturbi del sistema nervoso e immunitario.

Ugualmente dannosi sono i dolcificanti chimici che sono associati all’obesità e al cancro. Questi includono: aspartame, saccarina e ciclamati, che si trovano spesso nelle cosiddette bibite light.

Come comportarsi?

È molto difficile eliminare completamente lo zucchero dalla dieta, poiché, oltre a creare dipendenza, è presente anche in molti altri prodotti di consumo quotidiano.

Tuttavia, con molta forza di volontà, potete iniziare a ridurlo poco a poco fino a quando non sarà più necessario aggiungerlo. Preferite i dolcificanti naturali come la stevia o il miele.

4. Sale da tavola

Il sale da cucina è uno degli ingredienti più presenti nella dieta quotidiana. Questa varietà di sale non è altro che cloruro di sodio a cui vengono aggiunti artificialmente fluoro e iodio.

È presente in molti alimenti e viene solitamente assunto in quantità eccessive.

Se dosi ridotte non rappresentano un rischio per la salute, l’accumulo di grandi quantità nel corpo sono legate alla ritenzione di liquidi, all’ipertensione e alle malattie infiammatorie.

Come comportarsi?

Come sostituto del sale raffinato potete usare spezie e condimenti naturali.

5. Oli vegetali

Uno dei grandi errori che spesso commettiamo è credere che tutti gli oli siano sani semplicemente perché provengono da una fonte vegetale.

In realtà alcuni tipi, come l’olio di palma o di soia, sono alimenti dannosi. Non sono ideali perché sono ricchi di grassi saturi e aumentano i livelli di colesterolo.

Come comportarsi?

Acquistate prodotti a base di grassi monoinsaturi come l’olio extravergine di oliva.

Mangiate spesso questi cibi dannosi? Provate da oggi a ridurli e a cercare alternative più sane.

Potrebbe interessarti ...
Cibi in scatola: consumare il liquido di conservazione?
Vivere più sani
Leggi in Vivere più sani
Cibi in scatola: consumare il liquido di conservazione?

Probabilmente anche voi avete questo dubbio: è sano consumare il liquido di conservazione dei cibi in scatola? Scopritelo in questo articolo!



  • Chayakrit Krittanawong, Anusith Tunhasiriwet, HongJu Zhang, Larry J Prokop, Sakkarin Chirapongsathorn, Tao Sun, Zhen Wang. Is white rice consumption a risk for metabolic and cardiovascular outcomes? A systematic review and meta-analysis. (2017).
  • ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC5818041/

    • Harvard Health Publishing. Harvard Medical School. The sweet danger of sugar. (2017).
  • health.harvard.edu/heart-health/the-sweet-danger-of-sugar
  • Bog-Hieu Lee, Ae-Ri Yang, Mi Young Kim, Sara McCurdy, William A. Boisvert. Natural sea salt consumption confers protection against hypertension and kidney damage in Dahl salt-sensitive rats.
  • ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC5328355/
  • Shakila Banu M, Sasikala P. Alloxan in refined flour: A Diabetic concern. (2012).
  • pdfs.semanticscholar.org/7c89/6689523368460df60e5d01a7f49b8811f0a3.pdf

  • Sophia Rasheeqa Ismail. Systematic review of palm oil consumption and the risk of cardiovascular disease. (2018).
  • ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC5831100/