Consigli nutrizionali per il diabete di tipo 2

La dieta è determinante al fine di tenere sotto controllo il diabete di tipo 2. Bisognerà, pertanto, ricevere consigli personalizzati per un trattamento nutrizionale adeguato.
Consigli nutrizionali per il diabete di tipo 2

Ultimo aggiornamento: 01 luglio, 2021

La dieta è determinante al fine di tenere sotto controllo il diabete di tipo 2. Sebbene molti fattori influenzino lo sviluppo di questa malattia, ricevere i giusti consigli nutrizionali per il diabete di tipo 2 è fondamentale per prevenire complicazioni. Cosa bisogna sapere al riguardo?

Cos’è il diabete di tipo 2?

Il diabete mellito è una malattia metabolica cronica che si manifesta con livelli di glucosio superiori a quelli raccomandati. Nel caso specifico del diabete di tipo 2, il corpo smette di usare correttamente l’insulina.

Quest’ultimo è un ormone prodotto dal pancreas la cui funzione è quella di aiutare il glucosio a entrare nelle cellule ed essere utilizzato per produrre energia.

Tra i fattori di rischio per lo sviluppo di questa patologia ci sono: storia familiare di diabete mellito, età, obesità e sedentarietà. Di fatto, è comune che le persone con diabete di tipo 2 siano anche in sovrappeso oppure obese.

Ridurre l’apporto calorico, pur mantenendo un adeguato e sano consumo di nutrienti, è utile per favorire il dimagrimento. Perdere peso aiuta a equilibrare i livelli della glicemia e la pressione sanguigna.

Cosa dovrebbe mangiare chi ha il diabete di tipo 2?

Poiché non esiste una dieta ideale per tutti i pazienti né una percentuale di macronutrienti che può essere applicata in maniera generale, si consigliano una dieta e un programma di allenamento indicati da un professionista. Lo afferma una ricerca pubblicata sulla rivista BMJ.

Secondo l’ultimo congresso dell’American Diabetes Association (ADA), gli obiettivi del trattamento nutrizionale dovrebbero essere i seguenti:

  • Migliorare i parametri dell’emoglobina glicata, abbassare i livelli di ipertensione e di colesterolo.
  • Raggiungere e mantenere un peso sano. Essere costanti e adottare nuove abitudini alimentari sono determinanti in tal senso.
  • Prevenire eventuali complicazioni.

Uno dei punti da tenere in considerazione, una volta diagnosticata la malattia, è dunque l’alimentazione.

Alimenti ricchi di carboidrati

Alimenti fonti di carboidrati.
La persona con diabete di tipo 2 dovrebbe prediligere le fonti di carboidrati complessi piuttosto che quelli semplici.

Frutta, verdura, verdura, legumi e cereali integrali: questi alimenti dovrebbero essere la principale fonte di carboidrati in qualsiasi dieta sana, ma soprattutto se si soffre di diabete di tipo2. Essendo costituiti in parte da fibre, il loro ingresso nel flusso sanguigno è più lento e non si verificano picchi glicemici.

Oltre a ciò, aumentano la sensazione di sazietà, che aiuta a mantenere il peso forma. Secondo una ricerca pubblicata sulla rivista Nutrients, il consumo di fibre sembra avere un effetto positivo sui livelli sierici di colesterolo e su altre cause di rischio cardiovascolare come l’ipertensione.

Un consumo di circa 26 grammi al giorno nelle donne e 28 grammi al giorno negli uomini è raccomandato anche nelle persone con diabete di tipo 2.

I carboidrati semplici

Non accade lo stesso con i cibi ricchi di carboidrati semplici, tra cui pasticcini, dolci, succhi di frutta, ecc. Questi alimenti sono privi di fibre, dunque il loro impatto sulla glicemia è maggiore.

Anche il consumo di cereali di grano duro (cioè quei cereali che conservano le loro tre parti, la farina, la crusca e il germe di grano) sembra positivo. Sebbene non vi siano prove sufficienti in merito al controllo della glicemia, sono correlati a un rischio minore di infiammazione sistemica e mortalità.

Dolcificanti non calorici

Sebbene gli studi sul campo affermino che i dolcificanti non calorici come la saccarina o la stevia non alterano la funzione glicemica, molti degli alimenti che li contengono potrebbero alterarla a causa degli ingredienti utilizzati nella preparazione del prodotto.

Usati come sostituti dello zucchero, possono essere utili per ridurre il consumo di saccarosio o “zucchero da tavola”, sebbene siano necessari ulteriori studi per confermarlo.

Consigli nutrizionali per il diabete di tipo 2: altri cibi

Per quanto riguarda il resto degli alimenti, le raccomandazioni sarebbero quelle valide per le persone che non soffrono di diabete. Nel caso delle proteine, anche queste devono essere selezionate, ma le raccomandazioni sono quelle valide per tutti.

L’assunzione di proteine ​​ad alto valore biologico, infatti, potrebbe essere correlata ad un miglioramento della risposta all’insulina, senza aumentare il livello di glucosio plasmatico.

Nel caso dei grassi, come nel caso delle proteine, l’evidenza suggerisce che non importa tanto la quantità quanto la qualità. Bisogna aumentare il consumo di grassi di buona qualità (semi, avocado, pesce grasso, ecc.) e diminuire quelli di qualità inferiore, presenti nelle carni lavorate e nei cibi precotti, tra gli altri.

Grassi sani.
Le fonti di Omega 3 agiscono regolando l’infiammazione del corpo.

Anche gli alimenti ricchi di proteine ​​ad alto valore biologico e di grassi sani trovano posto nella dieta del paziente diabetico.

Ulteriori consigli nutrizionali per il diabete di tipo 2

Altre raccomandazioni per la gestione nutrizionale del diabete di tipo 2 includono:

  • Prediligere i carboidrati dal basso indice glicemico.
  • Ridurre il consumo di alimenti ricchi di grassi trans e saturi, poiché favoriscono la dislipidemia.
  • Per quanto riguarda il pesce, in particolare il pesce azzurro, si consiglia di mangiarlo almeno due volte a settimana per via del contenuto di acidi grassi Omega 3.
  • Per ridurre il rischio di dislipidemia, si consiglia di consumare cibi ricchi di steroli (solitamente arricchiti), sempre nel quadro di una dieta sana.
  • Il consumo moderato di latticini, soprattutto fermentati (come yogurt e formaggi), sembra aiutare a tenere sotto controllo e prevenire il diabete di tipo 2.

Consigli nutrizionali per il diabete di tipo 2

Poiché molti pazienti con diabete di tipo 2 sono in sovrappeso o obesi, un piano nutrizionale adattato, insieme all’esercizio fisico, è di vitale importanza per dimagrire e ridurre il rischio di complicazioni. In generale, alcuni suggerimenti che dovrebbero essere presi in considerazione sono:

  • Equa distribuzione dei pasti che includano cibi freschi e sani e tenendo sempre conto delle preferenze e delle esigenze individuali.
  • Ridurre il consumo di alimenti specifici, nello specifico a basso contenuto di fibre e ad alto contenuto di grassi di scarsa qualità, che non possono essere considerati cibi sani.
  • Ridurre gli zuccheri come il saccarosio e gli alimenti ricchi di questi (torte, pasticcini, dolci, gelati, cereali per la colazione zuccherati e succhi di frutta).
  • Evitare i piatti precotti, le salse pronte, eccetera, che sono ricchi di grassi trans, saturi e sale. Invece, è consigliabile imparare a preparare delle ricette proprie, eliminando o sostituendo lo zucchero con altri alimenti. Ad esempio, il dolcificante con la frutta.
Troppi zuccheri.
I pazienti con diabete di tipo 2 dovrebbero escludere dalla dieta tutte le fonti di zuccheri.
  • Per chi assume insulina, insistere sull’educazione alimentare per bilanciare la dose di insulina tramite l’assunzione di carboidrati.
  • Evitare il consumo di alcol, che può aumentare il rischio di ipoglicemia, soprattutto se si assume insulina.
  • Ridurre il consumo di sale, soprattutto se si soffre anche di ipertensione. In quest’ultimo caso, il consumo di sale dovrebbe essere ridotto al massimo; meglio sostituirlo con altre spezie.

Conclusioni

Il diabete di tipo 2 può essere migliorato grazie a una dieta sana. I consigli nutrizionali per il diabete di tipo 2, tuttavia, dovranno essere personalizzati.

In linea generale, però, bisogna includere le giuste fonti di carboidrati ed escludere gli zuccheri e grassi trans in eccesso; infine moderare l’apporto calorico totale.

Potrebbe interessarti ...
Sport e diabete: consigli per la dieta
Vivere più saniLeggi in Vivere più sani
Sport e diabete: consigli per la dieta

Le persone diabetiche devono fare attenzione alla quantità di carboidrati ingeriti. Come conciliare diabete e sport e cosa mangiare?



  • Forouhi NG., Misra A., Mohan V., Taylor R., Yancy W., Dietary and nutritional approaches for prevention and management of type 2 diabetes. BMJ, 2018.
  • Soliman GA., Dietary fiber, atherosclerosis, and cardiovascular disease. Nutrients, 2019.