Colesterolo più basso con 5 rimedi naturali

2 Febbraio 2020
Per riuscire a ridurre il colesterolo, è importante incrementare il consumo di prodotti ricchi di fibre, così come di alimenti con proprietà vasodilatatrici, tra cui l'aglio e lo zenzero.

Adottare le giuste misure per ottenere un colesterolo più basso è di fondamentale importanza una volta che vengono diagnosticati dei livelli alti. In caso contrario, si rischia di esporsi a diversi problemi di salute e, in particolare, al rischio di soffrire di malattie cardiovascolari.

Il problema peggiora nei casi in cui si abbia una predisposizione genetica alle malattie cardiache, ma anche se si soffre di sovrappeso o obesità, si seguono cattive abitudini (come il fumo e l’alcol), si commettono eccessi e, in generale, non ci si alimenta bene.

La dieta svolge un ruolo chiave nel mantenere il colesterolo più basso possibile, in quanto attraverso essa si ottengono i nutrienti necessari per il corretto funzionamento dell’organismo.

Diamo un’occhiata ad alcuni degli alimenti da includere per mantenere un’alimentazione equilibrata. In molti li definiscono “rimedi naturali”.

1. Scagliola

La scagliola

La scagliola per uso umano (non quella che si dà da mangiare agli uccellini, per intenderci), è un alimento che contiene amido, lipidi, resina, acidi salicilici e ossalici e sostanze azotate. Può essere consumato in infusi, frullati, succhi di frutta o insalate.

  • Con il suo latte potete preparare una bevanda ricca di calcio e proteine.

Consiglio per assumerla: latte di scagliola.

  • Lasceremo i semi di scagliola a mollo per tutta la notte.
  • Il giorno dopo frulleremo il tutto con acqua.
  • Filtreremo la bevanda e berremo.

2. Carote

carote

La carota è un ortaggio sempre presente in casa. All’interno di una dieta equilibrata, può aiutare a combattere il colesterolo in eccesso, per due motivi:

  • Da un lato è ricca di beta-caroteni che stimolano la produzione di vitamina A, un antiossidante che migliora la sintesi del colesterolo buono o HDL e che riduce il colesterolo cattivo o LDL.
  • Dall’altro le carote contengono molte fibre, che è imprescindibile in una dieta che aiuti a mantenere sotto controllo il colesterolo. Questa fibra trascina il colesterolo e ne facilita l’eliminazione attraverso l’intestino.

3. Colesterolo più basso con l’avena

L’avena è un cereale eccellente per la salute, sempre che non si soffra di intolleranza al glutine. La sua principale caratteristica è che ha un alto contenuto di fibra solubile che interferisce con l’assorbimento del colesterolo.

Inoltre, fornisce vitamina E, B, proteine e acido linoleico, tra gli altri nutrienti. Ed è anche efficace nel stabilizzare i livelli di glucosio nel sangue. Facilita anche la digestione. Il consiglio è di consumare da 10 a 25 grammi di farina d’avena al giorno.

Vi consigliamo di leggere: Fa bene mangiare aglio a stomaco vuoto?

4. Aglio

aglio

Secondo le credenze popolari, l’aglio può aiutare a ridurre il colesterolo. Negli ultimi anni, sono state condotte diverse ricerche al riguardo, ma le prove hanno indicato che l’aglio non è un alimento che, da solo, può aiutare a raggiungere tale obiettivo. D’altro canto, si è chiarito che in questo ambito, il consumo di aglio crudo e la cura dell’aglio tibetano non sono efficaci.

Leggete anche: Latte di scagliola: i motivi per cominciare a berlo

5. Zenzero

Colesterolo più basso con lo zenzero

Lo zenzero è una radice esotica, aromatica e speziata, che contiene antiossidanti che potrebbero aiutare a ridurre il colesterolo, nel quadro di una dieta equilibrata. Inoltre, favorirebbe la salute del sistema cardiovascolare.

Altri alimenti in grado di mantenere il colesterolo più basso

Per abbassare il colesterolo dovremo seguire le linee guida del medico e includere cibi sani nell’alimentazione, in modo da ottenere tutti i nutrienti di cui abbiamo bisogno.

Alcuni degli alimenti che è possibile includere, sono:

  • Semi di coriandolo: in diversi studi si è scoperto che i semi di coriandolo possono aumentare la degradazione del colesterolo.
  • Mandorle: sono ricche di acidi grassi insaturi, fibre, fitosteroli e regolano gli enzimi legati alla sintesi del colesterolo.
  • Mirtilli: sono ricchi di antiossidanti, quindi potrebbero aiutare a ridurre il colesterolo cattivo e aumentare il colesterolo buono.

Non dovremmo mai basare la dieta su un singolo alimento, indipendentemente da quanti nutrienti possa avere. Dobbiamo sempre mantenere una certa varietà ed equilibrio così da fornire nutrienti di qualità al corpo, il quale ci ricompenserà con il benessere nel lungo termine.

In caso di assunzione di qualsiasi tipo di farmaco per abbassare il colesterolo, sarà necessario seguire sempre le istruzioni del medico e, prima di apportare qualsiasi modifica a riguardo, consultate sempre prima il professionista.

  • Niwa, R., & Niwa, Y. S. (2011). The Fruit Fly Drosophila melanogaster as a Model System to Study Cholesterol Metabolism and Homeostasis. Cholesterol. https://doi.org/10.1155/2011/176802
  • Cholesterol Binding and Cholesterol Transport Proteins: (2010). https://doi.org/10.1007/978-90-481-8622-8
  • Absorption, C. (2013). Cholesterol Absorption, Synthesis, Metabolism, and Fate. Marks’ Basic Medical Biochemistry: A Clinical Approach.
  • Orth, M., & Bellosta, S. (2012). Cholesterol: Its Regulation and Role in Central Nervous System Disorders. Cholesterol. https://doi.org/10.1155/2012/292598