Come individuare la sensibilità al glutine

27 novembre 2015
Sia la celiachia sia la sensibilità al glutine richiedono di apportare una serie di cambiamenti nell'alimentazione quotidiana, in particolare è bene eliminare gli alimenti che contengono glutine per evitare altri problemi di salute.

La celiachia è un disturbo che deriva dall’intolleranza al glutine e nel mondo colpisce una persona su 100. In alcuni casi, è possibile presentare sintomi simili anche se la diagnosi di celiachia risulta negativa.

Per questo, gli esperti di salute hanno introdotto l’espressione “sensibilità al glutine non celiaca” e, sebbene fino ad ora non esista un’analisi esatta per individuarla, i medici concordano nel dire che la si può tenere sotto controllo con una dieta priva di glutine.

Molte persone con questi problemi ricorrono a misure rapide senza prima consultare un medico e adottano una dieta priva di glutine per evitare i fastidiosi sintomi.

Tuttavia, è molto importante individuare correttamente la sensibilità al glutine, perché un’alimentazione che non lo contenga non è facile da seguire e l’ideale è farlo sotto la supervisione di uno specialista per evitare alterazioni.

Come per altri problemi di salute, la celiachia e la sensibilità al glutine non celiaca non possono essere individuate in tempo se non se ne conoscono i sintomi. Per questo, è molto importante informarsi e saper identificare il momento in cui i sintomi richiedono un parere medico.

Volete saperne di più? leggete anche: Controllare l’ipertensione: rimedi naturali e alimentazione.

Quali sono i sintomi che rivelano un problema di sensibilità al glutine?

Sensibilità-al-glutine2

Nel 2009, il National Institute for Health and Care Excellence (NICE) ha pubblicato una guida sul riconoscimento e la valutazione della malattia celiaca, elaborata da un equipe di gastroenterologi, dietisti, nutrizionisti, immunologi con la collaborazione delle associazioni dei pazienti.

Questa guida consiglia ai medici di suggerire al paziente di sottoporsi ad analisi del sangue come prima misura per diagnosticare un possibile caso di celiachia, soprattutto in caso di precedenti familiari o alcuni di questi problemi di salute:

Le analisi del sangue anche nel caso in cui il paziente presenti questi sintomi:

  • Gonfiore addominale e gas frequenti
  • Sindrome dell’intestino irritabile o reflusso acido
  • Diarrea o stitichezza cronica quotidiana
  • Nausea e vomito frequenti
  • Ritardo nello sviluppo o nella crescita (nei bambini)
  • Perdita di peso improvvisa o immotivata
  • Emicrania e mal di testa
  • Dolori alle articolazioni
  • Stanchezza prolungata
  • Depressione o ansia
  • Eczema cronico o acne
  • Anemia per carenza di ferro immotivata o altri tipi.

Le analisi del sangue ovviamente vanno sottoposte all’attenzione del medico e la diagnosi va confermata con una biopsia intestinale.

Le diagnosi alternative vanno evitate, perché sia la celiachia sia la sensibilità al glutine implicano cambiamenti importanti per la salute che devono essere tenuti adeguatamente sotto controllo attraverso l’eliminazione definitiva degli alimenti che contengono glutine.

Come comportarsi in caso di sensibilità al glutine?

Farina

Se avete riconosciuto di manifestare più sintomi tra quelli appena citati, in maniera sporadica o cronica, la cosa migliore da fare è consultare un medico per avere una diagnosi chiara e corretta.

Vi consigliamo di seguire una dieta priva di glutine per 60 giorni consecutivi per verificare se effettivamente i sintomi che manifestate sono una conseguenza della sensibilità al glutine

Non riuscire ad eliminare il glutine dall’alimentazione è un chiaro segnale di dipendenza e questo va comunicato al medico o nutrizionista.

I cereali che contengono glutine sono:

  • Il grano
  • La segale
  • Il farro
  • L’orzo
  • Il kamut
  • L’avena
  • Il triticale

Tra i cereali che non contengono glutine ricordiamo:

Pane

Quando comprate alimenti in scatola, controllate bene l’etichetta perché spesso il glutine è presente in grandi quantità.

In generale, fate attenzione a:

  • Alimenti lavorati
  • Salse e condimenti per insalate
  • Cibi con molti ingredienti
  • Cibi pronti
  • Dolci, pane e prodotti da forno.

Non dimenticate di leggere anche: Perché non bisogna buttare l’acqua di cottura del riso?

Dopo il periodo di dieta senza glutine, vi consigliamo di consultare nuovamente il medico per analizzare eventuali cambiamenti nell’organismo e nei sintomi e verificare così i miglioramenti.

Se si tratta di celiachia o di sensibilità al glutine, allora di certo la dieta senza glutine è l’ideale e potete continuare a seguirla per evitare che problemi di questo tipo compromettano la buona qualità di vita.

Dopo la diagnosi del medico, da parte vostra è necessario uno sforzo costante per cambiare le vostre abitudini alimentari e assicurarvi che il glutine non faccia mai più parte della vostra dieta.

Guarda anche