5 sintomi dell’ovaio policistico

La sindrome dell'ovaio policistico può manifestarsi con sintomi piuttosto fastidiosi e che possono influire sull'autostima della donna.

Molte donne soffrono della sindrome dell’ovaio policistico, causata da uno squilibrio ormonale.

Il problema principale è che si possono formare delle cisti e per questo motivo è fondamentale identificare i sintomi della sindrome della policistosi ovarica.

Anche se molte cisti non arrivano mai a crescere, in alcuni casi questo può accadere. Nel caso in cui si sviluppino, queste possono causare dolore e se una cisti esplode, la situazione può complicarsi. Sebbene non ci sia da allarmarsi, sappiate che c’è una soluzione.

Alla luce di ciò, è fondamentale identificare i sintomi dell’ovaio policistico quanto prima per iniziare dei controlli e una terapia adeguati. Solitamente vengono prescritti contraccettivi e questo perché prevengono la formazione di cisti, bloccando nell’ovaio la produzione di ovuli.

Sintomi della Sindrome dell’ovaio policistico

1. Presenza di acne

Uno dei sintomi della sindrome dell’ovaio policistico è la presenza di acne persino dopo l’adolescenza. Anche se può presentarsi con maggiore o minore intensità, è certo che l’acne è indice di qualcosa che non va nell’organismo e che, proprio per questo, si riflette sull’epidermide.

La pelle grassa può essere intesa come una caratteristica della nostra pelle e, a causa di questa condizione, compaiono imperfezioni senza che possiamo evitarlo. Se abbiamo già superato l’adolescenza, andare dal medico potrebbe darci conferma che il problema va ben oltre una semplice acne. Così facendo eviteremo complicazioni.

Acne in viso

2. Peluria sul viso o in altre zone del corpo

Uno dei sintomi della sindrome dell’ovaio policistico è la comparsa di abbondante peluria in zone dove normalmente non dovrebbe essercene. Ad esempio, sul petto, nel viso o sul collo. Anche qui, per confermare i nostri sospetti, la cosa migliore da fare è rivolgerci al medico, prima di intervenire in qualsiasi modo.

Dato che la peluria in queste zone colpisce negativamente l’autostima, molte donne si precipitano a eliminarla in diversi modi, senza sapere che possono invece peggiorare la situazione. Proprio per questo, la cosa migliore da fare è osservare e prendere nota per poi riportare i dettagli al medico, durante la consulta.

E’ bene saper individuare dove la peluria è più fitta (se in una zona piuttosto che in un’altra), identificarne la colorazione, il punto dove compare e altri dettagli simili.

3. Ciclo irregolare

Se soffrite della sindrome dell’ovaio policistico, uno dei problemi da tenere sotto controllo è il ciclo irregolare. Non parliamo di qualche giorno di anticipo o di ritardo, stiamo parlando di circostanze in cui può trascorrere un mese senza la comparsa del ciclo, o di altre in cui la mestruazione si presenta ogni due settimane o simile.

Se avete le mestruazioni irregolari e non sapete perché, rivolgetevi a un medico quanto prima per sottoporvi a una valutazione fisica e per farvi suggerire come gestire la situazione. Con una buona terapia, potrete regolarizzare il vostro organismo e sentirvi meglio.

4. Macchie in viso

Un altro dei sintomi della sindrome dell’ovaio policistico sono le macchie della pelle. Così come nei casi di acne, anche in questo caso è necessario non trascurare il problema e sottoporsi a un controllo dermatologico adeguato per attenuare i segni poco a poco, fino a riuscire ad eliminarli.

Macchie sul viso ingrandite con lente

Le macchie che sono solite comparire in viso si presentano come piccoli “cerotti marroni”, che molte persone confondono con macchie solari causate dalla mancata applicazione della protezione solare. Tuttavia, se ci prendiamo cura della pelle e non c’è motivo di sospettare che sia questo il caso, rivolgersi a un medico è un’ottima opzione per escludere che questo sia un sintomo della policistosi ovarica.

5. Problemi di peso

L’ultimo dei sintomi della sindrome dell’ovaio policistico è l’aumento di peso. Anche se a molte donne non succede, si tratta di un sintomo comune, su un campione significativo di pazienti. Se non soffrite di nessun altro problema legato alla tiroide e se ingrassate senza un apparente motivo, oltre a presentare alcuni dei sintomi precedentemente descritti, la situazione è chiara: è molto probabile che siamo dinnanzi a un caso di ovaio policistico.

Avete mai avuto a che fare con uno alcuni dei problemi descritti in questo articolo? Non date nulla per scontato, soprattutto se il ciclo è irregolare. A volte, può capitare che i sintomi menzionati (che sono i più comuni) siano accompagnati da altri, come la perdita dei capelli, le macchie sotto le ascelle o sulla nuca, il colesterolo o la pressione alta.

Se avete il sospetto o se avete dubbi rispetto al fatto che questi segnali possano essere o meno sintomi della policistosi ovarica, non perdete tempo e consultate il medico. Non facendolo, potrebbero formarsi cisti ovariche tendenti alla crescita e allo sviluppo. Ricordate che è sempre meglio affrontare i problemi quando si è ancora in tempo, per poter intervenire con una soluzione efficace.

Guarda anche