6 oli naturali per i capelli danneggiati

· 27 ottobre 2014
Utilizzate questi oli per riparare i capelli danneggiati e secchi e per eliminare l'effetto crespo. Non eccedete nel loro utilizzo, poiché potreste ottenere l'effetto contrario.

Esistono molte ragioni per cui i capelli si debilitano e finiscono per danneggiarsi, ad esempio il calore dell’asciugacapelli, gli strumenti per pettinarsi, le condizioni climatiche e i trattamenti chimici. Quando i capelli sono danneggiati risultano opachi, crespi e sottili, ma soprattutto fragili. Molto spesso per riparare i capelli non c’è bisogno di comprare prodotti costosi, ma basta cercare alternative naturali per farlo e, per questo motivo, vi consigliamo alcuni oli naturali per riparare i capelli rovinati.

Olio di avocado

L’olio di avocado possiede un alto contenuto di nutrienti, acidi grassi essenziali e amminoacidi, così come le vitamine A, B, D ed E. Questo olio aiuta a rafforzare i capelli e a donare nuova lucentezza, fattori che lo rendono eccellente come ammorbidente naturale; inoltre, è ideale nei trattamenti idratanti.

Olio di ricino

olio di ricino

L’olio di ricino è conosciuto principalmente perché favorisce la crescita dei capelli, ma oltre a questo ne previene l’indebolimento, idrata e ammorbidisce i capelli, così come aiuta a contrastare il formarsi delle doppie punte. In tal modo l’uso regolare di olio di ricino sulle punte dei capelli e sul cuoio capelluto aiuta a combattere i capelli secchi.

Olio di oliva

L’olio d’oliva è molto utilizzato in numerosi paesi ed è conosciuto come “il re degli oli per capelli” per le sue eccellenti proprietà idratanti. Esso, inoltre, dona elasticità e rafforza i capelli poiché nutre la parte più profonda del capello, elimina la forfora e contiene potenti antiossidanti. Utilizzato con costanza aiuta a schiarire i capelli grazie al suo contenuto di perossidi naturali.

Olio di rosmarino

olio di rosmarino

L’olio di rosmarino stimola molto i follicoli e pertanto favorisce la crescita dei capelli, aiutando a prevenirne la caduta e, soprattutto, ritardando la comparsa di capelli bianchi.

Olio di mandorle

L’olio di mandorle agisce da sigillante, cioè forma uno strato protettore sulla fibra del capello che impedisce la perdita di idratazione. Questo olio apporta anche nutrimento ai capelli, rende più liscia la cute e impedisce la desquamazione. Se applicato direttamente sul cuoio capelluto, questo olio allevia il bruciore così come migliora la circolazione sanguigna evitando la caduta dei capelli.

Olio di cocco

olio di cocco

L’olio di cocco è molto più leggero di altri oli ed è uno dei pochi oli i cui benefici sono stati provati scientificamente. L’olio di cocco è capace di penetrare e nutrire i capelli dalla radice fino alle punte, riuscendo ad apportare le proteine necessarie per nutrirli e ripararli.

Burro di karité

Sebbene non si tratti proprio di un olio, è una soluzione eccellente per avere capelli sani, soprattutto se sono secchi e spenti. Il burro ridona tutta la vitalità che manca ai capelli. È favoloso per i capelli ricci che, in modo naturale, sono solitamente più secchi di altri tipi di capelli. È sorprendente!

E voi quale olio usate per i vostri capelli? Notate i risultati?

Guarda anche