6 segnali che indicano se abbiamo il fegato grasso

12 dicembre 2017
Un fegato grasso è strettamente correlato ad obesità, colesterolo alto e ipertensione. Anche se è difficile da rilevare, ci sono alcuni sintomi che possono indicare la malattia.

Il suo nome scientifico è steatosi epatica, anche se è comunemente noto come fegato grasso. Tale condizione può essere causata da un consumo eccessivo di alcol o da una sindrome metabolica come il diabete o l’ipertensione. Scoprite di seguito i principali segnali di questa malattia.

Cos’è il fegato grasso?

Quando il grasso si accumula nelle cellule epatiche possiamo soffrire di fegato grasso. Questa condizione è strettamente correlata ad obesità, colesterolo alto e ipertensione. In molti casi, le cellule adipose si riempiono di grasso e “passano” quello in eccesso agli organi vicini.

È importante sapere che il fegato svolge funzioni vitali: produce proteine, regola il metabolismo dei grassi, elimina le tossine dal sangue e controlla la quantità di amminoacidi a livello generale. Pertanto è essenziale mantenerlo in buone condizioni.

Ci sono alcuni fattori di rischio che predispongono alcune persone a questa malattia:

  • Donne di mezza età
  • Persone in sovrappeso
  • Pazienti con diabete o colesterolo elevato
  • Abitudini alimentari poco sane
  • Problemi di dipendenza da alcol

Vedi anche: Ridurre il colesterolo cattivo con 5 rimedi di origine naturale

Segnali che avvertono del fegato grasso

Fegato grasso

La cattiva notizia è che nella maggior parte dei casi la steatosi epatica è asintomatica. Ciò significa che finché la persona non effettua un’analisi è difficile da rilevare. Ci sono tre test utilizzati per diagnosticare questa malattia:

  • Esami del sangue (per conoscere i livelli di transaminasi)
  • Ecografia (quanto più luminoso e grande è il fegato, tanto più è compromesso)
  • Biopsia (per determinare il grado di sofferenza)

Alcuni pazienti sperimentano sintomi o soffrono di alcuni problemi di salute che possono essere associati alla steatosi.

1. Dolore addominale

Il disagio o la “fitta” si verifica nel centro o nella parte superiore del lato destro dell’addome. Non ha nulla a che fare con un’attività o con uno sforzo specifico. Può verificarsi dopo aver mangiato perché lo stomaco si espande e preme sul fegato allargato.

2. Gonfiore addominale

Donna con gonfiore addominale causato dal fegato grasso.

L’ascite è la presenza di liquido tra il peritoneo parietale e viscerale, e deriva da una malattia del fegato. I segni di questo problema includono gonfiore addominale, indigestione, dolore nella parte bassa della schiena e difficoltà a respirare. Possono anche verificarsi edemi nelle caviglie.

3. Indigestione

Se qualsiasi cosa che consumiamo (per quanto sia sana e in quantità ridotte) provoca disturbi di stomaco, nausea o gas, forse ciò è dovuto ad una complicazione a livello epatico. Le persone che hanno la malattia del fegato grasso spesso vanno dal medico pensando che il problema sia un’indigestione e facendo degli esami si rendono conto di soffrire di steatosi.

4. Fatica

Donna che fatica sul lavoro

Quando il fegato non funziona come si conviene, il metabolismo diventa più lento. Ciò accade quando qualsiasi organo principale ha un problema. Il corpo cerca di proteggersi dalla situazione e compensa la mancanza pompando meno sangue.

Questo caso in particolare può causare stanchezza inspiegabile, difficoltà di concentrazione, confusione, affaticamento o perdita di energia. La persona può anche perdere interesse per le attività che svolgeva precedentemente e vuole invece trascorrere ore e ore a dormire.

5. Urina scura

Attraverso l’urina possiamo rilevare alcuni disturbi o malattie. Non dimentichiamo che questo fluido trasporta tossine e rifiuti. Se si soffre di fegato grasso il fluido sarà di un colore più scuro del solito e questo non cambierà per tutta la giornata (è normale che sia più scuro del mattino, ma poi si schiarisce).

Si possono verificare cambiamenti anche nelle feci: sono più bianche o color argilla e hanno un odore più forte del solito.

6. Alterazioni nella pelle

Cambiamenti nella pelle

L’ittero è uno dei segni di steatosi epatica. SI tratta dell’ingiallimento della pelle e della mucosa a causa di un aumento dei livelli di bilirubina accumulata nei tessuti. Può anche apparire per la distruzione degli eritrociti o per un problema nella vescicola biliare.

Altre modifiche della pelle dovute a fegato grasso sono: collo e ascelle scolorite, vasi sanguigni rotti sul viso, palmi delle mani arrossati, teleangectasie sulla schiena, sul petto o sulle spalle. Sotto le unghie possono comparire macchie bianche.

La dieta e il fegato grasso

Una volta diagnosticato il fegato grasso, il passo successivo è iniziare il trattamento adeguato. Oltre ai farmaci che il medico può prescrivere, è indispensabile seguire una dieta povera di grassi e praticare attività fisica. Ecco alcuni suggerimenti.

Si consiglia di leggere: Favorire la disintossicazione del fegato con un frullato a base di mirtilli e barbabietola

1. Ridurre l’assunzione di prodotti raffinati

Cereali integrali e cereali raffinati

Di questo gruppo fanno parte la farina e gli zuccheri bianchi. SI può in alternativa optare per i cereali e le loro versioni integrali.

2. Seguire una dieta mediterranea

Si tratta di una delle più sane che esistano perché si basa su molti alimenti a basso contenuto di grassi o di grassi sani, come l’olio d’oliva.

3. Evitare l’alcool

Evitare le bevande alcoliche

Si tratta di uno dei principali nemici del fegato. Il consumo eccessivo di alcol può provocare non solo steatosi, ma anche cirrosi.

4. Non assumere determinati farmaci

Bisogna consultarsi con il proprio medico per sapere quali farmaci possono essere dannosi per questa condizione. Probabilmente ci dirà di ridurre al massimo l’assunzione di analgesici, estrogeni e anti-infiammatori.

5. Fare sport

Fare sport

L’esercizio fisico è un grande alleato per farci sentire meglio e far sì che il sistema epatico, gradualmente, lavori in modo corretto. Si può camminare nel parco, portare a passeggio il cane, andare in bicicletta o nuotare. Scegliete la disciplina che vi piace e ripetetela almeno tre volte alla settimana.

Guarda anche