Acido ialuronico in odontoiatria: benefici e usi

17 Agosto 2020
I prodotti per il trattamento odontoiatrico contengono acido ialuronico ad alto peso molecolare (EPM), che si avvicina quanto più possibile al naturale tessuto gengivale.

L’acido ialuronico in odontoiatria si è rivelato un trattamento efficace per le affezioni della mucosa orale. Si tratta, di fatto, di una sostanza presente in maniera naturale nelle gengive.

Nei trattamento odontoiatrici si fa uso di acido ialuronico ad alto peso molecolare (EPM), poiché si avvicina molto a quello naturalmente presente nel tessuto gengivale.

Gli studi clinici condotti finora hanno dimostrato che l’acido ialuronico usato in odontoiatria presenta caratteristiche simili a quello che produce il nostro organismo. Ciò favorisce il processo di cicatrizzazione e di riparazione dei tessuti danneggiati.

Come agisce l’acido ialuronico sulla mucosa orale?

Donna con bocca aperta mostrando una gengivite.

L’acido ialuronico si concentra negli strati esterni del tessuto sano delle gengive. Funge da barriera protettrice nei confronti della mucosa, impedendo che una ferita o una lesione entri in contatto con alimenti o bevande.

Aiuta anche a calmare l’infiammazione e il malessere grazie al suo effetto anti-edema, oltre a favorire la cicatrizzazione delle afte. In caso di malattie parodontali cresce esponenzialmente il bisogno di produrre acido ialuronico da parte dei tessuti colpiti.

Cosa succede in caso di deficit di acido ialuronico?

Come già anticipato, durante una malattia parodontale aumenta il bisogno di acido ialuronico; l’incapacità di sopperire naturalmente all’alta richiesta provoca infiammazione e dolore.

In presenza di una lesione nella mucosa orale, affluiscono nella zona le cellule incaricate di rigenerare il tessuto e ciò provoca un ritardo nel processo di cicatrizzazione.

Leggete anche: Le afte o piaghe della bocca: come curarle?

Indicazioni sull’acido ialuronico

L’acido ialuronico è ampiamente usato per il trattamento di svariate affezioni della bocca, tra cui le seguenti:

  • Affezioni traumatiche: in particolare ferite, pulizia orale, estrazione dentale o trattamento psicochirurgico.
  • Malattie: soprattutto quelle per cui la mucosa gengivale richiede un maggior apporto di acido ialuronico.

Cosa sono le afte?

Si chiamano afte delle piccole ulcere biancastre e dai bordi arrossati. Normalmente appaiono sulla lingua, dentro le guance e sulle gengive. Sono affezioni più frequenti in bambini e adolescenti. Possono causare un forte dolore che si acuisce quando entra in contatto con alimenti o bevande.

Il trattamento con acido ialuronico serve a calmare il dolore e il malessere legato alla presenza di afte. Questa sostanza, infatti, protegge l’area lesa e accelera il processo di cicatrizzazione.

Vi potrebbe interessare anche: Curare velocemente le afte della bocca con 5 rimedi.

Benefici dell’acido ialuronico in odontoiatria

Ispezione della cavità orale durante una visita odontoiatrica.

Attualmente l’acido ialuronico è ampiamente diffuso in odontoiatria. Grazie al suo uso, è possibile ottenere una serie di benefici, tra cui:

  • Sollievo dal dolore: questi preparati formano una pellicola che protegge la lesione e riduce il dolore.
  • Protezione verso agenti esterni: tra le possibili minacce si trovano anche gli alimenti e le bevande ingerite.
  • Idratazione dei tessuti: formando una pellicola protettiva, l’acido ialuronico favorisce la ritenzione idrica, di conseguenza favorisce l’idratazione del tessuto danneggiato.

Applicare l’acido ialuronico non causa bruciore né fastidio, anzi genera una piacevole sensazione di sollievo.

Modalità d’uso dell’acido ialuronico

Dopo la regolare igiene orale, applicare l’acido ialuronico da 3 a 5 volte al giorno per 3 o 4 settimane. È consigliabile aspettare circa mezz’ora dopo la sua applicazione prima di mangiare o bere. Il mercato offre diversi prodotti a base di acido ialuronico che possono essere applicati in diversi modi.

  • Gel orale: applicatene uno strato sulla zona lesa massaggiando con le dita pulite per favorire la corretta distribuzione.
  • Risciacqui: risciacquate la bocca con 10 ml di acido ialuronico per 1-2 minuti, non è necessario diluirlo.
  • Spray: ogni spruzzo garantisce la copertura della zona lesa con la stessa concentrazione di prodotto. Di norma si consiglia di applicarlo 1-2 volte al giorno sulla zona infiammata.

Nessun effetto indesiderato

L’acido ialuronico non esercita alcun effetto locale o sistemico nella mucosa orale. Il suo uso è sicuro e non presenta controindicazioni né effetti collaterali, dunque può essere usato senza restrizioni. È ideale per i bambini poiché non causa bruciore e non è tossico.

  • Sánchez, D. C., Yáñez Ocampo, B. R., & Esquivel Chirino, C. A. (2017). Uso de ácido hialurónico como alternativa para la reconstrucción de la papila interdental. Revista Odontológica Mexicana. https://doi.org/10.1016/j.rodmex.2017.09.008

  • González della Valle, A., García Rivello, H., & Mocetti, E. (1999). Identificación inmunohistoquímica de los fenómenos degenerativos en la hernia de disco lumbar: expresión de ácida hialurónico, metaloproteasas 1 y 3, factor de crecimiento fibroblástico básico y CD34. Rev. Asoc. Argent. Ortop. Traumatol.

  • Corte Sánchez, D., Yáñez Ocampo, B. R., & Esquivel Chirino, C. A. (2017). Use of hyaluronic acid as an alternative for reconstruction of interdental papilla. Revista Odontológica Mexicana. https://doi.org/10.1016/j.rodmex.2017.09.017