Acido Linoleico Coniugato: gli effetti sul corpo

8 Settembre 2019
Al giorno d'oggi, abbiamo a disposizione numerosi studi, condotti su cavie e umani, che dimostrano l'efficacia dell'acido linoleico coniugato al fine di ridurre il grasso corporeo.

L’acido linoleico coniugato (CLA) è un acido grasso essenziale leggermente modificato. Questa caratteristica gli conferisce una serie di effetti benefici per l’organismo, in particolare nella regolazione dell’appetito.

Ciononostante, gli vengono attribuite anche altre proprietà non ancora completamente dimostrate. Al fine di tutelare la salute dei consumatori, si rende necessaria un’attenta valutazione della sicurezza dell’acido linoleico coniugato. In caso contrario, nel lungo tempo potrebbero anche verificarsi degli effetti indesiderati.

Effetti benefici dell’acido linoleico coniugato

Acido linoleico coniugato

L’interesse suscitato dall’acido linoleico coniugato negli ultimi anni è dovuto alle sue proprietà benefiche in ambito cardiovascolare, nonché al suo effetto antitumorale.

Tra gli altri benefici attribuiti a questo composto abbiamo:

Vediamo più nel dettaglio gli effetti dell’acido linolenico coniugato:

Effetto ipolipidemico e anti-teratogeno

Entrambi gli effetti sono stati studiati con cavie. L’effetto anti-teratogeno, ovvero quello di evitare ripercussioni sul feto nelle donne in gravidanza, sembra essere dovuto alla sua azione ipocolesterolemica e ipotrigliceridemica.

Alcuni autori hanno ipotizzato che gli effetti dell’acido linoleico coniugato sul metabolismo lipidico potrebbero essere mediati dall’attivazione dei fattori di trascrizione.

Effetti anti-diabetogeni

Per quanto riguarda l’effetto sul diabete, diversi studi condotti su cavie dimostrano che l’acido linoleico coniugato esercita un’attività simile a quella di alcuni farmaci specifici per questa patologia.

Studi clinici condotti su pazienti con diabete di tipo 2, a cui è stato somministrato il CLA, dimostrano che esso provoca una significativa riduzione della glicemia a digiuno, della leptina, dell’indice di massa corporea e del peso.

Leggete anche: Alimenti per il diabete di tipo 2, da preferire e da evitare

Effetto anti-adipogenico dell’acido linoleico coniugato

Obesità e sovrappeso

Abbiamo a disposizione numerosi studi, condotti su cavie e umani, che dimostrano l’efficacia dell’acido linoleico coniugato al fine di ridurre il grasso corporeo.

Tale effetto apre una porta al possibile sfruttamento commerciale di questa sostanza come prodotto utile alla prevenzione e al trattamento dell’obesità.

Tuttavia, l’opinione sull’efficacia di tale effetto sull’uomo non è esente da controversie, giacché nei casi in cui è stato somministrato a soggetti non affetti da obesità, non sono stati osservati cambiamenti significativi nel grasso corporeo.

L’azione dell’acido linoleico coniugato sul grasso corporeo sembra trovare una spiegazione nella variazione del bilancio energetico. È possibile che questo acido induca alla riduzione dell’assunzione di cibo, aumenti il ​​consumo di energia e possa persino produrre entrambi i fenomeni contemporaneamente.

L’acido linoleico coniugato rafforza il sistema immunitario

Questo è uno degli effetti scoperti più di recente, pertanto non esistono ancora validi studi a supporto. Si è osservato che questa sostanza aumenta alcune immunoglobuline, che sono le cellule che riconoscono gli agenti esterni all’organismo o antigeni.

In tal senso, questi risultati ci permettono di intravedere l’utilità di questo acido nella prevenzione e nel trattamento di alcune allergie alimentari.

Può interessarvi anche: Cosa distrugge e debilita il sistema immunitario?

Effetto anticancro

Si tratta di una delle proprietà più studiate. Non solo esistono studi sperimentali, ma anche prove sull’uomo, come nel caso dell’effetto anti-adipogeno.

I risultati ottenuti in relazione alla prevenzione del carcinoma mammario sono superiori se si confronta l’azione del CLA con quella di altri composti simili.

L’effetto antiossidante, l’aumento della risposta immunitaria, l’inibizione dell’angiogenesi e della metastasi, insieme all’aumento dell’apoptosi (morte cellulare), potrebbero essere i meccanismi alla base dell’effetto antitumorale.

Proprietà sulla mineralizzazione ossea

Omega 3

Infine, esistono anche studi che evidenziano la possibile utilità di questa sostanza nel trattamento della sarcopenia e nell’osteoporosi. Analogamente, esercita una funzione anche sulla cartilagine articolare.

In breve, se gli studi condotti sull’uomo confermassero i risultati preliminari ottenuti sugli animali, ci troveremo di fronte a una nuova applicazione di questa sostanza. Tuttavia, si dovrà attendere la sperimentazione sull’uomo per poter confermare questo effetto.

Conclusioni

L’acido linoleico coniugato è una sostanza in grado di offrire svariati benefici per l’organismo. Tuttavia, molte delle sue proprietà sono ancora oggetto di studio.

È importante ricordare che tale sostanza non dovrà mai essere utilizzata in sostituzione di alcun trattamento stabilito dal medico. Prima di assumerlo, chiedete consiglio al farmacista o al medico, poiché un uso improprio potrebbe causare gravi conseguenze.

  • Santos-Zago, L. F., Botelho, A. P., & De Oliveira, A. C. (2008). Effects of conjugated linoleic acid on animal metabolism: Advances in research and perspectives for the future. Revista de Nutricao.
  • Miranda, J., Arias, N., Fernández-Quintela, A., & Del Puy Portillo, M. (2014). ¿Son los isómeros del ácido linolénico conjugado una alternativa a isómeros del ácido linoleico conjugado en la prevención de la obesidad? Endocrinologia y Nutricion. https://doi.org/10.1016/j.endonu.2013.04.016
  • Agueda, M., Zulet, M. Á., & Martínez, J. A. (2009). Efecto del ácido linoleico conjugado (CLA) sobre el perfil lipídico en humanos. Archivos Latinoamericanos de Nutricion.
  • Sanhueza C, J., Nieto K, S., & Valenzuela B., A. (2002). ACIDO LINOLEICO CONJUGADO: UN ACIDO GRASO CON ISOMERIA TRANS POTENCIALMENTE BENEFICIOSO. Revista Chilena de Nutrición. https://doi.org/10.4067/s0717-75182002000200004
  • Haro, A. M., Artacho, R., & Cabrera-Vique, C. (2006). Ácido linoleico conjugado: Interés actual en nutrición humana. Medicina Clinica. https://doi.org/10.1157/13093270