Acne rosacea: cosmetici e abitudini da evitare

30 Luglio 2020
Gli sfoghi di rosacea possono essere provocati dal contatto con le sostanze irritanti dei prodotti cosmetici, ma anche dallo stress. Come prevenirli?

L’acne rosacea è una malattia comune della pelle, caratterizzata da arrossamento e presenza di vasi sanguigni visibili sul viso. Possono anche comparire piccole papule rosse, in alcuni casi piene di pus.

Può colpire chiunque, ma predilige le donne di mezza età con la carnagione chiara. I segni della rosacea possono intensificarsi per un periodo che va da qualche settimana a mesi, per poi diminuire gradualmente.

In alcuni casi la sua sintomatologia viene confusa con l’acne, con una reazione allergica o altri disturbi cutanei. Come prevenire gli sfoghi? Alcuni cambiamenti nello stile di vita possono aiutare.

Come prevenire gli sfoghi di acne rosacea

Se soffrite di rosacea, avrete notato che alcuni prodotti possono peggiorare l’aspetto della pelle; in alcuni anche con INCI formulati per pelli sensibili.

Sebbene ogni tipo di pelle reagisca in modo diverso e non tutti gli ingredienti abbiamo lo stesso effetto, chi soffre di questo disturbo dovrebbe evitare alcuni cosmetici e abitudini. Scoprite quali!

Donna con acne rosacea sulle guance.
L’acne rosacea si manifesta con capillari visibili sotto la superficie della pelle e sintomi come calore e irritazione.

1. Alcol

Secondo un articolo pubblicato dalla National Rosacea Society, durante una ricerca condotta su 1066 volontari l’alcol si è distinto come fattore irritante nel 66% dei casi.

È dunque importante evitare i prodotti contenenti alcol perché disidratano e danneggiano la barriera protettiva della pelle. Impediscono alla cute di rigenerarsi in modo naturale, intensificando l’irritazione.

L’alcol è impiegato nelle lozioni per pelli grasse o acneiche; spesso viene indicato tra gli ingredienti come alcol denaturato, SD alcol o propanolo. Leggete sempre le etichette!

2. Alcuni esfolianti

Gli esfolianti da applicare con un pennello, una salvietta o prodotti a base di zucchero non sono adatti a chi soffre di rosacea.

Al contrario, alcuni ingredienti esfolianti che agiscono a livello chimico, senza maltrattare la pelle, possono aiutare a rimuovere le cellule morte in modo delicato. Tenete quindi presente che i seguenti prodotti non sono adatti alle pelli sensibili, soprattutto se si soffre di rosacea.

  • Polvere di carbone. Non distingue tra cellule morte e tessuto cutaneo sano. È un esfoliante molto aggressivo, soprattutto in caso di acne rosacea.
  • Estratto di pompelmo. Contribuisce a  far affiorare i capillari in superficie, provocando arrossamento e aumentando il rischio di dermatite irritativa.
  • Alfa-idrossiacidi o AHA. Sebbene siano esfolianti chimici comuni, risultano abrasivi quando la pelle è sensibile o affetta da rosacea. Tra questi troviamo l’acido citrico, lattico e glicolico.

3. Profumi e fragranze da evitare se si soffre di acne rosacea

Se vi piacciono i prodotti profumati, resterete delusi. Le fragranze aggiunte ai cosmetici, artificiali o naturali, spesso irritano la pelle.

Secondo l’articolo sopra citato, i profumi sono tra le principali cause della dermatite allergica; di fatto, sono più dannosi di qualunque altro ingrediente.

A ciò si aggiunge che per stabilizzare le fragranze e garantirne a lungo l’aroma, spesso viene aggiunto anche l’alcol che, come abbiamo detto, ha effetto irritante.

Donna che spruzza il profumo sul polso.
I profumi possono essere irritanti sulla pelle affetta da rosacea.

Leggete anche: Rimedi naturali contro la dermatite seborroica

4. Lo stress peggiora l’acne rosacea

Anche lo stress è considerato un fattore scatenante. È utile, quindi, imparare una o più tecniche per la gestione dello stress, come il rilassamento, lo yoga, la respirazione profonda, il tai-chi, ecc. Queste attività aiutano ad abbassare i livelli di stress e a controllare i sintomi. 

5. La luce del sole

La luce solare è un altro fattore in grado di peggiorare la rosacea. Se soffrite di questo disturbo, ricordate di applicare la protezione solare, almeno a SPF 30, anche quando il tempo è nuvoloso.

Potrebbe interessarvi anche: Crema solare: come prepararla in casa

6. Alcuni alimenti

La salute intestinale e cutanea vanno di pari passo. A questo proposito, uno studio pubblicato sul British Journal of Dermatology suggerisce un legame tra alcune malattie gastrointestinali e la comparsa dell’acne rosacea.

Sarebbe quindi da limitare il consumo di alcuni prodotti alimentari come gli alcolici, i cibi piccanti, abbondanti o raffinati e i grassi trans.

Come capire se soffriamo di acne rosacea?

La diagnosi deve essere formulata da un dermatologo. Lo specialista della pelle è, infatti, in grado di distinguere la rosacea da altri disturbi simili e di consigliare il trattamento più adeguato.

Sebbene la rosacea non abbia una cura definitiva, seguendo questi consigli è possibile attenuarne i sintomi.

  • Bodom RD, James WG, Berger T. Andrew’s Diseases of the Skin. Dermatology. 9th ed. Philadelphia, Pennsylvania: WB Saunders Company; 2004. p. 300-3.
  • Vin-Christian K. Acne rosácea as a cutáneos manifestation of VIH infection. J Am Acad Dermatol. 1994;(30):139.
  • Plewig G, Jansen T. Rosácea. En: Fitzpatrick. Dermatología en Medicina General. 6ta ed. Santa Fe de Bogotá: Editorial Médica Panamericana; 2005.
  • Egeberg, A., Weinstock, L. B., Thyssen, E. P., Gislason, G. H., & Thyssen, J. P. (2017). Rosacea and gastrointestinal disorders: a population-based cohort study. British Journal of Dermatology. https://doi.org/10.1111/bjd.14930