Come gestire lo stress

18 Marzo 2019
Le situazioni complicate e problematiche possono consumarci poco alla volta se non sappiamo come affrontarle. Saper gestire lo stress è pertanto essenziale.

Gestire lo stress può essere molto complicato e spesso rischia di diventare un circolo vizioso che, paradossalmente, genera ancora più stress.

Sebbene un certo livello di stress sia considerato positivo per produrre l’energia necessaria a superare situazioni difficili (come un esame, le responsabilità professionali e familiari), se non viene gestito adeguatamente può rivelarsi molto dannoso.

Per fortuna, esistono diverse tecniche e abitudini utili a gestire lo stress, e impedirgli di paralizzarci, farci reagire senza controllo o causarci ansia e persino disturbi fisici.

I problemi legati allo stress

Gestire lo stress sul lavoro
Lo stress è una normale reazione dell’organismo alle situazioni difficili.

Il Dr. Hans Selye ha identificato 3 fasi dello stress con le quali definire i diversi stadi che sperimentiamo quando siamo esposti a situazioni stressanti:

1. La fase di allarme

È la risposta immediata a una situazione pericolosa o difficile. In quel momento, il battito cardiaco aumenta, gli ormoni come il cortisolo vengono rilasciati nel sangue e il corpo riceve una scarica energetica di adrenalina che gli consente di reagire.

2. La fase di resistenza

Dopo il primo impatto, il corpo tende a rilassarsi e a recuperare la normalità. Tuttavia, se non superiamo la condizione di stress, il corpo rimane in allerta e si abitua ai livelli elevati della pressione sanguigna e degli ormoni.

3 La fase di esaurimento

Lo stress diventa cronico e il corpo esaurisce le sue risorse per combatterlo. A questo punto, l’impatto si riflette emotivamente e fisicamente tramite diverse reazioni:

  • Esaurimento
  • Depressione
  • Sindrome da burnout
  • Ansia
  • Sistema immunitario debilitato
  • Disturbi gastrointestinali e cardiovascolari

Le situazioni stressanti della vita sono spesso inevitabili, ma se troviamo il modo di gestirle, possiamo evitare o quantomeno ridurre molte delle conseguenze negative.

Come gestire lo stress?

Donna che medita davanti a un computer
Ciascuno deve trovare la propria strada per trovare l’equilibrio.

L’American Psychological Association ritiene che esistano diversi tipi di stress e che non esista una metodologia univoca per gestire questa condizione. Ogni persona deve trovare la propria strada. Ciò che vale per tutti è la necessità di scoprire la causa dello stress, in modo da ridurne l’influenza.

Ecco alcuni consigli da seguire:

Allontanarsi momentaneamente dalla causa stressante

Una volta identificata la situazione stressante, mettetela da parte entro limiti ragionevoli. Non si tratta di evitare un problema che si ha l’obbligo di risolvere, ma di concedergli una pausa sia temporale che mentale.

Leggete anche: 3 pratiche yoga che ci aiutano a gestire lo stress

Fare sport per gestire lo stress

Donna che corre per strada
L’esercizio fisico regola i processi fisiologici della gestione di ansia e stress.

Uno studio condotto su 288 famiglie in 10 anni ha dimostrato che chi svolge attività fisica soffre meno d’ansia e supera più facilmente le fasi iniziali dello stress rispetto a chi non pratica alcuna attività fisica.

Ciò è dovuto alle diverse reazioni che si verificano nell’organismo durante l’allenamento.

  • Il corpo rilascia endorfine, che sono gli antidolorifici naturali prodotti dall’organismo.
  • L’attività ormonale si riduce con l’esercizio fisico, quindi viene rilasciato meno cortisolo, che è uno stimolante dello stress.
  • L’esercizio fisico favorisce il sonno, permettendo alla mente a al corpo di riposare meglio.

L’esercizio quotidiano, come camminare, ballare o andare in bicicletta, ad esempio, può essere un ottimo modo per gestire lo stress.

Fare yoga

Tra le diverse attività fisiche, poche sono efficaci quanto lo yoga quando si tratta di gestire lo stress. Oltre ai benefici tipici dell’esercizio fisico spiegati sopra, diversi studi hanno dimostrato che lo yoga funziona come antidepressivo e ansiolitico, contribuendo anche a rilassare la mente.

Inoltre, favorisce la concentrazione, quindi vi aiuterà ad allontanarvi mentalmente dalla causa dello stress. Trovate un luogo adatto e dedicate alcuni minuti al giorno a esercitarvi e a disconnettervi dai problemi.

Può interessarvi anche: Rilassarsi durante una crisi d’ansia grazie a 7 consigli

Gestire lo stress con la meditazione

Donna in meditazione a casa.
La meditazione favorisce il naturale rilassamento del corpo e della mente.

Anche la meditazione favorisce il rilassamento del corpo e della mente. L’attenzione rivolta alla respirazione o all’ambiente circostante, vi costringerà ad allontanarvi momentaneamente dal problema e a vederlo da una nuova prospettiva.

Gestire lo stress con gli antidepressivi naturali

Gli infusi di erbe naturali come la valeriana, il tè verde o la melissa possiedono effetti comprovati sulla capacità di ridurre lo stress.

Concedersi attività divertenti con la famiglia o con gli amici

Gruppo di amici che chiacchierano
La vita sociale è uno strumento efficace per ridurre ansia e preoccupazioni.

Qualsiasi attività in grado di alleggerire le preoccupazioni è utile per gestire lo stress. Se vi concentrate su qualcosa di diverso dai vostri problemi, concederete una pausa preziosa al corpo e alla mente. Più l’attività è divertente, più sarà utile, perché ridere aiuta a liberare lo stress.

Potete ascoltare musica, visitare nuovi posti in compagnia di amici o familiari, praticare hobby come dipingere, scrivere o il fai-da-te. Fare cose diverse e divertenti vi aiuterà a tenere lontani i problemi.

Se nessuna di queste attività dovesse funzionare, l’aiuto professionale è di certo la soluzione migliore. Un buon terapeuta potrà aiutarvi ad affrontare i problemi relativi allo stress e a guidarvi nel percorso migliore per superarlo.

  • Stressand the General Adaptation Syndrome. Hans Selye. Professor and Director of the Institute of Experimental Medicine and Surgery, Universite de Montreal, Montreal, Canada. British MEdical Journal. (1950). https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC2038162/pdf/brmedj03603-0003.pdf
  • Regular exercise, anxiety, depression and personality: A population-based study.Department of Biological Psychology, Vrije Universiteit, Amsterdam, The Netherlands. Volume 42, Issue 4, (2006), Pages 273-279. https://www.sciencedirect.com/science/article/pii/S0091743505002331
  • A systematic review of randomised control trials on the effects of yoga on stress measures and mood. Michaela C.Pascoea, . Institute of Neuroscience and Physiology, Dept. of Clinical Neuroscience and Rehabilitation, Sahlgrenska Academy at University of Gothenburg, Sweden. https://www.sciencedirect.com/science/article/pii/S002239561500206X
  • Formulations of dietary supplements and herbal extracts for relaxation and anxiolytic action: Relarian.  Department of Biology, Adelphi University, Garden City, NY. (2009). https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/19865069
  • Neurochemical and behavioral effects of green tea (Camellia sinensis): a model study. Mirza B, Ikram H, Bilgrami, Haleem DJ, Haleem MA.(2013). https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/23625424
  • The effect of mirthful laughter on stress and natural killer cell activity.  Indiana State University School of Nursing, Terre Haute, Ind., USA. (2003). https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/12652882