Adolescenti dal temperamento instabile: come aiutarli

Gli adolescenti dal temperamento instabile stanno attraversando una serie di complicati cambiamenti e sfide. Scoprite come accompagnarli e aiutarli in questa fase.
Adolescenti dal temperamento instabile: come aiutarli

Ultimo aggiornamento: 24 agosto, 2022

L’adolescenza è una delle fasi più temute dai genitori, poiché di solito è accompagnata da ribellioni, cambiamenti emotivi e conflitti familiari. Alcuni figli soffrono questi cambiamenti in misura maggiore rispetto ad altri; tuttavia, tutti hanno bisogno dell’amore e del sostegno dei genitori per superare questi anni. In questo articolo vi diciamo come aiutare gli adolescenti dal temperamento instabile. 

Innanzitutto bisogna ricordare che questo è un periodo difficile per tutti. È difficile per gli adulti accettare che il loro figlio, quel bambino allegro, dolce e affettuoso, stia diventando un giovane complicato e lunatico.

Ma non è facile nemmeno per l’adolescente che vive questo passaggio. Per questo è bene lasciar perdere i rimproveri e cercare di capire come aiutarli nel miglior modo possibile.

Adolescenti dal temperamento instabile: perché sono così?

Un primo passo fondamentale è capire perché questi cambiamenti stanno avvenendo. Vostro figlio non vi odia improvvisamente, non ha smesso di amarvi o ha cambiato personalità.

Né cerca di infastidirvi. Sta solo subendo una serie di trasformazioni a tutti i livelli:

  • Il suo corpo infantile sta cambiando e sta raggiungendo la maturità sessuale. Affrontare queste differenze nell’aspetto fisico può essere difficile. Soprattutto se paragonato ai coetanei, alla comparsa di complessi o alla tanto temuta acne adolescenziale.
  • Gli ormoni svolgono un ruolo fondamentale nello stato emotivo dei giovani. Li portano a sperimentare sbalzi d’umore improvvisi che anche per loro sono inspiegabili. Tutto è vissuto con maggiore intensità e dramma e questo può generare tristezza, irritabilità, apatia o ansia.
  • Il cervello non ha ancora finito di svilupparsi. Nello specifico, è noto che la corteccia pre frontale, l’area deputata alla pianificazione, al controllo degli impulsi e al ragionamento, non matura completamente se non dopo i 20 anni. Quindi i giovani tendono ad essere impulsivi e tendono a correre dei rischi.
  • Anche a livello sociale stanno avvenendo cambiamenti e sfide. Aumenta la pressione accademica ma anche quella interpersonale. Gli adolescenti devono inserirsi nel gruppo dei pari, forgiare la propria identità e separarsi dai genitori. Questo può farli sentire sopraffatti in determinati momenti.

Come aiutare gli adolescenti dal temperamento instabile?

I fronti aperti sono tanti e le risorse personali dei giovani potrebbero essere ancora insufficienti. Mancano di maturità, esperienza e prospettiva.

Molti di loro non hanno sviluppato a sufficienza l’autostima, le abilità sociali o la capacità di gestire e regolare le proprie emozioni. Pertanto, il supporto e l’accompagnamento dei genitori è fondamentale.

Per aiutare un adolescente che sta attraversando questa fase vale la pena seguire le seguenti linee guida.

Adolescente preoccupato per i suoi cambiamenti.
L’adolescenza è una fase difficile, non solo per i genitori. Anche i giovani si sentono confusi e ansiosi.

Empatia e comprensione

Ricordate che non è facile nemmeno per vostro figlio e che non ha cattive intenzioni. Siate consapevoli di ciò che sta accadendo e ricordate la vostra adolescenza, se questo vi aiuta a mettervi nei loro panni.

Non prendete il loro comportamento sul personale. Non consideratelo una lotta per il potere. Siate consapevoli dei cambiamenti che sta vivendo e delle sfide che affronta ogni giorno.

Mantenere la calma

Gli adolescenti hanno bisogno di padri e madri capaci di mantenere la calma, di essere un’ancora di fronte alla propria tempesta emotiva. È molto facile rispondere al malumore con la stessa antipatia, reagire alle loro grida con più grida e alle loro offese con parole più offensive; ma questo è dannoso e controproducente.

Non scendete al loro livello. Siete voi gli adulti e quelli che devono rimanere calmi e offrire un esempio.

Applicate l’autocontrollo e cercate di non alzare la voce, non lasciatevi sopraffare dalle vostre emozioni e rispondete con calma ai vostri figli. Ciò impedirà l’escalation dei conflitti e offrirà loro quella tranquillità di cui hanno bisogno e che non trovano in se stessi.

Fissare dei limiti

Gli adolescenti possono arrivare a credere di essere adulti e persino a pretendere di essere trattati come tali. Ma non lo sono. Hanno ancora bisogno di guida e sicurezza. E queste si ottengono attraverso i limiti. Mantenere il coprifuoco, controllare l’uso che viene fatto di Internet e ricordare le loro responsabilità a casa è essenziale.

Fare i compiti, collaborare ed essere rispettosi a casa, sapere dove va e con chi non è eccessivo: anzi, è necessario.

Questi limiti li aiutano a sentirsi al sicuro, li guidano in una certa misura in questo momento di cambiamento: quindi, anche se resistono e li sfidano, non smettete di applicarli.

Flessibilità

Sebbene i limiti siano necessari, è anche importante essere flessibili. Man mano che vostro figlio cresce, ha bisogno di acquisire autonomia e queste regole devono essere adattate al momento.

È possibile e necessario negoziare e raggiungere accordi, consentendo all’adolescente di acquisire privilegi in quanto si mostra responsabile. E soprattutto renderli partecipi delle decisioni.

Dire “Perché l’ho detto io” non funziona. Questo può solo scatenare più ribellione, cattivo umore e conflitto. Spiegate il motivo delle regole e assicuratevi che siano concordate. Possono essere adattate in base al comportamento.

Ascoltare gli adolescenti dal temperamento instabile

Gli adolescenti dal temperamento instabile spesso si comportano in questo modo provocatorio perché non si sentono ascoltati, compresi o rispettati. Il loro atteggiamento è una reazione a una casa o ai genitori che percepiscono come ostili.

È fondamentale dedicare del tempo a forgiare una sana e fluida comunicazione con il giovane. Potete avere delle conversazioni su base regolare e trascorrere del tempo di qualità insieme.

Parlare con vostro figlio non implica interrogarlo e poi giudicarlo per i suoi comportamenti. Questo farebbe sentire male chiunque di noi. Si tratta di interessarsi genuinamente alla sua vita, ascoltare senza criticare, guidare senza giudicare.

Inoltre, cercate di essere bidirezionali: parlate a vostro figlio della vostra vita quotidiana, chiedete la sua opinione, condividete i sentimenti. In questo modo, sentirà che lo prendete in considerazione, che vi piace la sua compagnia e che lo apprezzate. Questo ridurrà l’atteggiamento difensivo.

Adolescenti dal temperamento instabile.
Parlare con vostro figlio significa creare uno spazio di fiducia da condividere, senza fare domande o giudicare.

Correggere il comportamento, ma non attaccare la persona

È evidente che gli adolescenti commettono errori e ci sono alcuni comportamenti e atteggiamenti che devono essere corretti, ma è importante farlo nel modo giusto. Pertanto, concentratevi sul comportamento specifico e non sulla persona.

Chiedergli di pulire la stanza non è lo stesso che etichettarlo come pigro e disordinato. Sottolineare che le sue parole sono state dannose e offensive non equivale a dire che è una persona crudele e maleducata.

Offrire strumenti e risorse utili

In definitiva, la cosa migliore che possiamo fare per gli adolescenti dal temperamento instabile è fornire loro gli strumenti per aiutarli ad affrontare le sfide che devono affrontare. Ad esempio, insegnando loro a usare l’assertività per dare e ricevere rispetto e affrontare la pressione del gruppo.

Dobbiamo aiutarli a sviluppare l’intelligenza emotiva per capire e gestire ciò che provano. Oppure mostrare loro come applicare le tecniche di rilassamento per ridurre il nervosismo nei momenti di maggiore ansia e mancanza di controllo. A tal fine, può essere utile cercare un aiuto professionale.

Gli adolescenti dal temperamento instabile sono quelli che hanno più bisogno di amore

Gli adolescenti dal temperamento instabile possono essere i più difficili da amare e guidare, ma sono quelli che hanno più bisogno di amore e accompagnamento. L’adolescenza può essere complicata per loro, ma dietro il loro cattivo umore, la loro ribellione e le loro esplosioni emotive, c’è un bambino che impara a essere un adulto che ha bisogno di pazienza e comprensione del proprio ambiente.

Questa fase passerà. È una grande opportunità per rafforzare la relazione con i figli quando hanno più bisogno di voi.

Potrebbe interessarti ...
13 domande da fare a un adolescente
Vivere più sani
Leggi in Vivere più sani
13 domande da fare a un adolescente

Fare domande a un adolescente incoraggia il riavvicinamento familiare e dà il via a una comunicazione efficace tra genitori e figli.



  • Águila Calero, G., Díaz Quiñones, J., & Díaz Martínez, P. (2017). Adolescencia temprana y parentalidad. Fundamentos teóricos y metodológicos acerca de esta etapa y su manejo. MediSur15(5), 694-700.
  • Alvarado, R. Y. (2011). El cerebro adolescente. Cognición, neurociencia y aprendizaje, 135.
  • Triskier, F. J. (2006). Algunas especulaciones respecto a las modificaciones neurobiológicas durante la adolescencia. VERTEX, Revista Argentina de Psiquiatría, 17(70), 424.