Alcol e diabete: che rapporto esiste?

L'alcol è ovunque ed è spesso difficile astenersi dal consumarlo. Una persona con diabete dovrebbe prendere in considerazione l'opzione di diventare astemia o, in caso contrario, agire con estrema cautela quando ingerisce alcolici.
Alcol e diabete: che rapporto esiste?

Ultimo aggiornamento: 04 settembre, 2021

Alcol e diabete non formano di certo una bella coppia. Questo perché l’alcol inverte il modo in cui il corpo utilizza lo zucchero nel sangue. Senza contare che può anche interferire con l’azione dei farmaci che vengono ingeriti.

Molti affermano che la persona con diabete può consumare alcol, purché in quantità moderate. Tuttavia, questo discorso non è valido per tutti i pazienti. Inoltre, i rischi dell’alcol superano di gran lunga i benefici.

Ciò che è certo è che uno stile di vita sano non include l’alcol. Sebbene sia comune berlo nell’ambito delle relazioni sociali, è anche vero che chi soffre di diabete dovrebbe agire con estrema cautela. Scopriamo perché in questo articolo.

È sicuro bere alcolici per chi ha il diabete?

Donna che soffre di alcolismo.
Le persone con diabete dovrebbero astenersi dal bere alcol.

La risposta a questa domanda è no. L’alcol è capace di aumentare o abbassare i livelli di zucchero nel sangue e questo rappresenta un rischio significativo per chiunque abbia il diabete. Inoltre, potrebbe causare ulteriori problemi.

Normalmente, il fegato rilascia glucosio per mantenere equilibrati i livelli di zucchero nel sangue. Tuttavia, quando una persona beve alcolici, quell’organo deve occuparsi di scomporlo.

Può dunque smettere di rilasciare glucosio e causare una riduzione degli zuccheri. Ciò può verificarsi fino a 24 ore dopo il consumo.

D’altra parte, se si bevono bevande alcoliche ricche di carboidrati, c’è il rischio che accada il contrario: i livelli di zucchero aumentano. A questo si aggiungono altri possibili effetti:

  • L’alcol contiene molte calorie, il che contribuisce all’aumento di peso.
  • Il fegato immagazzina le calorie dall’alcol come grasso. Questo porta le cellule di quell’organo a diventare più resistenti all’insulina. Nel tempo, i livelli di zucchero nel sangue possono aumentare.
  • L’intossicazione da alcol e l’ipoglicemia hanno sintomi simili. Pertanto, è più difficile riconoscere uno stato di ipoglicemia.
  • In generale, l’alcol potrebbe rendere più gravi alcune complicazioni del diabete come danni agli occhi, ai reni o neurologici.
  • Una persona ubriaca non è in grado di riconoscere i sintomi dei problemi di zucchero.

Quanto alcol possiamo bere?

Una persona con diabete dovrebbe consultare il proprio medico in merito all’assunzione di alcolici. In alcuni casi, nessuna quantità è sicura. Altre volte, l’assunzione moderata e sporadica di alcol potrebbe non essere controindicata.

Se il medico approva l’assunzione di alcol, la persona deve essere sicura che il diabete sia sotto controllo, prima di consumare questa sostanza. È anche importante sapere come può influire su di voi e quali precauzioni dovreste prendere per evitare problemi.

Quando si parla di assunzione moderata, si intende non più di un drink al giorno nel caso delle donne e non più di due drink al giorno per gli uomini. Ora, cos’è “un drink”? Si potrebbe definire così:

  • 360 millilitri, o 12 once, nelle bevande con un contenuto alcolico pari o inferiore al 5%, come la birra.
  • 150 millilitri, o 5 once, nelle bevande alcoliche al 12%, come il vino.
  • 45 millilitri, o 1,5 once, per le bevande alcoliche al 40% come whisky, rum, gin, ecc.

Alcol e diabete: interazione con i farmaci

Non è consigliabile mescolare i farmaci con l’alcol e naturalmente i farmaci per il diabete non fanno eccezione. Un gran numero di farmaci viene sintetizzato dal fegato e ingerendo alcol entrambe le sostanze competono per essere assimilate per prime.

Pertanto, l’alcol può interferire con l’azione dei farmaci. Nel caso del diabete, esistono farmaci che abbassano i livelli di glucosio nel sangue stimolando il pancreas a produrre più insulina.

Anche l’alcol può abbassare i livelli di glucosio. Un possibile risultato è l’ipoglicemia o, nel peggiore dei casi, lo “shock insulinico”, che è un’emergenza medica.

Alcol e diabete: raccomandazioni e aspetti da considerare

Donna che si misura il diabete.
Si consiglia alle persone con diabete di evitare il consumo di alcol. In ogni caso, è sempre meglio consultare il medico.

Se nonostante tutto la persona con diabete decide di bere alcolici, dovrebbe tenere conto di alcune raccomandazioni volte a ridurre il rischio di conseguenze negative o gravi. Nelle righe che seguono sono riportati alcune strategie da seguire.

Mangiare nel modo giusto

Non è consigliabile bere alcolici a stomaco vuoto, bensì conviene mangiare qualcosa prima di bere. Allo stesso modo, si consiglia di consumare cibi ricchi di carboidrati mentre si beve, poiché questo aiuta a mantenere equilibrati i livelli di glucosio nel sangue.

Lentezza e abbinamenti

È meglio bere lentamente, poiché se si consuma alcol molto velocemente è più facile ubriacarsi. Si consiglia di accompagnare l’alcol con acqua naturale o tonica, soda o una bibita dietetica. Inoltre, è meglio idratarsi anche nelle ore successive al consumo.

Controllare i livelli di zucchero

L’alcol impedisce di rimanere vigili. Pertanto, è meglio misurare il livello di zucchero nel sangue più frequentemente. Ciò contribuirà a rilevare eventuali segnali di ipoglicemia e ad evitare che venga scambiata per ubriachezza.

Meglio evitare l’esercizio fisico

Quando una persona con diabete beve alcolici e fa anche esercizio fisico, corre un rischio maggiore di soffrire di ipoglicemia. Pertanto, è meglio non farlo. Ad esempio, quando si bevono alcolici e si va a ballare è opportuno ingerire carboidrati.

Scegliere bene

È meglio bere una birra a bassa gradazione rispetto a una normale. I più consigliati sono i vini secchi, al posto delle bibite frizzanti, dolci, da dessert o a base di vino.

È meglio non bere cocktail, soprattutto se non si sa esattamente cosa contengono, né liquori forti come la vodka o il whiskey.

Prendere precauzioni

Non è consigliabile bere da soli, ma in compagnia di persone esperte sui sintomi del diabete. In ogni caso è consigliabile portare con sé una tessera o qualcosa che identifichi la malattia. Si consiglia anche di portare con sé una compressa di glucosio.

Consultare il medico in merito al connubio alcol e diabete

Deve essere il medico a decidere se una persona con diabete può bere alcolici o meno, perché ha le conoscenze sufficienti per dare dei consigli per un consumo responsabile.

Se i modelli di consumo cambiano o sollevano delle preoccupazioni, è necessario discuterne con il medico. Se dopo aver bevuto alcolici si verificano uno o più dei seguenti sintomi, è necessario chiamare un medico:

  • Visione offuscata o doppia.
  • Battito cardiaco molto veloce e tachicardia.
  • Nervosismo, irritazione e aggressività.
  • Mal di testa.
  • Agitazione e ansia.
  • Fame e sudorazione.
  • Intorpidimento e formicolio.
  • Debolezza e stanchezza.
  • Sensazione di confusione.
  • Difficoltà a dormire.

Alcol e diabete: meglio evitare di bere

A oggi nessuna quantità di alcol è considerata sicura, specialmente per chi soffre di una malattia cronica come il diabete. Quindi è meglio astenersi dal consumare queste bevande per prevenire spiacevoli sorprese.

Se pur sapendo ciò, risulta inevitabile consumare alcolici, la regola d’oro è farlo con moderazione e saltuariamente. In presenza di problemi a gestire l’alcol, si consiglia di rivolgersi a uno psicologo.

Potrebbe interessarti ...
Bere alcol a stomaco vuoto: effetti sull’organismo
Vivere più saniLeggi in Vivere più sani
Bere alcol a stomaco vuoto: effetti sull’organismo

È capitato a tutti di bere alcol a stomaco vuoto, magari dopo il lavoro, durante un pomeriggio con gli amici o in altre situazioni.



  • Al-Ghanem, R., Marco, A., Callao, J., Lacruz, E., Benito, S., & Córdoba, R. (2005). Consumo moderado de alcohol y mortalidad por diversas causas. Atención Primaria, 36(2), 104-111.
  • Cabrerizo, S., & Docampo, P. C. (2010). Alcohol y mezcla de fármacos: modalidad de abuso frecuente. Archivos argentinos de pediatría, 108(5), e111-e113.
  • Pérez, F. H., & Bernal, L. O. (2002). Ingesta aguda de alcohol, ¿factor de riesgo para el desarrollo de complicaciones agudas de la diabetes? Revista Médica del Instituto Mexicano del Seguro Social, 40(4), 293-299.