Proteggere la salute del fegato: 5 consigli

13 Ottobre 2020
Adottare sane abitudini, soprattutto a tavola, è determinante per la salute del fegato. Ecco 5 regole da seguire. 

Proteggere la salute del fegato è fondamentale, considerato il vasto numero di funzioni che questo organo svolge per il nostro corpo.

Sono molteplici i fattori che possono danneggiarlo: additivi nei cibi, abitudini poco sane, inquinamento, stress e molto altro. In questo articolo desideriamo darvi alcuni consigli volti a preservare la salute epatica. Prendete nota!

Perché è importante proteggere la salute del fegato?

Il fegato è coinvolti in oltre 500 funzioni vitali. Alcune sono:

  • Interviene nel metabolismo dei macronutrienti (carboidrati, lipidi e proteine).
  • Regola la coagulazione del sangue.
  • Favorisce la risposta immunitaria.
  • Sovrintende al rilascio di alcuni ormoni.
  • Immagazzina glucosio.
  • Filtra le sostanze tossiche presenti nell’organismo.

Purtroppo, numerosi agenti possono alterare le funzioni epatiche, tra cui fattori ereditari e infezioni virali. Proteggere la salute del fegato significa prevenire molte malattie.

Leggete anche: Mal di testa e fegato, quale relazione?

5 consigli per proteggere la salute del fegato

1. Cibo biologico e senza additivi

Frutta e ortaggi per proteggere la salute del fegato.
Consumare alimenti biologici è importante se desideriamo proteggere la salute epatica. Grazie a un alto contenuto di vitamine, sali minerali e antiossidanti,  i cibi bio aiutano il fegato a svolgere in modo ottimale le sue funzioni.

Gli additivi negli alimenti non sempre sono innocui. Le sostanze con proprietà conservante, fungicida, colorante, edulcorante e altro possono danneggiare il nostro DNA e diversi organi. Tra questi è sensibile soprattutto il fegato, che ha il compito di eliminare le sostanze tossiche in circolo.

Sulla stessa linea, segnaliamo l’importanza di evitare gli alimenti trattati con pesticidi. L’unico modo per riuscirci è acquistare alimenti biologici da venditori di fiducia oppure coltivati nel nostro orto.

Una dieta ricca di alimenti vegetali e biologici aiuta a disintossicare il fegato. Fate in modo che in tavola siano sempre presenti frutta e ortaggi crudi, agrumi, frutta secca e oli vegetali.

2. Ridurre il consumo di zucchero

L’obesità e il diabete sono due patologie in significativo aumento negli ultimi decenni. Sebbene in tal senso giochino un ruolo importante un’alimentazione eccessiva e la sedentarietà, anche il consumo di zucchero è un fattore decisivo.

Lo zucchero e tutti i prodotti che lo contengono (ad esempio le bevande) incidono direttamente sull’accumulo di grasso epatico. Con il passare del tempo, ciò può portare a soffrire di diverse malattie come il fegato grasso.

Risulta fondamentale, quindi, ridurre il consumo di zucchero. Possiamo sostituirlo con altri dolcificanti come la stevia, lo zucchero di cocco, lo xilitolo, la panela o il miele biologico.

Leggete anche: Torta al caffè e mirtilli senza zucchero

3. I benefici del cardo mariano

I semi di cardo mariano contengono silimarina, sostanza molto benefica per il fegato. Gli studi dimostrano la sua efficacia nel trattamento di diverse malattie del fegato: cirrosi, fegato grasso, insulino-resistenza, ecc.

La silimarina si distingue per il suo elevato potere antiossidante e antinfiammatorio. A differenza di altri rimedi, favorisce anche la rigenerazione epatica. Un trattamento a base di cardo mariano può essere efficace nei casi di cirrosi e anche per prevenire le metastasi in caso di tumore.

4. Controllare la rabbia per proteggere la salute del fegato

Donna felice con occhi chiusi.
Imparare a controllare le emozioni come la rabbia protegge la salute epatica. Le emozioni possono influire sul nostro benessere più di quanto pensiamo.

Secondo la medicina tradizionale cinese, tutti gli organi sono in relazione con le nostre emozioni. Questa connessione tra corpo e mente ci offre una prospettiva diversa in qualunque terapia.

In questo caso, l’emozione che più agisce a livello epatico è la rabbia. Tenerla sotto controllo (insieme ad altre buone abitudini), potrebbe aiutarci a prevenire gli squilibri del fegato.

Sebbene non vi siano studi scientifici che possano dimostrare questa relazione, la psicosomatica mostra che le emozioni possano agire sullo stato di salute. Dovremmo cercare di dare la priorità alle emozioni positive, giorno dopo giorno. D’altronde non è meglio vivere con allegria e serenità?

5. Uno stile di vita sano

Per terminare, e a titolo di sintesi, una dieta equilibrata e uno stile di vita sano sono gli strumenti migliori per proteggere la salute del fegato. Questo significa evitare il fumo e l’alcol, riposare bene la notte, bere sufficiente acqua e vivere con allegria.

Seguire questi consigli non è certo facile, dal momento che richiedono cambiamenti importanti nella nostra vita. Proteggendo il fegato, tuttavia, godremo anche di una vita migliore, quindi ne varrà senz’altro la pena.

  • Sasaki, Y. F., Kawaguchi, S., Kamaya, A., Ohshita, M., Kabasawa, K., Iwama, K., … Tsuda, S. (2002). The comet assay with 8 mouse organs: Results with 39 currently used food additives. Mutation Research – Genetic Toxicology and Environmental Mutagenesis. https://doi.org/10.1016/S1383-5718(02)00128-6
  • Abdelmalek, M. F., & Day, C. (2015). Sugar sweetened beverages and fatty liver disease: Rising concern and call to action. Journal of Hepatology. https://doi.org/10.1016/j.jhep.2015.05.021
  • Guan, Y.-S., & He, Q. (2015). Plants Consumption and Liver Health. Evidence-Based Complementary and Alternative Medicine. https://doi.org/10.1155/2015/824185
  • Lee, Y.-S., Ryu, Y., Jung, W.-M., Kim, J., Lee, T., & Chae, Y. (2017). Understanding Mind-Body Interaction from the Perspective of East Asian Medicine. Evidence-Based Complementary and Alternative Medicine. https://doi.org/10.1155/2017/7618419
  • Feher, J., & Lengyel, G. (2011). Silymarin in the Prevention and Treatment of Liver Diseases and Primary Liver Cancer. Current Pharmaceutical Biotechnology. https://doi.org/10.2174/138920112798868818