Alimenti fermentati, perché fanno bene?

27 Maggio 2020
I benefici offerti dagli alimenti fermentati rappresentano uno degli attuali campi di ricerca. I probiotici, oltre a  fornire sostanze nutritive, sembrano proteggere il sistema immunitario.

È sempre più diffusa l’abitudine di consumare alimenti fermentati, in una percentuale che va dal 5 al 40% della nostra dieta.

Ogni paese ha i propri, come lo yogurt, i formaggi, la panna acida o la salsa di soia. Appartengono a questa categoria anche le bevande come il kefir (latte fermentato), il kombucha (tè fermentato), la birra e il vino.

Altri esempi sono il miso giapponese (semi di soia fermentati), il kimchi coreano (cavolo piccante fermentato) o i crauti tedeschi. E questi sono solo alcuni tra i tanti!

Sebbene siano conosciuti da secoli in tutto il mondo, ultimamente sono diventati una moda. Perché fa bene mangiare gli alimenti fermentati? Ve lo diciamo in questo articolo.

I benefici offerti dagli alimenti fermentati

Microbiota intestinale
Il microbioma intestinale apporta vitamine e sali minerali difficili da ottenere attraverso gli alimenti.

Includere i cibi fermentati nella nostra dieta offre molteplici vantaggi. Per esempio:

  • Maggiore digeribilità dei cibi, poiché i batteri svolgono parte della digestione degli alimenti che introduciamo.
  • La fermentazione aumenta la concentrazione di vitamine importanti, come la vitamina K, difficile da trovare in altri alimenti. Si tratta di una vitamina chiave per la salute delle ossa, delle arterie coronarie, nonché nella prevenzione di alcune forme tumorali.
  • Protezione del sistema immunitario. Ricordiamo che il 70% delle nostre difese si trova nell’intestino. Un microbiota povero aumenta il rischio di ammalarci.
  • Diversi alimenti fermentati apportano vari ceppi batterici, aumentando la microdiversità. Una composizione più ricca del microbiota corrisponde a minori rischi per la salute.

Leggete anche: L’alimentazione influisce sul microbiota: come?

Quali effetti hanno sulla salute?

Yogurt bianco tra gli alimenti fermentati
Gli alimenti fermentati facilitano la digestione in presenza di alcune malattie intestinali.

I cibi fermentati possono offrire molteplici benefici per la salute, non solo dal punto di vista nutrizionale. La ricerca scientifica continua a studiare in che modo influiscano sul corpo e sul suo funzionamento.

I latticini fermentati sembrano ridurre il rischio di malattie cardiovascolari. Il consumo di yogurt è associato anche a un peso sano e alla prevenzione del diabete di tipo 2.

La fermentazione può migliorare la qualità e la digestione delle proteine e aumentare la concentrazione di vitamina B e C. Oltre a ciò, facilita l’assorbimento di elementi come il ferro e lo zinco.

In presenza di alcuni disturbi digestivi, la fermentazione rende i cibi più facilmente digeribili. Sono utili, ad esempio per chi soffre di sindrome dell’intestino irritabile o intolleranza al lattosio. I batteri utilizzati per elaborare lo yogurt rendono più facile la digestione del lattosio.

Questi alimenti contengono spesso batteri vivi, alcuni dei quali probiotici, ovvero in grado di favorire la salute intestinale. La quantità di microrganismi presenti nell’intestino aumenta quando si include nella dieta questo gruppo di alimenti.

Leggete anche: Kefir con acqua di cocco, ecco come si prepara

Dobbiamo mangiare i cibi fermentati per motivi di salute?

Alimenti fermentati
Includere gli alimenti fermentati in una dieta varia può offrire diversi benefici alla nostra salute.

Gli alimenti fermentati sono parte della dieta dell’uomo da secoli e sono considerati positivi per la salute. Sono, quindi, da sempre consigliati.

Se non è ancora una vostra abitudine, potete cominciare ad aggiungere lo yogurt ai frullati, mangiare una zuppa di miso, un contorno di crauti, fare colazione con una fetta di pane di lievito madre con formaggio o bere un rinfrescante kefir.

Includere questi prodotti è soprattutto un modo per aggiungere nuovi sapori e consistenze interessanti ai nostri piatti.

In conclusione, i cibi fermentati possono offrire molteplici vantaggi per la nostra salute, molti dei quali sono ancora oggetto di ricerca. Per assicurarci un buon equilibrio, è sufficiente mangiare in modo sano e vario.

  • Parra Huertas Ricardo Adolfo. Yogur en la salud humana. Rev. Lasallista Investig.  [Internet]. 2012  Dec [cited  2019  Feb  03] ;  9( 2 ): 162-177. Available from: http://www.scielo.org.co/scielo.php?script=sci_arttext&;amp;pid=S1794-44492012000200017&lng=en.
  • CALDERÓN, O.; et al. Evaluación del efecto del cultivo probiótico Lactobacillus rhamnosus adicionado a yogur natural y con probióticos comerciales sobre poblaciones de Staphylo-coccus aureusEscherichia coli O157:H7, Listeria monocytogenes Salmonella enteritidis. EnArchivos Latinoamericanos de Nutrición. 2007.Vol. 57, p. 51-55.
  • UYENO, Y.; SEKIGUCHI, Y. & KAMAGATA, Y. Impact of consumption of probiotic lactobacilli-containing yogur on microbial composition in human feces. En: International. Journal of Food Microbiology. 2008. Vol. 122, p.16-22.
  • Hutkins RW (2008). Microbiology and technology of fermented foods. Wiley-Blackwell.