Tiroide sana con gli alimenti ricchi di iodio

· 8 Maggio 2019
Oltre ad apportare più della metà della quantità giornaliera di iodio raccomandata, lo yogurt bianco vi aiuta anche a migliorare le funzioni intestinali, ristabilendo la flora batterica

Una tiroide sana e che funzioni correttamente è fondamentale per la salute complessiva del nostro corpo.

Uno dei compiti di questa ghiandola è immagazzinare gli elementi essenziali per la sintesi degli ormoni tiroidei, la cui funzione è quella di regolare il metabolismo, la crescita e il processo di disintossicazione.

Il funzionamento della tiroide è però strettamente legato alla presenza di iodio. Una mancanza di questo elemento, infatti, porta allo sviluppo dell’ipotiroidismo, ovvero una ridotta produzione di ormoni tiroidei.

Questo squilibrio causa gravi conseguenze tra cui aumento eccessivo di peso, sensazione di stanchezza e irregolarità del ciclo mestruale.

Alcuni alimenti contengono iodio in quantità maggiore di altri e sono quindi consigliati per contrastare livelli bassi nel corpo.

Ecco i cibi da privilegiare e da assumere con frequenza per un carico di iodio e una tiroide sana e attiva.

Alimenti ricchi di iodio per una tiroide sana

1. Mirtilli

mirtilli

Grazie alla loro abbondanza di antiossidanti, i mirtilli sono tra i frutti più indicati per la nostra salute. Si stima che circa un etto di mirtilli apporti fino a 400/mcg di iodio.

Mangiandoli in modo regolare proteggiamo quindi il buon funzionamento della tiroide.

Leggete anche: Piante medicinali per regolare e prendersi cura della tiroide

Vi consigliamo di mangiarli allo stato naturale, ovvero in macedonia o frullati.

2. Yogurt bianco

Lo yogurt bianco è uno dei probiotici naturali più potenti e salutari che si possano includere nella dieta.

Contiene poco più della metà di iodio necessario ogni giorno al nostro corpo, circa 90/mcg a tazza.

Inoltre, aiuta l’intestino a ripristinare la flora batterica prevenendo le malattie virali.

3. Sale dell’Himalaya

Molte persone si sforzano di ridurre al massimo il consumo di sale, cercando di assumere la quantità necessaria di iodio da altri alimenti.

Un’alternativa è il sale dell’Himalaya. Ovviamente, come per tutti gli altri tipi di sale, è importante moderarne il consumo per evitare effetti indesiderati.

4. Baccalà per una tiroide sana

baccalà per una tiroide sana

Il baccalà è uno dei pesci più ricchi di acidi grassi omega 3, vitamina E e minerali come il potassio, il calcio, il magnesio e lo iodio.

Ha un basso contenuto di grassi e calorie ed è anche uno dei migliori complementi per una dieta e una tiroide sana.

85 grammi di baccalà apportano 99 microgrammi di iodio, cioè circa il 66% della quantità giornaliera di cui necessita il corpo.

5. Fragole

Sono deliziose, versatili e contengono nutrienti essenziali che rafforzano il sistema immunitario.

Non sono solo buone però. Il loro significativo apporto di iodio le rende infatti appropriate per migliorare la salute della tiroide. Una tazza di fragole contiene 13 mcg di iodio, più o meno il 10% della dose giornaliera raccomandata.

6. Fagiolini

fagiolini

I fagiolini sono una verdura sana da aggiungere in qualsiasi dieta. Il loro consumo regolare garantisce al corpo piccole quantità di iodio, ma utili a stimolare il funzionamento della tiroide.

Mezza tazza di fagiolini apporta 3 mcg di iodio, circa il 2% del valore giornaliero raccomandato.

7. Fagioli bianchi

I fagioli, di tutti i tipi, sono un alimento adatto a qualsiasi dieta. Senza dubbio, la varietà bianca è considerata la migliore per regolare la funzione della tiroide grazie al suo apporto di iodio.

Mezza tazza di questo tipo di fagioli contiene infatti fino a 32 mcg di iodio e poche calorie; inoltre, sono ottimi per la digestione grazie al loro apporto di fibre.

Leggete anche: 3 gustosi frullati ricchi di fibra per iniziare la giornata

8. Patate per una tiroide sana

Patate

La patata è uno degli alimenti più consumati al mondo ed è anche una delle maggiori fonti di iodio che si possano trovare nel regno vegetale.

Una patata con la buccia e cotta al forno apporta circa 60 mcg di iodio.

Inserire questo alimento nella dieta è uno dei modi più sani per apportare iodio all’organismo, soprattutto alla tiroide.

Ricordiamo che lo iodio non viene prodotto naturalmente dal corpo, quindi è importante introdurlo attraverso l’alimentazione.

  • Zimmermann, M. B., & Köhrle, J. (2002). The Impact of Iron and Selenium Deficiencies on Iodine and Thyroid Metabolism: Biochemistry and Relevance to Public Health. Thyroid. https://doi.org/10.1089/105072502761016494
  • Haldimann, M., Alt, A., Blanc, A., & Blondeau, K. (2005). Iodine content of food groups. Journal of Food Composition and Analysis. https://doi.org/10.1016/j.jfca.2004.06.003
  • Kapil, U. (2007). Health consequences of iodine deficiency. Sultan Qaboos University Medical Journal. https://doi.org/10.1097/00019616-199305000-00007