Amenorrea ipotalamica: perché si presenta?

17 Agosto 2020
Le donne che si sottopongono a regimi alimentari troppo rigorosi o che esagerano con l'attività fisica possono sviluppare l'amenorrea ipotalamica. Può essere causata anche da stress cronico.

L’amenorrea ipotalamica spesso si verifica in donne con uno stile di vita apparentemente sano. Non è correlata, di fatto, a malattie pregresse.

Secondo alcune stime, il 30% delle donne può soffrire di amenorrea ipotalamica a un certo punto della propria vita. Molte di loro non ne sono consapevoli finché  non decidono avere un bambino, momento interrompono la terapia anticoncezionale. Ecco, però, che il ciclo mestruale continua a essere assente.

Nella maggior parte dei casi, l’amenorrea ipotalamica è una condizione che può essere trattata con successo  e facilmente. Nonostante ciò, non bisogna sottovalutare il problema.

Cos’è l’amenorrea ipotalamica?

Assenza di mestruazioni e amenorrea ipotalamica.

L’amenorrea ipotalamica è una condizione comune. Si definisce come una patologia caratterizzata dall’assenza di mestruazioni in età fertile. È causata da un’anomalia nell’ipotalamo, che è la parte del cervello che controlla il funzionamento del sistema nervoso e dell’ipofisi, o ghiandola pituitaria.

Si parla di amenorrea quando una donna non ha il ciclo per più di tre mesi oppure quando una ragazza dopo i 15 anni d’età non inizia ad avere le regolari mestruazioni. In condizioni normali, le mestruazioni dovrebbero cessare solo durante la gravidanza o la menopausa.

Perché si presenta?

L’amenorrea ipotalamica si verifica quando l’ipotalamo secerne molto lentamente o smette di secernere l’ormone di rilascio delle gonadotropine, ovvero l’ormone che determina l’inizio del ciclo mestruale. Ciò si verifica soprattutto in seguito a:

  • Stress.
  • Rapido dimagrimento.
  • Eccessiva attività fisica.

Si può dire che l’amenorrea ipotalamica è una risposta fisiologica a questi eventi. Lo stress, il dimagrimento e un allenamento inducono l’ipotalamo a produrre maggiori quantità dell’ormone di rilascio della corticotropina (GnRH).

Questo, a sua volta, porta a un aumento dell’ormone adrenocorticotropo (ACTH), che viene prodotto dall’ipofisi, e del cortisolo, secreto dalle ghiandole surrenali. Tali cambiamenti inibiscono la produzione dell’ormone di rilascio delle gonadotropine GnRH nell’ipotalamo e portano alla cessazione del ciclo mestruale.

Gli effetti sull’organismo

Calendario del ciclo mestruale.

Il primo effetto dell’amenorrea ipotalamica sul corpo è, ovviamente, l’impossibilità o la grande difficoltà di concepimento. L’ormone GnRH, tuttavia, interviene anche in altre funzioni.

Per esempio, stimola il rilascio di altri ormoni essenziali per l’ovulazione: ormone luteinizzante (LH) e ormone follicolo-stimolante (FSH). In assenza di ovulazione non si è fertili. Se nonostante ciò, la rimane incinta, aumenta il rischio di aborto spontaneo o di parto prematuro.

Quando l’amenorrea ipotalamica si verifica in età molto precoce, le caratteristiche sessuali secondarie possono svilupparsi in modo scorretto. Così una donna potrebbe presentare una peluria anomala sul petto o sul viso e avere un tono di voce più basso.

Oltre a ciò, l’ipotalamo e l’ormone GnRH regolano il sonno, la fame e la temperatura corporea. L’amenorrea ipotalamica è spesso accompagnata da stanchezza, insonnia, diminuzione del desiderio sessuale e depressione.

Vi potrebbe interessare: Disfunzioni sessuali femminili più comuni

Dati rilevanti sull’amenorrea ipotalamica

L’amenorrea ipotalamica è stata associata alla perdita ossea. Le donne che ne sono affette hanno maggiori probabilità di sviluppare osteoporosi e altri disturbi ossei. Aumenta anche il rischio di malattie cardiache e digestive.

Leggete anche: Conseguenze dell’osteoporosi dopo la menopausa

In considerazione dei fattori che scatenano questa anomalia, è necessario tenere a mente:

  • Esercizio fisico: la combinazione di allenamento in eccesso e scarsa alimentazione è molto dannosa alla salute.
  • Dimagrimento: diventa un problema quando si perdono più di 5 kg in poco tempo e/o si ha un indice di massa corporea (IMC) di 20 o meno. Le diete troppo rigide non sono consigliabili.
  • Lo stress: se è cronico, diventa un fattore di rischio. A volte il corpo interpreta l’eccessiva richiesta di esercizi fisici come un fattore di stress.

È anche noto che le donne con una storia familiare di amenorrea ipotalamica hanno maggiori probabilità di sviluppare questa condizione.  Nella maggior parte dei casi, tuttavia, agendo sui fattori di rischio è possibile prevenire e trattare il problema. Se avete dei sospetti, non esitate a consultare uno specialista e seguite le sue istruzioni.

  • Rodríguez-Fernández, J. M., García-Acero, M., & Franco, P. (2013). Neurobiología del estrés agudo y crónico: su efecto en el eje hipotálamo-hipófisis-adrenal y la memoria. Universitas médica, 54(4), 472-494.
  • Barros-Delgadillo, J. C., Trejo-Castañeda, H., Christopher, E., & Gaviño-Gaviño, F. (2010). Diferencia de respuesta a los antagonistas de GnRH en ciclos de hiperestimulación ovárica más inseminación intrauterina. Ginecología y Obstetricia de México, 78(01), 15-28.
  • Fiszlejder, L. (2008). Etiopatogenia de la amenorrea hipotalámica funcional: Interacción de las respuestas hormonales del sistema nervioso central y neuropéptidos periféricos. Revista argentina de endocrinología y metabolismo, 45(2), 75-88.