Amicizia non corrisposta: segnali e consigli

Le relazioni cambiano nel tempo. A volte le situazioni della vita portano a sperimentare un'amicizia non corrisposta. È importante accettare le nostre emozioni e tutelarsi.
Amicizia non corrisposta: segnali e consigli

Ultimo aggiornamento: 04 settembre, 2022

“Ci conosciamo da sempre, mi ha visto nei momenti peggiori, mi ha accompagnato nei miei stati peggiori”. In questo articolo parliamo di amicizia non corrisposta.

Può succedere di ritrovarsi a giustificare il comportamento di un amico, anche se ci ha ferito. Ognuno avrà la sua risposta, ma questa domanda serve da innesco per ripensare i legami dell’amicizia.

A proposito dei legami di amicizia

Potremmo iniziare questo paragrafo citando l’enorme numero di frasi che esistono sull’amicizia: “un amico è…”. Oppure, potremmo fare riferimento ai benefici di un’amicizia sincera per la salute:

  • Aiuta a ridurre e gestire meglio i livelli di stress.
  • Contribuisce a sviluppare empatia e migliorare le relazioni interpersonali.
  • È una fonte di sostegno.
  • Ci permette di avere un’altra prospettiva sulle cose ed essere autocritici.

Ma è anche vero che l’amicizia è un legame tra le persone; con tutto il bene e il male che questo implica. In altre parole, affinché una relazione sia duratura nel tempo, devono esserci reciprocità e interesse reciproco.

Forse questa considerazione ci porta a capire quando siamo in presenza di un’amicizia non corrisposta.

Fine di un'amicizia non corrisposta.
Le amicizie sono relazioni tra esseri umani, per cui possono rompersi.

Leggi anche: Amicizia tossica: come interrompere i rapporti

Cos’è l’amicizia non corrisposta?

Come possiamo prendere coscienza di un’amicizia non corrisposta? Alcuni dei segnali sono i seguenti:

  • L’equilibrio è “sbilanciato”: una delle persone ci tiene molto, è attenta e interessata, mentre l’altra si comporta in modo freddo e privo di interesse.
  • Non esiste più un percorso comune: ci sono momenti nella vita in cui condividiamo e trascorriamo molto tempo con qualcuno. Tuttavia, capita anche che a volte ognuno vada per la propria strada. Ciò può far allentare alcuni legami e non ci sentiamo più a nostro agio.
  • L’altro è egocentrico: un’amicizia non corrisposta esiste anche nei casi in cui l’intera relazione ruota attorno a una persona. Anche quando l’altra parte cerca di condividere ciò che gli sta accadendo, ciò che riceve come risposta è autoreferenziale, del tipo “mi è successo che…”.
  • Non prende sul serio quello che si sente l’altro: succede anche che quando diciamo all’altro come ci fa sentire il modo in cui si comporta, lui lo prende sotto gamba o lo minimizza. “Stai esagerando”. Naturalmente, nessuno è esente dall’avere le proprie battaglie da risolvere; un amico può capirlo. Tuttavia, quando questa situazione è la regola e non l’eccezione, la relazione diventa scomoda e ingiusta.

Consigli per affrontare un’amicizia non corrisposta

La trasformazione dei legami può essere accompagnata da qualche angoscia. Le persone che erano molto significative non lo sono più. In questo senso, è importante permettersi di porre dei limiti e ripensare la relazione in modo che sia salutare per tutte le parti coinvolte.

Alcuni dei consigli su un’amicizia non corrisposta da tenere in considerazione sono i seguenti.

Non negare i propri sentimenti

Qualunque sia il motivo per cui ci allontaniamo, dobbiamo permettere alle emozioni del cambiamento di emergere. Forse non smetteremo di essere amici, ma accettiamo di condividere meno cose rispetto a prima.

È necessario connettersi con ciò che sentiamo e viverlo. Rifiutarlo o evitarlo non fa che rimandare la situazione e, molte volte, la ingrandisce.

Accettare l’idea che l’amicizia sia importante, ma non ad ogni costo

Come abbiamo già accennato, questo tipo di legame è di enorme ricchezza, ma richiede anche gli ingredienti di qualsiasi altro rapporto: rispetto, interesse e cura.

Per quanto sia il nostro amico più fedele, dobbiamo lavorare sui nostri pensieri e sulle scuse che ci lasciano in secondo piano e ci portano ad avere relazioni dannose. Forse arriveremo a questioni più profonde, come l’insicurezza, l’autostima, la mancanza di limiti e certe paure di essere soli.

Il distacco è necessario, ma provoca disagio.

Aspettative sincere

In ogni relazione è necessario essere chiari su cosa stiamo cercando e cosa possiamo aspettarci. Prima di terminare una relazione o di esprimere un giudizio definitivo al riguardo, dobbiamo parlare e valutare le aspettative.

Parlare con il tuo amico può portare a consensi e punti intermedi, senza che questo implichi un punto finale. In altri casi, parlare per avere una buona conclusione può anche essere riparatore. Scegliamo come sarà e non lo lasciamo al caso.

Conversazione tra amici.
Sarà sempre preferibile una conversazione onesta e non lasciare al caso la rottura o la fine di una relazione.

Anche le amicizie vivono dei cambiamenti

Dove vogliamo correre a raccontare la buona e la cattiva notizia è l’amicizia. Questa è una premessa che funge da bussola e che ci guida per quanto riguarda la qualità dei nostri collegamenti e per quali vale la pena lottare.

È chiaro che nulla indica che la relazione sarà perfetta. Al contrario, si tratta anche di accettare noi stessi nelle somiglianze e nelle differenze. Ma la verità è che un legame di amicizia deve essere un luogo sicuro, un rifugio in cui vogliamo sempre tornare.

Ogni fase della vita presenterà le proprie esigenze e ci sono alcune relazioni che potranno adattarsi e prendere un’altra forma. Forse, l’intensità di un’amicizia nell’adolescenza deve tramutarsi in un caffè durante la frenetica vita adulta. L’importante è che ci sia quella voglia di stare in compagnia e che non diventi un peso.

Potrebbe interessarti ...
I benefici dell’amicizia sulla salute emotiva
Vivere più sani
Leggi in Vivere più sani
I benefici dell’amicizia sulla salute emotiva

L'istinto di sopravvivenza ci spinge a farci degli amici. Vediamo insieme tutti i benefici dell'amicizia sulla salute emotiva.



  • Bohórquez López, C. & Rodríguez-Cárdenas, D. E. (2014). Percepción de amistad en adolescentes: el papel de las redes sociales. Revista Colombiana de Psicología, 23(2), 325-338. doi: 10.15446/rcp.v23n2.37359.
  • Moreno Encinas, Alba, & Ruz González, Caterina, & Lanza Escobedo, David, & De Diego Pérez, Adriana, & Moreno Martín, Gema (2012). CONCEPCIONES ACERCA DE LA AMISTAD: UN ESTUDIO EXPLORATORIO CON NIÑOS ESPAÑOLES E INMIGRANTES AFINCADOS EN LA COMUNIDAD DE MADRID. International Journal of Developmental and Educational Psychology, 2(1),293-301.[fecha de Consulta 3 de Agosto de 2022]. ISSN: 0214-9877. Disponible en: https://www.redalyc.org/articulo.oa?id=349832339030