Amnesia: sintomi e metodi di prevenzione

9 Maggio 2019
L'amnesia è una malattia che impedisce di ricordare o recuperare le informazioni. Si manifesta con una sintomatologia caratteristica che vedremo in questo articolo.

L’amnesia si manifesta con la perdita parziale o totale della memoria. In termini più tecnici, consiste in un disturbo del funzionamento della memoria a causa del quale la persona non è in grado di conservare o ricordare le informazioni memorizzate in precedenza.

Per capire in cosa consiste l’amnesia, è importante sapere che cos’è esattamente la memoria. La memoria può essere definita come la capacità del nostro sistema nervoso centrale (SNC) di apprendere, organizzare e correggere eventi del nostro passato.

Grazie alla memoria, siamo in grado di memorizzare i dati attraverso meccanismi complessi che sono sviluppati in tre fasi: codifica, archiviazione ed evocazione.

Quando una persona soffre di amnesia, perde la capacità di sviluppare la memoria e tutti i processi che ne derivano.

Quali sono le cause dell’amnesia?

Amnesia
Le cause dell’amnesia possono essere molto varie, inclusi danni diretti al cervello o fenomeni psicologici.

I fattori scatenanti di questo disturbo sono cause organiche o funzionali. Per quanto riguarda le prime, possiamo includere quei fattori che causano danni al cervello, quali malattie, traumi o il consumo di alcune droghe come i sedativi.

Le cause funzionali, invece, includono fattori psicologici, come i meccanismi di difesa. In questi casi si parla di amnesia a causa della sindrome post-traumatica.

Oltre a questa classificazione generale, possiamo trovare altre cause come l’amnesia che si verifica dopo la somministrazione di un anestetico. Questo perché l’anestesia provoca delle interruzioni nei meccanismi di consolidamento della memoria.

Infine, un quadro di amnesia può verificarsi anche spontaneamente. Un esempio di ciò è l’amnesia globale transitoria. In questi casi, la percentuale è più alta nelle persone di età media e avanzata, soprattutto negli uomini. Di solito dura meno di 24 ore.

Forse siete interessati: 6 rimedi naturali per preservare la memoria

Sintomi

I sintomi dell’amnesia possono essere riassunti nella perdita di accesso alla memoria. Una persona con questo disturbo può non essere in grado di ricordare tutti i tipi di ricordi, quali date, nomi o dati generali della sua biografia e del suo passato.

Alla luce di ciò, possiamo dire che le due caratteristiche principali dell’amnesia sono:

  • Difficoltà a imparare nuove informazioni dopo l’insorgenza dell’amnesia. Questa situazione è nota come amnesia anterograda.
  • Difficoltà a ricordare eventi passati e informazioni che erano di natura familiare. In questo caso, l’amnesia è retrograda.

Tenete presente che la perdita di memoria non ha nulla a che fare con l’intelligenza, la conoscenza generale, la consapevolezza, l’attenzione, il giudizio, la personalità o l’identità della persona.

Inoltre, l’amnesia non deve essere confusa con la demenza, dal momento che sono due disturbi diversi. La demenza, oltre a causare la perdita di memoria, provoca anche altri problemi cognitivi assenti in caso di amnesia.

Altri sintomi che possiamo evidenziare sono:

  • Falsi ricordi, ovvero la persona crea ricordi completamente inventati a partire da ricordi veri alterati cronologicamente.
  • Confusione e disorientamento.
  • Deterioramento delle relazioni personali.

Scoprite: Rinforzare il cervello grazie a 4 buone abitudini

Metodi di prevenzione

Memoria
Il trattamento di malattie che possono influenzare la struttura del cervello è il modo migliore per prevenire i danni dell’amnesia.

Poiché qualsiasi danno che interessa il cervello può essere una ragione sufficiente per lo sviluppo di questo disturbo, è molto importante eseguire una serie di misure preventive di danno cerebrale.

Tra questi, evitare il consumo di alcol in eccesso e a lungo termine, in quanto può causare una carenza di tiamina o vitamina B1. Anche le misure protettive, come indossare il casco quando si va in bicicletta o in moto, sono molto importanti.

Infine, è essenziale trattare rapidamente qualsiasi infezione per ridurre la possibilità di diffusione nel cervello. È molto importante cercare un trattamento medico immediato nel caso in cui la persona avverta sintomi che suggeriscono un ictus o un aneurisma cerebrale.

Tra i sintomi allarmanti ricordiamo il mal di testa, sensazione di intorpidimento o di paralisi.