Come capire se è l’amore della propria vita?

· 24 Agosto 2017
L'amore non è sufficiente a rendere una relazione duratura: deve essere accompagnato da generosità, rispetto, accettazione e senso di sicurezza.

A tutti piacerebbe incontrare l’amore della propria vita, quello che ci fa vibrare e che non lascia spazio ai dubbi: l’amore di una persona che ci rispetta e ci ama.

A volte, però, cadiamo vittime di false convinzioni che offuscano la nostra visione dell’amore, che ci inducono a commettere errori clamorosi o ad accettare situazioni che ci fanno soffrire.

Una di queste è credere che l’amore basti e avanzi affinché la relazioni duri nel tempo. Ma non è così, l’amore della propria vita, richiede altri ingredienti.

L’amore della propria vita dev’essere incondizionato, generoso

Donna in gabbia

Si, l’amore della propria vita è incondizionato: ci rispetta e non ci giudica. Non ci ferisce mai con le sue parole: le usa per spronarci, mai per scoraggiarci.

Non contano i brutti momenti, quelli che ci fanno tirare fuori il peggio e ci fanno proiettare tutta la nostra frustrazione e la rabbia sulla persona che amiamo di più.

L’amore della mia vita è al mio fianco e mi ama, nonostante i miei errori e le mie sfaccettature.

La cosa più importante, però, è essere in due a costruire la relazione. Non deve esserci chi mette di più e chi meno.

Ho capito, infatti, che in amore è essenziale la generosità e che se una gamba della sedia si muove, per stanchezza o abitudine, si finisce gambe all’aria.

Leggete anche: L’amore non è mai sinonimo di sacrificio

L’amore della mia vita è generoso ed è sempre disposto a risolvere insieme i nostri conflitti. Le differenze, le discussioni, i problemi sono presenti in ogni relazione e si superano parlando e negoziando.

Comunicare è la parola chiave.

Tutto quello che teniamo dentro di noi e che non diciamo quando deve essere detto nel tempo potrebbe uscire allo scoperto amplificato e, così, distruggere tutto quello che abbiamo costruito.

Più importante di tutto: se mi fa soffrire, non è amore

Volo che vela

Ho capito che il grande amore della mia vita non mi farebbe mai soffrire, anche se a volte, per inerzia o cecità, permettiamo e giustifichiamo dicendo “lo fa perché mi ama tanto”.

Chi mi ama non mi manipola, non mi sottomette, non mi usa come un oggetto. Non mi mente, perché la comunicazione è fatta di sincerità, comprensione e rispetto.

Leggete anche: Chi ci ama davvero ci offrirà calma e certezza e non ci ingannerà mai

In questo modo, la coppia diventa un rifugio, un porto sicuro. La paura non esiste, non ci sono dubbi o insicurezze. In caso contrario, forse non è vero amore.

È importante aprire gli occhi, non lasciarsi trasportare da aspettative poco realistiche, essere coscienti che l’egoismo ha conseguenze più nefaste di quanto non ammettiamo.

L’amore maturo viene costruito giorno per giorno

Abbraccio

A volte il calo del desiderio, la mancanza di stimoli o la frustrazione di vedere che la relazione sta cambiando ci fa sentire in crisi.

Questo è normale. L’innamoramento ci fa battere il cuore, vibrare e sentire pieni di iniziativa, ma poi passa e ci si ritrova in una relazione più rilassata, più tranquilla e in cui, certamente, molte cose sono cambiate.

È importante considerare questo cambiamento come un’evoluzione, senza recriminazioni o sensi di colpa. L’amore diventa maturo, ma non per questo peggiore. Tutto il contrario.

Un amore sincero apprezza ogni fase della relazione e ogni aspetto della persona amata.

A volte vorremmo tutto subito ed è qui che cadiamo. Costruire un amore maturo richiede lentezza, calma, la volontà di godere di ogni momento.

Questo è l’amore della mia vita.

L’amore e l’innamoramento possono confondersi e far sorgere dubbi su quanto dobbiamo aspettarci dalla coppia. Saperli distinguere è il primo passo per vivere pienamente una grande storia d’amore.

Illustrazioni di Ofra Amit. Immagine principale per gentile concessione di © wikiHow.com

  • Urbiola Pérez, I. Violencia recibida, ejercida y percibida en las relaciones de noviazgo de jóvenes y adolescentes. [Internet]. Tesis doctoral. Universidad de Deusto. 2014. Disponible en: https://www.educacion.gob.es/teseo/imprimirFicheroTesis.do?idFichero=54BBULc%2FeuQ%3D
  • Villa Moral Jiménez, María de la; Sirvent Ruiz, Carlos. Dependencia Afectiva y Género: Perfil Sintomático Diferencial en Dependientes Afectivos Españoles.[Internet]. Interamerican Journal of Psychology, vol. 43, núm. 2, 2009, pp. 230-240.