Aneurisma dell’aorta addominale: sintomi e trattamento

11 Settembre 2020
Se accompagnata dalla rottura delle pareti arteriose, l'aneurisma dell'aorta addominale mette a rischio la nostra vita. Se rilevato in tempo, è possibile prevenire eventuali complicazioni tramite rigorosi controlli.

L’aneurisma dell’aorta addominale è una dilatazione anomala e persistente di questa arteria. È una condizione che può colpire chiunque e può avere gravi complicazioni.

Gli anziani sono un gruppo a rischio, perché, per via dell’età, le pareti delle arterie sono più fragili ed elastiche, dunque più inclini a rottura. Ciononostante, l’aneurisma dell’aorta addominale può colpire anche in giovane età a causa di un disturbo genetico o patologie sottostanti.

Cos’è l’aneurisma dell’aorta addominale?

L’aorta è l’arteria più grande del corpo umano. Inizia nel ventricolo sinistro del cuore ed è responsabile del trasporto del sangue in tutto il corpo.

Quella che conosciamo come aorta addominale è solo la parte di questa arteria che attraversa l’addome, proprio davanti alla colonna vertebrale. Si estende dal diaframma alla quarta vertebra lombare.

Per aneurisma si intende la dilatazione di un’arteria o di una parte della stessa. Le pareti risultano dunque dilatate e indebolite, con un rischio di rottura molto alto. In questo caso parliamo del vaso sanguigno più grande di tutto il corpo, ovvero quello che porta una quantità maggiore di sangue ed è sottoposto a una forte pressione; un’eventuale rottura, dunque, può avere conseguenze fatali.

L'aorta è l'arteria più grande del corpo umano.
L’aorta è l’arteria più grande del corpo umano e le sue malattie rappresentano un grave rischio per la salute.

Potrebbe interessarvi: Gli effetti dell’alcol sul cuore da conoscere

Fattori di rischio per l’aneurisma dell’aorta addominale

Anche se può colpire chiunque, alcuni aspetti o abitudini predispongono all’aneurisma dell’aorta addominale. Allo stesso modo, alcuni fattori di rischio aumentano le probabilità di rottura. Tra questi ricordiamo:

  • Sesso maschile. Gli uomini hanno quattro volte più probabilità di sviluppare un aneurisma rispetto alle donne.
  • Precedenti familiari di aneurisma. È possibile ereditare questa condizione tramite il patrimonio genetico.
  • Tabacco. Il fumo ha molti effetti nocivi sul corpo. Tra questi, le sostanze tossiche inalate mentre si fuma rendono più deboli le pareti dei vasi sanguigni. Ciò aumenta il rischio di rottura in caso di aneurisma.
  • Colesterolo alto e aterosclerosi. Come il tabacco, entrambi questi fattori danneggiano le pareti di vene e arterie, rendendole più suscettibili a rottura.
  • Ipertensione arteriosa. Il sangue circola a una pressione maggiore all’interno delle arterie. Questa pressione si ripercuote alle pareti dei vasi sanguigni sforzandole.

Da leggere anche: Mangiare sano fa bene al cuore

Quali sintomi provoca?

In genere un aneurisma dell’aorta addominale si sviluppa lentamente. I casi di improvvisa insorgenza acuta, di fatto, sono molto rari. Ciò che costituisce un’emergenza è la rottura della parete aneurismatica, che può rappresentare l’inizio e la scoperta della malattia.

Durante il suo lento sviluppo, questo disturbo non presenta sintomi. Quando si verifica la rottura dell’aorta, iniziano a presentarsi diversi sintomi che si intensificano gradualmente. Nei casi più seri, si manifesta un grave quadro clinico. Alcuni sintomi in caso di rottura dell’aorta addominale sono:

  • Dolori addominali che possono irradiarsi nella parte bassa della schiena.
  • Diminuzione della pressione sanguigna.
  • Vertigini o svenimenti.
  • Sudorazione con sensazione di freddo.
  • Difficoltà respiratorie e battito cardiaco accelerato.
Dolore addome in rottura aneurisma della aorta addominale.
Il dolore addominale in caso di rottura di un aneurisma dell’aorta è acuto e intenso.

Diagnosi e trattamento dell’aneurisma dell’aorta addominale

Se l’aneurisma non si rompe, di solito viene rilevato accidentalmente durante un esame diagnostico per immagini, eseguito per un altro motivo. Ci riferiamo a ecografie, TAC o radiografie.

Una volta diagnosticato, il trattamento è volto a prevenire la rottura e dipende dalle dimensioni dell’aneurisma. Alcune misure includono un rigoroso controllo della pressione sanguigna, abbandonare il fumo e regolare i livelli di colesterolo nel sangue.

Se l’aneurisma diagnosticato supera i 5 centimetri, cresce molto velocemente o esistono molti fattori di rischio di rottura, sarà trattato chirurgicamente. Se l’aneurisma viene diagnosticato dopo la rottura, sarà necessario un intervento chirurgico d’urgenza.

Il rischio è la rottura

L’aneurisma dell’aorta addominale presenta una frequenza non trascurabile. Se diagnosticato precocemente, con i dovuti controlli e un trattamento preventivo, di solito non provoca complicazioni.

In caso di rottura dell’arteria, invece, sarà necessaria una diagnosi rapida e un intervento chirurgico d’urgenza per evitare un esito fatale. Controllare la pressione sanguigna, abbassare i livelli di colesterolo ed evitare il fumo saranno misure fondamentali per prevenire la rottura.

  • Belloch García SL. Abdominal aortic aneurysm. Prevalence and associated risk factors in a population of patients hospitalised in Internal Medicine. Rev Clin Esp. 2018 Dec 1;218(9):455–60.
  • Izquierdo González R, Dorrego García RM, Rodríguez Ledo P, Segura Heras JV. Screening based on risk factors for abdominal aortic aneurysm in the cardiology clinic. Int J Cardiol. 2019 Mar 15;279:162–7.
  • Gentille-Lorente DI, Salvadó-Usach T. Screening for Abdominal Aortic Aneurysm by Means of Transthoracic Echocardiography. Rev Española Cardiol (English Ed. 2011 May 1;64(5):395–400.
  • Riambau V, Guerrero F, Montañá X, Gilabert R. Abdominal aortic aneurysm and renovascular disease. Vol. 60, Revista Espanola de Cardiologia. Ediciones Doyma, S.L.; 2007. p. 639–54.
  • Maceira-Rozas, M. C., and G. Atienza-Merino. “Cribado de aneurisma de aorta abdominal en población de riesgo: revisión sistemática.” Angiología 60.3 (2008): 165-176.
  • Soria, J. M., et al. “Métodos de estudio de las enfermedades complejas: aneurismas de la aorta abdominal.” Angiología 62.2 (2010): 58-64.
  • Canaud, L., and P. Alric. “Cirugía de los aneurismas de la aorta torácica y toracoabdominal.” EMC-Cirugía General 20.1 (2020): 1-22.