Apnea notturna: curarla in modo naturale?

18 Febbraio 2018
Anche se possiamo prendere in considerazione alcuni fattori per prevenire l'apnea notturna, come perdere peso ed evitare fumo e alcol, è importante cercare un aiuto professionale per evitare problemi maggiori.

L’apnea notturna è una sindrome caratterizzata dall’ostruzione della respirazione durante il sonno. Può essere di due tipi: ostruttiva e centrale, anche se, di solito, quella ostruttiva è la più comune. L’apnea notturna ostruttiva si verifica quando ci sono blocchi completi o parziali dell’ingresso dell’aria superiore durante il sonno.

  • Il diaframma e i muscoli del torace lavorano il doppio e, di conseguenza, l’aria nelle vie respiratorie aumenta.
  • Questo può essere grave, perché disturba il sonno e condiziona il rilascio di ossigeno agli organi, causando tachicardia.

L’apnea centrale è direttamente collegata al funzionamento del sistema nervoso centrale. Negli ultimi anni la sindrome da apnea notturna ha suscitato scompiglio a causa della sua relazione con malattie quali ipertensione, diabete, depressione, obesità e persino cancro.

Una delle principali manifestazioni consiste nel russare, ma ciò non significa che tutte le persone che russano soffrano di apnea notturna. È accompagnata anche da respirazione accelerata, sonno irrequieto e posizioni inadeguate durante il sonno per mantenere la respirazione continua. In alcuni casi anche sudorazione.

Prestate attenzione ai seguenti punti.

Sintomi dell’apnea notturna ostruttiva

  • Russare e produrre rumori strani durante la respirazione
  • Sensazione di soffocamento al risveglio
  • Mal di testa
  • Iperattività
  • Stanchezza e irritabilità
  • Bocca asciutta
  • Vie respiratorie congestionate e frequenti infezioni respiratorie
  • Pause respiratorie
  • Sonnolenza

Leggete anche:Rimedio naturale per smettere di russare ed avere apnee del sonno

Sintomi dell’apnea notturna centrale

il mal di testa è uno dei sintomi dell'apnea notturna

  • Scarso rendimento nelle attività quotidiane
  • Affaticamento
  • Movimento interno della cassa toracica durante la respirazione
  • Respirare attraverso la bocca durante il giorno
  • Disturbi dell’apprendimento

Ma quali sono le cause? Di solito, una persona non ha problemi alle vie respiratorie. Chi soffre di apnea notturna prova l’opposto: i suoi tessuti si chiudono e bloccano il processo respiratorio.

Fattori di rischio

  • Avere la mascella inferiore più corta di quella superiore
  • Collo lungo
  • Problemi a tenere la lingua dentro la bocca
  • Obesità
  • Lesioni del sistema nervoso centrale
  • Irregolarità cardiache e polmonari
  • Cattivo metabolismo
  • Anemia
  • Reflusso gastroesofageo

Prevenzione

apnea notturna e russamento

  • Tenere il peso sotto controllo
  • Evitare le bevande alcoliche e le sigarette
  • Trattamento per le allergie respiratorie
  • Controllare lo stress, in quanto può causare problemi ormonali
  • Prevenire il metabolismo lento

Vi consigliamo di legger: 5 posizioni per alleviare l’ansia e lo stress

Riabilitazione naturale

Cos’è l’orofaringe? Si trova alla base della lingua e comprende parte del palato molle, pareti laterali, tonsille e parte superiore della gola. Attualmente la terapia per i muscoli orofaringei tramite elettrostimolazione è un metodo per ridurre i sintomi dell’apnea notturna.

Sono esercizi facili, sicuri e dagli effetti positivi, poiché fanno russare meno e riducono le interruzioni del sonno. Tuttavia, è possibile trattare l’apnea notturna anche in modo naturale.

Curare l’apnea notturna in modo naturale

Mettete il palato al lavoro

Questo esercizio migliora la respirazione durante il sonno:

  • Pronunciate ciascuna delle vocali espellendo l’aria attraverso la bocca.
  • Dovete farlo per 3 minuti al giorno.

Vocali aperte

apnea notturna

  • In questo esercizio, ripetete le vocali aperte (A, O) mentre inspirate attraverso il naso ed espirate attraverso la bocca.
  • Pronunciate le parole che hanno un suono lungo quando si uniscono due vocali. Ad esempio: odissea, teatro, via, leone.

Gonfiate un palloncino

Gonfiare un palloncino aiuta a esercitare i polmoni e i muscoli del diaframma. Inoltre, rafforza le labbra e soprattutto migliora la pronuncia delle parole.

  • Soffiate tra le 5 e le 6 volte e non lasciate andare il palloncino.

Esercitate la faccia

l'apnea notturna è un'ostruzione della respirazione durante il sonno

Un altro metodo efficace per il trattamento dell’apnea notturna consiste nel realizzare degli esercizi facciali.

  • Iniziate aprendo la bocca più che potete (disegnate un sorriso).
  • Quindi, fate pressione sulle labbra per 10 secondi.
  • Questo aiuterà a rafforzare i muscoli.

Premete il palato

  • Mettete la lingua dietro i denti superiori.
  • Respirate attraverso la bocca ed espirate lentamente.
  • Chiudete la bocca e contate fino a 5 trattenendo il respiro.
  • Alla fine, espellete l’aria.

Consigli

  • Per iniziare, spegnete tutti i dispositivi elettronici per evitare distrazioni.
  • Indossate vestiti comodi per dormire.
  • Mantenete la camera areata.
  • Cenate con moderazione.
  • García Reyes Xiomara, Damiani Cavero Sonia, de la Osa Palacios Jorge Luis. Síndrome de apnea obstructiva del sueño: Conocimientos importantes para todo profesional de la salud. Rev Cubana Med Gen Integr  [Internet]. 1999  Oct [citado  2018  Nov  09] ;  15( 5 ): 562-569. Disponible en: http://scielo.sld.cu/scielo.php?script=sci_arttext&;pid=S0864-21251999000500012&lng=es.
  • Punjabi, N. M. (2008). The Epidemiology of Adult Obstructive Sleep Apnea. Proceedings of the American Thoracic Society. https://doi.org/10.1513/pats.200709-155MG
  • Ryan, S. (2016). Obstructive Sleep Apnea. In International Encyclopedia of Public Health. https://doi.org/10.1016/B978-0-12-803678-5.00311-8
  • Somers, V. K., White, D. P., Amin, R., Abraham, W. T., Costa, F., Culebras, A., … Young, T. (2008). Sleep Apnea and Cardiovascular Disease. An American Heart Association/American College of Cardiology Foundation Scientific Statement From the American Heart Association Council for High Blood Pressure Research Professional Education Committee, Council on Clinical Cardiology, Stroke Council, and Council on Cardiovascular Nursing In Collaboration With the National Heart, Lung. Journal of the American College of Cardiology. https://doi.org/10.1016/j.jacc.2008.05.002