Avena tagliata in acciaio: cos'è e come si prepara?

Le fibre contenute nell'avena tagliata in acciaio stimolano la digestione e aumentano la biodiversità del microbiota, esercitando un effetto positivo sulla salute.
Avena tagliata in acciaio: cos'è e come si prepara?

Ultimo aggiornamento: 20 gennaio, 2021

L’avena tagliata in acciaio si presenta in fiocchi più piccoli rispetto a quelli tradizionali. È particolarmente adatta per essere consumata insieme a una qualsiasi bevanda, per esempio, il caffè. Nelle righe che seguono parliamo di questo alimento così da sapere perché andrebbe inserito nella dieta abituale.

Ricordate che l’avena è uno dei migliori cereali a nostra disposizione. Oltre a ciò, non viene sottoposta a raffinazione, il che le conferisce un valore aggiunto. Diverso è il caso, invece, del frumento, generalmente messo in commercio con un’elevata percentuale di zuccheri aggiunti.

Che cos’è l’avena tagliata in acciaio?

Questo cereale viene tagliato in fiocchi molto piccoli. A tale scopo, bisogna sottoporre l’avena a una cottura superiore a quella impiegata per la sua forma più tradizionale; ciononostante, è possibile consumarla anche cruda. Il risultato finale è un alimento dalla consistenza gommosa. Presenta, inoltre, un lieve sapore di noce e qualità organolettiche superiori.

Dal punto di vista nutrizionale, possiede gli stessi valori dell’avena tradizionale. Ne parliamo in dettaglio nelle righe che seguono per capire perché è importante introdurre questo alimento nella dieta abituale.

Avena tagliata in acciaio in un sacco.
L’avena tradizionale e quella tagliata in acciaio presentano gli stessi valori nutrizionali.

Potrebbe interessarvi leggere anche: Colazione a base di avena: perché fa bene alla salute?

Valori nutrizionali dell’avena tagliata in acciaio

L’avena tagliata in acciaio fornisce 375 chilocalorie ogni 100 grammi di prodotto. Per quanto riguarda i macronutrienti, risalta il contenuto di carboidrati a basso indice glicemico. Si tratta, dunque, di idrati di carbonio di buona qualità.

L’avena presenta pochi grassi e contiene più proteine rispetto ad altri cereali, come il frumento. È bene considerare, tuttavia, che si tratta di un apporto proteico di scarso valore biologico. Infine, contiene fibre in abbondanza.

Per quanto riguarda i micronutrienti, contiene vitamine del gruppo B e minerali. Tra questi ultimi segnaliamo il fosforo, il ferro, il rame e lo zinco che partecipano a un gran numero di processi fisiologici che garantiscono l’efficienza del corpo.

Benefici per la salute

Nelle righe che seguono mostriamo i benefici per la salute che derivano dal consumo di avena tagliata in acciaio e qual è la posizione della scienza al riguardo.

Riduzione dei disturbi intestinali

L’avena si distingue per l’elevato contenuto di fibre solubili che fermentano nell’intestino generando un impatto positivo sul microbiota. Ne consegue una digestione più efficiente.

È stato dimostrato che i beta-glucani contenuti nell’avena contribuiscono alla biodiversità batterica intestinale, al tempo stesso fungono da base per la genesi di acidi grassi a catena corta, con carattere antinfiammatorio.

Vi consigliamo di leggere anche: L’alimentazione influisce sul microbiota: come?

Miglioramento del profilo lipidico

L’apporto di fibra da parte dell’avena incide positivamente sul profilo lipidico dell’organismo. I beta-glucani aumentano la concentrazione della lipoproteina HDL (“colesterolo buono”), riducendo quella della lipoproteina VLDL ossidata. Così afferma uno studio pubblicato sulla rivista The Cochrane Database of Systematic Reviews.

Agisce sul sistema immunitario

L’avena offre un apporto significativo di zinco. Le evidenze scientifiche indicano che questo minerale è in grado di stimolare l’attività del sistema immunitario. Nello specifico, migliora la differenziazione delle cellule che formano il sistema di difesa dell’organismo.

Ciotola di avena.
L’avena fornisce fibre che migliorano la biodiversità del microbiota intestinale e zinco che rinforza il sistema immunitario.

Come si prepara?

Preparare l’avena tagliata in acciaio è molto semplice. È possibile seguire un metodo simile a quello utilizzato per il cereale nella sua forma tradizionale: basta scaldare un po’ di acqua o di latte in un pentolino e aggiungere l’avena.

Bisognerà mescolare per circa 7 minuti a fiamma media, fino a ottenere un mix dalla consistenza gommosa e omogenea. Possiamo accompagnando il piatto con una salsa, per esempio ai frutti di bosco. Si sconsiglia di aggiungere zucchero per non comprometterne i valori nutrizionali.

In alternativa, possiamo aggiungere l’avena cruda a una bevanda, come il caffè. In questo modo ne incrementiamo le proprietà. Possiamo anche frullare il tutto per ottenere un liquido semidenso facile da bere. Questa preparazione è più veloce, di conseguenza rappresenta la scelta preferita da molte persone.

Avena tagliata in acciaio: un alimento sano

L’avena tagliata in acciaio è probabilmente uno dei migliori alimenti ad alto contenuto di carboidrati a nostra disposizione. I suoi zuccheri presentano un basso indice glicemico; inoltre, offre elevate quantità di fibre in grado di esercitare un impatto positivo sul microbiota.

Si tratta, inoltre, di un alimento versatile in cucina: può essere cotto o triturato crudo per preparare un frullato. È possibile aggiungerlo al naturale allo yogurt, insieme a un pugno di frutta secca. In questo modo otterremo uno spuntino completo dal punto di vista nutrizionale.

Potrebbe interessarti ...
Cereali integrali che non possono mancare nella dieta
Vivere più saniLeggilo in Vivere più sani
Cereali integrali che non possono mancare nella dieta

%%excerpt%% I cereali integrali sono una componente fondamentale per una dieta sana ed equilibrata. Eccone 7 tipi che non possono mancare in nessuna dieta.



  • Jayachandran M., Chen J., Chung SSM., Xu B., A critical review on the impacts of b glucans on gut microbiota and human health. J Nutr Biochem, 2018. 61: 101-110.
  • Hartley L., May MD., Loveman E., Colquitt JL., et al.. Dietary fibre for the primary prevention of cardiovascular disease. Cochrane Database Syst Rev, 2016.
  • Wessels I., Maywald M., Rink L., Zinc as a gatekeeper of immune function. Nutrients, 2017.