Bronchiolite: cause, sintomi e trattamento

31 Marzo 2021
La bronchiolite colpisce fino al 20% dei bambini sotto i 2 anni di età. È molto più probabile che si manifesti nei neonati con sistema immunitario debole.

La bronchiolite acuta (AB) è una malattia molto comune durante l’infanzia. La sua incidenza approssimativa ogni anno nel mondo è del 10%; cioè, un bambino su 10 sotto i 2 anni ne soffre. Inoltre, è la causa più comune di ricovero ospedaliero per infezioni respiratorie in questa fascia di età (1-5%).

Non c’è consenso sulla definizione della bronchiolite, ma generalmente è associata ad episodi di stress respiratorio con respiro sibilante preceduti da un quadro clinico di natura catarrale. Se desiderate sapere di più su questa malattia, vi invitiamo a leggere questo articolo.

Cause della bronchiolite

Gocce per il naso.
La bronchiolite è un’infezione polmonare piuttosto comune nei bambini di età inferiore a 2 anni.

Come indica la Biblioteca nazionale di medicina degli Stati Uniti, la bronchiolite è un’infezione polmonare comune nei bambini molto piccoli. Da un punto di vista clinico, è caratterizzata dall’accumulo di muco nelle vie aeree dei polmoni (bronchioli). Di solito è dovuta ad un virus.

Secondo un articolo della rivista Pediatría Integral, la bronchiolite si verifica durante l’inverno e all’inizio della primavera. Il gruppo della popolazione più colpito sono i bambini piccoli tra i 3 e i 6 mesi di età. Ecco alcuni degli agenti causali più comuni.

1. Virus respiratorio sinciziale (RSV)

Un virus a RNA a filamento singolo negativo della famiglia dei paramyxovirus (Paramyxoviridae) è responsabile del 56% dei pazienti con bronchiolite che richiedono il ricovero ospedaliero. È talmente diffuso che si stima che quasi tutti i bambini abbiano già sofferto di questa malattia.

Circa il 70% dei bambini viene infettato da RSV durante il primo anno di vita. Molti di loro sono asintomatici.

2. Rhinovirus

È un genere di virus della famiglia Picornaviridae. Sono gli agenti infettivi più comuni nell’uomo (che causano il raffreddore) e ci sono più di 110 tipi sierologici in grado di generare sintomi nella nostra specie. Sebbene meno comuni rispetto agli RSV, anche i rhinovirus possono causare bronchiolite nei neonati.

3. Virus parainfluenzale di tipo 3

Il portale MSDmanuals ci mostra che i virus della parainfluenza possono essere classificati in 4 tipi. Il tipo 3 è quello che causa la maggior parte dei casi di bronchiolite, ma anche le varianti 1 e 2 possono generarla. Le infezioni causate dalla parainfluenza non sono distinguibili da quelle causate dal VRS, ma di solito sono meno gravi.

Per saperne di più: Trattare la bronchite con il timo: 3 rimedi

Fattori di rischio

La bronchiolite può colpire tutti, ma è molto più comune durante l’allattamento al seno e nei bambini con il sistema immunitario compromesso. Secondo il portale KidsHealth, alcuni dei fattori di rischio più comuni sono:

  • Neonati e bambini molto piccoli: i loro nasi e le vie respiratorie sono molto più fragili di quelli degli adulti. Il loro albero bronchiale è più corto e di diametro più piccolo quindi, di fronte all’infiammazione, le possibilità di ostruzione sono molto più alte.
  • Neonati prematuri.
  • Bambini con il sistema immunitario compromesso o che soffrono di malattie polmonari e cardiovascolari.
  • Esposizione al fumo e a determinati composti chimici tossici.

In generale, i bambini molto piccoli sono più a rischio. Come abbiamo detto, circa il 70% dei bambini entra in contatto con uno di questi virus respiratori durante il primo anno di vita. Tuttavia, questo non significa che soffriranno di bronchiolite: solo il 22% ne mostra i sintomi.

Sintomi di bronchiolite

La Biblioteca nazionale di medicina degli Stati Uniti ci mostra alcuni dei sintomi più comuni di bronchiolite nei neonati. Tuttavia, non tutti i bambini li sviluppano. Tra questi ci sono:

  • Difficoltà respiratorie incluso respiro sibilante e mancanza di respiro.
  • Tosse, stanchezza e febbre. Questi segni clinici sono precedenti alla bronchiolite, tipici di un’infezione catarrale.
  • I muscoli intorno alle costole si abbassano mentre il bambino cerca di inspirare. Le narici del bambino si dilatano mentre respira con l’intenzione di raccogliere più aria ad ogni ciclo di inspirazione.
  • Tachipnea, ovvero respirazione rapida.

La bronchiolite tende a manifestarsi 24-48 ore dopo i precedenti segni clinici. La durata media dei sintomi è di 12 giorni, sebbene fino al 18% dei bambini affetti mostri questo ​​quadro clinico per 21 giorni, raggiungendo eccezionalmente un mese (9%).

Possibili complicazioni della bronchiolite

Neonato che non respira bene.
In presenza di difficoltà respiratorie, consultare il medico.

Come indicato dalle fonti già citate, la perdita di capacità respiratoria da parte del neonato può essere letale. Se vostro figlio presenta i sintomi della bronchiolite o notate che la sua pelle ha un tono bluastro (cianosi), è essenziale recarsi al pronto soccorso. La cianosi indica una mancanza di respiro molto grave.

Anche le pause nella respirazione, la disidratazione e i livelli bassi di ossigeno nel sangue sono segni clinici che indicano una notevole gravità della bronchiolite. Questi si manifestano nella stragrande maggioranza dei casi solo nei bambini prematuri.

Quali opzioni di trattamento esistono per la bronchiolite?

Secondo il portale specializzato Neumoped, non esiste un farmaco per curare la bronchiolite. Trattandosi di una malattia virale, possiamo solo sperare che il sistema immunitario del bambino sia in grado di affrontare i virus da solo. Tuttavia, la maggior parte dei casi è lieve e non richiede un intervento medico.

È necessario sottolineare che, in queste occasioni, gli antibiotici sono assolutamente inutili. Anzi, potrebbero solo peggiorare il quadro clinico incoraggiando i ceppi batterici che vivono all’interno del bambino a rafforzarsi a lungo termine. In ogni caso, nei bambini ricoverati l’approccio cambia drasticamente.

Cure ospedaliere

Quando un bambino viene ricoverato per bronchiolite, la preoccupazione maggiore è che riacquisti un ritmo respiratorio normale. A tale scopo, l’ossigeno (30-40%) viene introdotto attraverso una cannula nasale o maschera facciale al fine di mantenere una saturazione di ossigeno superiore al 90%.

Nei casi più gravi, sarà necessaria l’intubazione endotracheale. D’altra parte, sarà necessario anche che il paziente riacquisti un equilibrio idrico naturale. Per questo viene somministrato del siero per via orale e, nei casi più gravi, per via endovenosa (IV).

Raccomandazioni da seguire a casa

La stragrande maggioranza dei casi viene trattata a casa con pazienza e dedizione. Sebbene non sia possibile aiutare il bambino a combattere la malattia, i sintomi possono essere alleviati con una serie di gesti molto semplici. Tra questi ci sono:

  • Mantenere il bambino idratato: assicurarsi che il bambino riceva la quantità adeguata di liquidi per evitare la disidratazione a causa della malattia.
  • Eseguire frequenti lavaggi nasali: in farmacia sono disponibili liquidi da banco che aiutano a decongestionare le vie respiratorie superiori sia nei neonati che negli adulti. In questo modo sarà più facile per il paziente respirare.
  • Tenere il bambino in piedi, anche quando va a dormire: questo favorirà un adeguato ricambio dell’aria, molto meglio che se fosse sdraiato.
  • Usare un umidificatore: è sempre una buona idea posizionare un vaporizzatore nella stanza del bambino malato, soprattutto prima di coricarsi. Questo ammorbidirà il muco accumulato e, quindi, allevierà i sintomi di tosse e congestione nasale.

Per saperne di più: Come curare la bronchite in modo naturale

Una malattia comune che di solito guarisce da sola

Come abbiamo detto nelle righe precedenti, la bronchiolite è una malattia estremamente comune nei neonati e, quindi, non c’è motivo di preoccuparsi se vostro figlio ne soffre. La stragrande maggioranza dei casi guarisce da sola, quindi bisogna solo essere pazienti e seguire alcune istruzioni a casa, in modo che il bambino possa sentirsi più a suo agio.

In ogni caso, se notate uno dei segni clinici menzionati nella sezione “possibili complicazioni”, è essenziale che recarsi tempestivamente al pronto soccorso. Se la capacità respiratoria del bambino risulta seriamente compromessa, la sua vita è in pericolo.

  • MedlinePlus. Bronquiolitis. https://medlineplus.gov/spanish/ency/article/000975.htm
  • Bronquiolitis, Pediatría Integral. Recogido a 14 de febrero en https://www.pediatriaintegral.es/numeros-anteriores/publicacion-2012-01/bronquitis-y-bronquiolitis/#:~:text=general%2C%20es%20baja.-,La%20bronquiolitis%20se%20presenta%20en%20epidemias%20durante%20el%20invierno%20y,meses(7%2D11).
  • Virus Parainfluenza, MSDmanuals. Recogido a 14 de febrero en https://www.msdmanuals.com/es/professional/enfermedades-infecciosas/virus-respiratorios/infecciones-por-los-virus-parainfluenza-paragripales
  • Bronquiolitis, KidsHealth. Recogido a 14 de febrero en https://kidshealth.org/es/parents/bronchiolitis-esp.html
  • Bronquiolitis, Medlineplus.gov. Recogido a 14 de febrero en https://medlineplus.gov/spanish/ency/article/000975.htm
  • Bronquiolitis, Neumoped.org. Recogido a 14 de febrero en https://neumoped.org/bronquiolitis/