Brufoli vaginali: cause e rimedi naturali

31 Gennaio 2020
I brufoli vaginali possono essere fastidiosi e causare problemi più gravi. Scoprite come trattarli con rimedi del tutto naturali.

I brufoli vaginali si presentano sotto forma di rigonfiamenti infiammati. Di solito sono dolorosi e fastidiosi. Nonostante a prima vista possono non sembrare un grave problema, è bene tenere a mente alcuni consigli per capire quando non si tratta di semplici brufoli.

Questi foruncoli compaiono a causa di un’infiammazione del bulbo pilifero che colpisce il derma e il tessuto sottocutaneo. Vale a dire che hanno origine da un’infezione della radice del pelo che finisce per produrre il brufolo e i fastidi che ne seguono.

Cause dei brufoli vaginali

Formazione dei brufoli vaginali
I brufoli vaginali si manifestano a seguito di un’infiammazione del bulbo pilifero, causata a sua volta da un’ostruzione dello stesso.

I brufoli vaginali possono comparire a causa dell’incistamento di uno dei peli della zona interessata. Questo può essere conseguenza della depilazione. Molto spesso il pelo non riesce a superare la barriera della pelle e finisce per crescere dall’interno, causando la comparsa di un brufoletto.

In questi casi, i foruncoli non rappresentano alcun rischio per la salute. Dobbiamo solo includere l’esfoliazione tra le nostre abitudini quotidiane. Eviteremo così che il pelo si incisti. Se ne abbiamo già individuato qualcuno, l’ideale è applicare dell’acqua calda nella zona interessata, disinfettare e cercare di rimuovere il pelo dall’interno.

In quali casi un foruncolo può essere motivo di preoccupazione? Se cresce, cambia colore, non migliora nel giro di una settimana, provoca dolore e si ha la febbre. In questi casi, i brufoli vaginali possono essere un campanello di allarme dei seguenti problemi:

  • HIV: può essere una manifestazione infettiva associata a una malattia a carattere sessuale.
  • Miasi cutanea: conosciuta anche come miasi foruncolosa, è un’infestazione della pelle causata da larve di certe specie di mosche.
  • Diabete: soprattutto il diabete mellito può manifestarsi con foruncoli.

Sebbene non si tratti di casi comuni, informare il medico della presenza di brufoli vaginali che non vanno via, che sono diventati più grandi o che hanno cambiato colore lo aiuterà a capire se è sintomo di un problema più grave o se si tratta di una semplice infezione.

Potrebbe interessarvi: Infezioni vaginali da funghi: 7 consigli per combatterle

Rimedi naturali per trattare i brufoli vaginali

Alcuni rimedi naturali possono essere di aiuto in caso di brufoli vaginali, infatti ne accelerano la scomparsa. Sono tutti di origine naturale, dunque non provocano reazioni allergiche cutanee. Consigliamo di seguire le indicazioni che esporremo per ognuno di esso.

Frutti del dividivi

Piante medicali
Il dividivi è un frutto noto per i suoi effetti cicatrizzanti nei confronti di brufoli e ferite.

Il dividivi è un frutto originario dell’America del Sud. I suoi frutti non aiutano solo a trattare i foruncoli, bensì anche le ferite, le lesioni orali, i disturbi gastrici, inoltre sono adatti per fare delle lavande vaginali. Con questo frutto possiamo preparare i seguenti rimedi:

  • Con 3 frutti preparare un infuso da utilizzare per il lavaggio della zona in cui si trovano i brufoli.
  • Lasciate i frutti a macerare, e utilizzatene la polvere. Questa verrà mescolata a una sostanza grassa prima dell’applicazione.

Pepe nero: un utile alleato contro i brufoli vaginali

Ciotola di pepe nero
Il pepe nero ha proprietà antisettiche e lenitive.

Il pepe nero viene usato come spezia in diverse parti del mondo. Aggiunge ai pasti un delizioso sapore piccante. Tuttavia, è utile anche per trattare i brufoli vaginali, in quanto aiuta a sfiammare la zona e a ridurre poc per volta queste protuberanze cutanee. Per utilizzarlo, bisogna procedere nel modo seguente:

  • Raccogliete delle foglie di pepe nero e aggiungetele a dell’acqua bollente.
  • Lasciate in infusione.
  • Preparate un bendaggio imbevuto nell’acqua precedentemente filtrata.
  • Applicate sulla zona in cui si trovano i foruncoli.

Per approfondimenti: Calmare la tosse con pepe, chiodi di garofano e zenzero

Alternantera pungente

Questa pianta di solito viene consumata per le sue proprietà terapeutiche, anche se gli esperti consigliano di moderarne il consumo poiché potrebbe essere tossica. Nel caso dei foruncoli può essere utilizzata come segue:

  • Mettete a bollire le foglie.
  • Macinatele in un mortaio fino a formare una pasta.
  • Applicatela sui foruncoli.

Ci auguriamo che questi rimedi naturali vi permettano di trattare efficacemente i brufoli vaginali. Tuttavia, se notate che cambiano aspetto, non esitate a rivolgervi al medico. Se non trattati, i foruncoli possono infettarsi, provocando febbre e altri problemi. Sebbene non sia comune, i brufoli vaginali possono anche indicare una malattia, come già detto in precedenza.

Per concludere, desideriamo ricordarvi che qualunque indicazione data dal medico sarà prioritaria rispetto a questi rimedi naturali che possono fungere da rimedio complementare, ma mai sostitutivo delle terapie prescritte dal medico o dei suoi consigli.

  • Díaz Marín, Israel, Sanabria Negrín, José Guillermo, Fernández Montequín, Zoila de la C, & Rosales Matamoros, Mercedes. (2011). Miasis cutánea. Reporte de caso. Revista de Ciencias Médicas de Pinar del Río15(4), 269-279. Recuperado en 09 de febrero de 2019, de http://scielo.sld.cu/scielo.php?script=sci_arttext&pid=S1561-31942011000400024&lng=es&tlng=es.
  • Godínez-Caraballo, D., & Volpato, G. (2008). Plantas medicinales que se venden en el mercado El Río, Camagüey, Cuba. Revista Mexicana de biodiversidad79(1), 217-241.
  • Navarrete-Dechent, Cristián, Ortega, Rinna, Fich, Félix, & Concha, Marcela. (2015). Manifestaciones dermatológicas asociadas a la infección por VIH/SIDA. Revista chilena de infectología32(Supl. 1), 57-71. https://dx.doi.org/10.4067/S0716-10182015000100005
  • Scarpa, Gustavo F. (2009). Etnobotánica médica de los indígenas chorote y su comparación con la de los criollos del Chaco semiárido (Argentina). Darwiniana, nueva serie47(1), 92-101. Recuperado en 09 de febrero de 2019, de http://www.scielo.org.ar/scielo.php?script=sci_arttext&pid=S0011-67932009000100006&lng=es&tlng=es.