Bugie sullo zucchero: cosa dice la scienza

Secondo alcune dichiarazioni, lo zucchero è diventato il nemico di un'alimentazione sana. Ma, possiamo credere a tutte le affermazioni? Scopriamo cosa dice la scienza.
Bugie sullo zucchero: cosa dice la scienza

Ultimo aggiornamento: 13 maggio, 2021

Da qualche anno, stiamo assistendo a una vera e propria demonizzazione dello zucchero. Dopo la guerra ai grassi, lo zucchero è diventato uno dei principali protagonisti della letteratura nutrizionale. Scopriamo alcune delle più popolari bugie sullo zucchero che la scienza ha sfatato.

In questo modo potrete sapere se lo zucchero è un ingrediente da inserire nella dieta o se, al contrario, limitarlo. Non fidatevi dei presunti guru, ascoltate la scienza. Ecco cosa dice.

Bugie sullo zucchero

Lo zucchero è necessario per il corpo?

Un’affermazione spesso usata nella pubblicità è che lo zucchero è una sostanza necessaria per mettere in moto l’organismo. Questo slogan è presente soprattutto negli spot di prodotti zuccherati per la colazione.

Per esempio, alcuni affermano: “i cibi ricchi di zucchero sono il carburante di cui avete bisogno per iniziare la giornata con il pieno di energie”. Siamo proprio sicuri?

Se guardiamo cosa dicono le autorità alimentari e sanitarie, possiamo dire che questa affermazione non è del tutto vera. Non sono mai state stabilite quantità minime raccomandate di zucchero, al contrario.

L’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS), l’Autorità Europea per la Sicurezza Alimentare (EFSA) e il Dipartimento dell’Agricoltura degli Stati Uniti hanno stabilito dei limiti che non devono essere superati.

Lo zucchero bianco non ha alcun valore nutritivo e meno se ne consuma, meglio è. In realtà, ciò di cui le nostre cellule hanno bisogno per funzionare è il glucosio.

Questo composto può essere ottenuto da diverse sostanze. Le più comuni sono i carboidrati, quindi, non solo lo zucchero. Secondo le suddette organizzazioni, le fonti più adatte di carboidrati sarebbero:

  • Cereali, preferibilmente integrali.
  • Legumi.
  • Frutta.
  • Tuberi.
Frutta fonte di carboidrati.

Bugie sullo zucchero: Lo zucchero di canna è migliore di quello bianco?

Questa affermazione si basa sulla convinzione che lo zucchero di canna, come altri dolcificanti naturali, offra diversi nutrienti, oltre a dolcificare gli alimenti. Pertanto, potrebbe sembrare una scelta migliore quando si tratta di scegliere un dolcificante quotidiano.

Lo zucchero di canna di qualità ha subito una lavorazione inferiore rispetto allo zucchero bianco. Di conseguenza, conserva una parte della melassa che gli dà la sua caratteristica tonalità marrone.

La melassa ha alcuni nutrienti come alcune vitamine e minerali, anche se in piccole quantità da un punto di vista nutrizionale. Quindi, questo non lo rende una fonte di nutrienti.

Al contrario, dovremmo anche essere cauti nell’uso dello zucchero di canna per dolcificare bevande, yogurt, dolci, ecc. La reazione del corpo è la stessa e, quindi, un consumo elevato può portare all’obesità e alla carie. Quindi, anche se si tratta di zucchero di canna e ci viene presentato come più sano.

I dolcificanti artificiali sono innocui?

La cattiva reputazione dello zucchero e dei prodotti zuccherati ha portato a una crescita esponenziale della gamma di prodotti “senza zucchero” o “senza zucchero aggiunto”. Tuttavia, la maggior parte di essi sono ancora prodotti eccessivamente dolci e la lista dei dolcificanti utilizzati è lunga.

I dolcificanti artificiali sono spesso a basso contenuto calorico ma addolciscono comunque i prodotti alimentari, rendendoli più appetibili e gustosi. Ma in realtà, i loro effetti negativi sono da tempo sotto esame scientifico. Infatti, l’uso di alcuni di essi è messo in discussione, data la loro possibile relazione con problemi di salute.

Alcuni studi scientifici li mettono in relazione con la presenza di obesità, sindrome metabolica e alterazioni del microbiota intestinale. Inoltre, non è certo che siano una formula efficace per aiutare i diabetici a controllare i loro livelli di zucchero nel sangue.

Le attuali evidenze scientifiche suggeriscono che l’opzione migliore è quella di limitare l’assunzione di queste sostanze chimiche. Come minimo, il loro consumo dovrebbe essere limitato. La presenza regolare di queste sostanze nella dieta potrebbe essere dannosa a lungo termine alla pari dell’abuso di prodotti zuccherati.

Le bugie sullo zucchero possono favorire l'obesità.

Lo zucchero crea dipendenza

Questa è una delle bugie sullo zucchero apparsa negli ultimi tempi. I social media sono pieni di storie di persone che raccontano la loro esperienza nel cercare di rinunciare allo zucchero. In effetti, ci sono diverse teorie sulla capacità dello zucchero di creare dipendenza. 

Tuttavia, in una delle ultime revisioni scientifiche sull’argomento, gli autori hanno concluso che “non esistono prove sufficientemente convincenti sul potenziale dello zucchero di creare dipendenza“. D’altra parte, una recente ricerca pubblicata sul British Journal of Sports Medicine conferma che negli animali questa dipendenza è reale.

Alcuni esperti di nutrizione spostano il problema della possibile dipendenza dallo zucchero agli alimenti ultra-processati ad alto contenuto di zuccheri, grassi e sale. Questi alimenti sono formulati per essere estremamente appetibili, ovvero sono così gustosi che è estremamente difficile rinunciare a essi.

Bugie sullo zucchero: causa iperattività nei bambini

Molti genitori limitano l’assunzione di zucchero da parte dei figli a causa degli effetti eccitanti. Per esempio, alle feste per bambini, è comune che i piccoli si divertano mentre mangiano, di solito dolci, e giocano con i loro amichetti.

Alcuni pensano che esista una relazione di causa-effetto tra lo zucchero e il comportamento vivace. Ma è proprio lo zucchero che ha questo effetto stimolante? Non potrebbe, invece, influire la stanchezza o l’ambiente di gioco e divertimento?

Finora, non ci sono prove scientifiche che lo zucchero causi iperattività nei bambini. Tuttavia, alcuni autori suggeriscono più ricerche sul consumo cronicamente elevato di zuccheri aggiunti.

Tuttavia, ci sono molte ragioni per sconsigliare e ridurre il consumo di zucchero nei bambini. Purtroppo, va notato che molti superano le quantità massime raccomandate. Ricordiamo che la riduzione di zuccheri contrasterebbe l’insorgere di problemi di salute come la carie e l’obesità.

È necessario ridurre il consumo di zucchero nella dieta

Ora che conosciamo meglio alcune delle bugie sullo zucchero, abbiamo più buone ragioni per fare corrette scelte alimentari.

Ricordate che l’opzione migliore è sempre quella di limitare il consumo di questo ingrediente, poiché la sua assunzione eccessiva può portare allo sviluppo di malattie complesse a medio e lungo termine.

Potrebbe interessarti ...
Ridurre il consumo di zucchero grazie ad alcuni consigli
Vivere più saniLeggi in Vivere più sani
Ridurre il consumo di zucchero grazie ad alcuni consigli

È uno degli ingredienti più utilizzati dall'industria per la produzione di prodotti alimentari. Come fare, dunque, per ridurre il consumo di zucche...



  • Shearer J., Swithers SE., Artificial sweeteners and metabolic dysregulation: lessons learned from agriculture and the laboratory. Rev Endocr Metab Disord, 2016. 17 (2): 179-86.
  • DiNicolantonio JJ., O’Keefe JH., Wilson WL. ,Sugar addiction: is it real? A narrative review. Br J Sports Med, 2018. 52 (14): 910-913.
  • Del Ponte B., Anselmi L., Assunçao MCF., Rodrigues LT., et al., Sugar consumption and attention deficit/hyperactivity disorder (ADHD): a birth cohort study. J Affect Disord, 2019. 243: 290-296.