Bunionette o dito del sarto: che cos'è?

La bunionette provoca dolore quando viene compressa dalla scarpa. La pelle può irritarsi e lesionarsi. 
Bunionette o dito del sarto: che cos'è?
Leonardo Biolatto

Scritto e verificato da il dottore Leonardo Biolatto.

Ultimo aggiornamento: 27 maggio, 2022

La bunionette è una deformazione sporgente delle dita dei piedi molto comune nelle persone anziane, sebbene possa apparire a qualunque età. Consiste in una sporgenza a carico del quinto dito o quinto metatarso. Non è comune quanto l’alluce valgo ma è piuttosto frequente, soprattutto nei ballerini.

È chiamato anche dito del sarto, essendo un tempo una malattia professionale dei sarti che cucivano tutto il giorno seduti a gambe incrociate e con il quinto dito del piede premuto contro il pavimento. Vediamo tutto quello che c’è da sapere su questa deformazione spesso dolorosa: cause principali e trattamento.

Perché si forma la bunionette o dito del sarto?

Come anticipato, si tratta di una protuberanza che interessa il quinto dito del piede. È importante notare che non si tratta di un tumore osseo, ma semplicemente di una maggiore crescita dell’osso. Le cause possono essere diverse.

Fino a qualche anno fa era associato a una cattiva postura che portava a caricare troppo questa parte del piede, oggi si riconosce tra le sue cause la genetica. Se genitori e nonni hanno sofferto di questo problema, quindi, è molto facile che si presenterà in figli e nipoti.

Piedi nella sabbia.

La bunionette, inoltre, è stata collegata al piede piatto e, come avviene con quasi tutte le patologie che riguardano i piedi, anche al tipo di calzatura indossata. L’uso di scarpe strette o con i tacchi alti può favorirne la comparsa. Lo stesso accade se si indossano per molte ore scarpe che non offrono un’adeguata protezione alla parte esterna del piede. Pare, secondo alcune ricerche, che sia molto frequente nei ballerini di flamenco.

Non sempre però la bunionette è dovuta a una crescita dell’osso. In alcuni casi appare perché il quinto dito comincia a deviare verso l’interno, la base del dito ruota verso l’esterno e si crea una sporgenza.

Sintomi

Il dito del sarto provoca dolore che aumenta se la scarpa comprime la zona. La sporgenza è di solito arrossata; la pelle tende a irritarsi per lo sfregamento se non si indossano calzature specifiche.

Potrebbe interessarvi anche: Le vesciche ai piedi vanno bucate?

Trattamento della bunionette

Ragazza che si massaggia il piede.

Il trattamento prevede diverse approcci. Dopo aver valutato la causa della deformazione, lo specialista proporrà il trattamento migliore a seconda del caso. Innanzitutto, prevede di scegliere calzature comode e che non esercitano pressione sulla parte esterna del piede. Ideale sarà una scarpa con una forma larga mentre sono da evitare i tacchi alti.

Allo stesso modo, si possono inserire cuscinetti protettivi nella scarpa per ridurre lo sfregamento. Se questa precauzione non è sufficiente, per calmare il dolore si può applicare del ghiaccio sulla zona. Quando il dolore è molto intenso, può essere ridotto con un analgesico come l’ibuprofene.

Infine, se nessuna di queste soluzioni offre sollievo, si può ricorrere alla chirurgia. Quest’ultima, tuttavia, non sempre è indicata: la scelta dipende dall’età del paziente. Se si tratta di una persona giovane e fisicamente attiva potrebbe essere consigliata.

La bunionette in sintesi

La bunionette o dito del sarto è una sporgenza che compare alla base del quinto dito del piede. Le cause principali sono la predisposizione genetica, una cattiva postura e la scelta di scarpe non adeguate. È una condizione che causa fastidio o dolore, in base a questo lo specialista indicherà il trattamento più adeguato.

Potrebbe interessarti ...
Bruciore ai piedi: rimedi e consigli
Vivere più sani
Leggi in Vivere più sani
Bruciore ai piedi: rimedi e consigli

Conoscete i rimedi che aiutano a calmare il bruciore ai piedi? Sono ideali dopo lo sport, una giornata stressante o l'uso di scarpe scomode.




Il contenuto di questa pubblicazione è solo a scopo informativo. In nessun caso possono servire a facilitare o sostituire diagnosi, trattamenti o raccomandazioni di un professionista. Se avete dei dubbi, consultate il vostro specialista di fiducia e chiedete la sua approvazione prima di iniziare qualsiasi procedura.