Buone abitudini di igiene alimentare

22 Febbraio 2021
Mantenere una buona igiene alimentare è essenziale per conservare il cibo e prevenire l'intossicazione. Cosa dovreste tenere a mente? In questo articolo lo spieghiamo.

È fondamentale adottare buone abitudini di igiene alimentare per prevenire il deterioramento degli alimenti e possibili intossicazioni. Prendendo cura della conservazione e della manipolazione dei prodotti, ci assicuriamo che non perdano sapore durante i processi.

D’altra parte, si previene la crescita di microrganismi patogeni che potrebbero causare disturbi intestinali. Cosa bisogna sapere in merito? Ne parliamo nelle righe che seguono.

Come mantenere buone abitudini di igiene alimentare

Vi diremo quali sono le abitudini più importanti dal punto di vista igienico per preservare la qualità e la salubrità degli alimenti.

1. Pulizia

È essenziale pulire gli ingredienti e gli utensili che verranno utilizzati durante la manipolazione. Pertanto, le mani devono essere lavate prima di entrare in contatto con il cibo.

Anche i coltelli e le posate devono essere ben puliti, ed è preferibile che vengano lavati in acqua calda per rimuovere residui di cibo ed eventuali batteri.

Donna che lava piatti.
Una corretta igiene degli utensili da cucina è essenziale per mantenere la sicurezza alimentare.

2. Cottura

Un altro fattore importante quando si parla di igiene alimentare è la cottura. Le alte temperature servono a migliorare il sapore dei preparati e a eliminare i batteri presenti.

Come spiegato in una pubblicazione sulla rivista medica Epidemiology and Infection, il calore viene utilizzato nell’industria per migliorare la conservazione degli alimenti e la cottura può svolgere perfettamente questa funzione.

Tuttavia, è necessario fare attenzione al surriscaldamento del cibo. Una volta è più che sufficiente affinché il prodotto non perda qualità e per prevenire la crescita di eventuali batteri rimasti in uno stato latente.

Un altro punto critico è la cottura delle carni. La tendenza a lasciarle un po’ crude all’interno può essere pericolosa se non ci si accerta della qualità o dell’origine delle stesse.

La carne va cotta alla perfezione, non deve rimanere rossa all’interno. In questo modo garantiamo la perfetta sicurezza alimentare delle preparazioni da consumare.

Scoprite: Cibi in scatola: consumare il liquido di conservazione?

3. Conservazione a freddo

Un punto critico nell’igiene alimentare è la conservazione del cibo. Questo dovrebbe sempre avvenire a basse temperature quando si tratta di cibi deperibili o di quelli a rischio microbiologico.

Il congelamento aiuta a eliminare alcuni organismi patogeni come l’anisakis dal pesce. Tuttavia, la semplice conservazione del cibo nel frigorifero ne migliora notevolmente la durata e riduce i rischi.

È necessario tenere presente che, durante lo scongelamento dei prodotti, è consigliabile non lasciarli a temperatura ambiente, è invece preferibile scongelare in frigorifero. Così, è possibile prevenire la crescita di organismi latenti nel cibo e prevenire l’intossicazione.

Donna e frigo.
Alcuni alimenti presentano un rischio biologico; per la loro corretta conservazione si consigliano metodi come il congelamento.

4. Attenzione alle salse

Le salse sono prodotti che solitamente creano problemi dal punto di vista dell’igiene alimentare. La loro conservazione è solitamente una procedura delicata che non sempre viene eseguita correttamente. Non dovreste mai lasciare una salsa a temperatura ambiente, tanto meno se ha un ingrediente come l’uovo o il pomodoro.

Sono spesso terreno fertile per la crescita di batteri che possono essere dannosi per l’uomo. Si consiglia di conservarli in frigorifero a basse temperature e di non consumare barattoli aperti da 3 giorni.

Intossicazione da Salmonella e botulismo si verificano ogni anno a seguito di scarse pratiche di conservazione delle salse, come affermato in uno studio pubblicato sulla rivista Poultry Science.

5. Buone abitudini di igiene alimentare: non mescolare il cibo

È molto importante tenere separati cibi crudi e cotti. In caso contrario, i batteri potrebbero migrare e contaminare le preparazioni culinarie, causando problemi.

Si consiglia di riporre il cibo in contenitori con un coperchio per evitare possibili contaminazioni. Inoltre, in questo modo si migliorerà la loro conservazione e si eviterà la perdita del sapore o dell’odore.

Da non perdere: Contaminazione incrociata: di cosa si tratta?

6. Ogni ripiano del frigorifero ha i suoi usi

I frigoriferi di solito hanno ripiani e scompartimenti diversi per conservare diversi tipi di cibo. Il modo in cui viene effettuata la distribuzione è solitamente rappresentato da disegni, e corrisponde al modo in cui il freddo viene distribuito in tutta la cabina.

Il rispetto di queste indicazioni migliorerà la conservazione del cibo, poiché non tutti devono essere conservati nelle stesse condizioni di umidità e temperatura.

I cassetti, ad esempio, sono solitamente destinati a conservare frutta e verdura o alimenti freschi. I primi scaffali, tuttavia, sono generalmente più adatti per i prodotti lattiero-caseari.

Mantenere buone abitudini di igiene alimentare per migliorare la salute

Queste misure assicurano una corretta igiene alimentare che aiuterà a prevenire possibili intossicazioni dovute al consumo di cibo in cattive condizioni. Oltre a ciò, migliorerete il gusto dei vostri prodotti conservati.

  •  Milazzo A., Giles LC., Zhang Y., Koehler AP., Hiller JE., Bi P., The effect of temperature on different salmonella serotypes during warm seasons in a mediterranean climate city, Adelaide, Australia. Epidemiol Infect, 2016. 144(6): 1231-40.
  • Rehkopf AC., Byrd JA., Coufal CD., Duong T., Advanced oxidation process sanitization of hatching eggs reduces salmonella in broiler chicks. Poult Sci, 2017. 96 (10): 3709-3716.