Buone abitudini per dormire bene e stare meglio

· 4 marzo 2018
Mantenere un orario fisso in cui andare a dormire abituerà il corpo ai ritmi circadiani; in questo modo combattiamo l'insonnia e riposare le ore necessarie. Scoprite in questo articolo 7 buone abitudini per dormire bene

L’insonnia è diventata uno dei mali moderni, e anche se sono in molti a trascurarla, è collegata alla comparsa di molti altri disturbi di salute fisica e mentale. Conoscete alcune buone abitudini per dormire bene?

L’insonnia fa la sua comparsa quando la persona ha difficoltà ad addormentarsi, o per meglio dire, quando il suo riposo si interrompe.

Dal momento che l’organismo non riesce a svolgere in maniera ottimale le funzioni previste in questo lasso di tempo, si verificano delle reazioni che a poco a poco riducono la qualità di vita della persona.

L’aspetto più preoccupante è che molti ne ignorano gli effetti negativi, e anche se ne soffrono in modo ricorrente, non prendono contromisure finché tali effetti non cominciano a palesarli. Basta adottare poche e semplici buone abitudini per dormire bene.

Anche se molti casi sono lievi e sporadici, è fondamentale prestarvi la dovuta attenzione per evitare che l’insonnia prenda il sopravvento.

Per fortuna, è possibile combattere l’insonnia in modo naturale, visto che seguire quotidianamente alcune abitudini può influire positivamente sulla qualità del sonno. 

Scopritele!

Buone abitudini per dormire bene

1. Consumare una cena leggera

Cena leggera

Consumare ogni giorno una cena leggera un paio d’ore prima di andare a dormire è fondamentale per evitare interruzioni durante il riposo.

  • Saltare questo pasto può causare problemi digestivi e fame, due cose che influiscono negativamente sul riposo.
  • D’altra parte, mangiare piatti troppo sostanziosi produce acidità e reflusso gastroesofageo, il che impedisce di dormire bene.

2. Evitare il consumo di caffeina ed eccitanti

Le bevande eccitanti come il caffè o gli energizzanti contengono caffeina e altre sostanze chimiche che possono rendere difficile prendere sonno.

  • Queste sostanze mantengono il cervello attivo e, pertanto, inibiscono l’azione dei neurotrasmettitori che permettono di dormire.
  • È di fondamentale importanza limitarne il consumo, specialmente nelle ore notturne.
  • Conviene bere succhi naturali, infusi o latte cado.

3. Seguire orari regolari

Dormire a un orario prefissato

Mantenere un orario regolare quando si va a letto è una delle abitudini che può rendere più semplice combattere l’insonnia, specialmente quando tende a manifestarsi in forma ricorrente.

In questo modo abitueremo il corpo a mantenere il suo ritmo circadiano, pertanto ci verrà sonno sempre alla stessa ora.

  • L’orario deve essere strutturato in modo da garantire una durata adeguata del sonno (non meno di 7 ore continuative).
  • Questo implica evitare repentini cambiamenti di orario nei giorni di riposo o festivi.

Può interessarvi: Conoscete le fasi del sonno?

4. Fare regolare attività fisica

La regolare pratica di esercizio fisico ci aiuta a mantenere a livelli ottimali la produzione di serotoninail neurotrasmettitore che influisce sulla qualità del sonno.

Oltre ad alleviare lo stress e la depressione, rende lo sport indispensabili per ridurre gli episodi di insonnia.

  • Si consiglia di dedicare all’esercizio fisico almeno 30 minuti al giorno, 3 o 4 giorni alla settimana.
  • Va bene una passeggiata o qualsiasi esercizio cardiovascolare.
  • Anche l’allenamento combinato sarà positivo in tal senso.

5. Creare un ambiente che favorisca il sonno

Ambiente adatto al sonno

L’ambiente in cui dormiamo influisce molto sulla qualità del nostro riposo. Anche se abbiamo l’abitudine di svolgere più attività nella nostra camera da letto, l’ideale sarebbe riservare questo spazio esclusivamente alle ore notturne.

Questo vuol dire che se avete l’abitudine di lavorare o di svolgere altri compiti in camera da letto, dovreste cercare delle alternative.

  • I computer, la televisione o altri elementi di distrazione devono essere collocati in altri ambienti domestici.
  • È importante controllare la temperatura e rendere la stanza silenziosa e poco illuminata.
  • Bisogna mantenere anche il letto pulito e comodo.

Leggete anche: Camera da letto più sana: 6 consigli

6. Meditare

Meditare prima di andare a dormire è una pratica riflessiva che, oltre a calmare l’ansia e lo stress, contribuisce a ottenere una migliore qualità del sonno.

Si consiglia questa terapia soprattutto quando l’insonnia è collegata a disturbi emotivi o nervosi.

  • È indispensabile un ambiente tranquillo, silenzioso e lontano da qualsiasi elemento di distrazione.
  • Per ottenere maggiori benefici, è meglio unire la meditazione a degli esercizi di respirazione.

7. Bere tisane rilassanti

Valeriana

Tra le buone abitudini per dormire bene non potevano mancare le tisane rilassanti. Un’ampia varietà di piante, grazie alle loro proprietà, rilassano il corpo e la mente fino a garantire un sonno profondo e ristoratore.

In genere vengono preparate sotto forma di infusi e costituiscono un’alternativa ai sonniferi.

Tra le più raccomandate:

  • Valeriana
  • Camomilla
  • Tiglio
  • Melissa
  • Maggiorana
  • Boldo
  • Menta
  • Lavanda

Avete difficoltà a dormire? Non riuscite a riposare a sufficienza? Se di recente vi rigirate nel letto e non riuscite a prendere sonno, mettete in pratica queste buone abitudini per dormire bene.

Guarda anche