Calmare il bruciore di stomaco con rimedi a base di mela

13 Gennaio 2021
Le pectine contenute nella mela neutralizzano i succhi gastrici. Si tratta, di fatto, di uno dei frutti più sani. Ma può davvero calmare il bruciore di stomaco? Ne parliamo in questo articolo.

La ben nota sensazione di bruciore allo sterno e alla gola è dovuta alla risalita dei succhi gastrici verso l’esofago. Un’alimentazione scorretta, stress, mangiare o fare sport poco prima di andare a letto sono tra le cause primarie di questo disturbo. Ma sapevate che è possibile calmare il bruciore di stomaco con alcuni rimedi a base di mela?

Consigli per prevenire il bruciore di stomaco

  • Si consiglia di masticare lentamente il cibo. Allo stesso modo, l’ideale è consumare cinque pasti al giorno, in piccole porzioni, ed evitare di bere liquidi durante i pasti.
  • Evitare di sdraiarsi subito dopo aver mangiato. È meglio aspettare almeno mezz’ora, ma l’ideale è dopo due ore dal pasto.
  • È preferibile indossare indumenti comodi ed evitare cene liquide, come zuppe o succhi.

Leggete anche: Rimedi naturali per il reflusso gastrico: 3 soluzioni efficaci

Le mele per calmare il bruciore di stomaco

La mela è considerata un efficace antiacido naturale. Al naturale oppure in infusione, dona un sollievo quasi immediato in presenza di acidità di stomaco. Insieme ad ananas, banane, papaia, cachi e pere, è uno dei migliori rimedi naturali per calmare il bruciore di stomaco.

Anche l’aceto di mele aiuta a combattere questo disturbo. Aiuta a ridurlo e in generale favorisce la digestione. Bicarbonato di sodio, tisane e zenzero sono altrettanto ottimi per calmare i fastidiosi sintomi della risalita dei succhi gastrici.

Calmare il bruciore di stomaco con le mele.
Grazie al contenuto di fibre e acidi naturali, la mela è uno dei frutti migliori per combattere il bruciore di stomaco e i suoi sintomi.

Come calmare il bruciore di stomaco con le mele

I rimedi a base di frutta sono i migliori per contrastare il bruciore di stomaco. Una mela al giorno aiuta a mantenere sano l’apparato digerente. I benefici per l’organismo quando si mangia questo delizioso frutto sono molteplici.

Il sorbitolo contenuto nella mela è ottimo per le funzioni intestinali, in quanto è un antidiarroico naturale e promuove la motilità intestinale. Oltre a ciò, i sintomi di colite o gastroenterite vengono alleviati dall’elevato contenuto di fibre e pectine di questo frutto.

La mela ha anche un effetto diuretico e depurativo, contribuendo a rimuovere i residui tossici dallo stomaco e dall’intestino. L’infuso di mele sgonfia, calma, rilassa e purifica lo stomaco. Berne un litro al giorno contribuirà ad alleviare molti dei fastidiosi sintomi.

Questo frutto è anche ricco di magnesio, ferro, calcio, potassio, azoto e fosforo, tutte sostanze nutritive altamente benefiche per i tessuti dello stomaco. Le sue proprietà antinfiammatorie, tra l’altro, hanno un effetto benefico sui diverticoli.

Leggete anche: Combattere il reflusso gastroesofageo cambiando la dieta

3 rimedi alla mela per trattare il bruciore di stomaco

Adesso che conoscete i benefici della mela, è il momento di sapere come preparare alcuni rimedi per calmare il bruciore di stomaco. Ricette semplici ed economiche, molto facili da preparare.

1. Infuso di mele

Aceto di mele.
L’infuso di mele neutralizza gli acidi in eccesso, dunque calma il bruciore di stomaco.

Ingredienti

  • 1 mela
  • Un succo di limone
  • 1 cucchiaio di fiori di camomilla (15 g)

Preparazione

  • Sbucciate e tagliate la mela a pezzi.
  • Versate due tazze d’acqua in una pentola e aggiungete le mele, il succo di limone e la camomilla. Fate bollire per 10 minuti e lasciate in infusione prima di filtrare.
  • Bevete un litro di questa acqua ogni giorno.

2. Bevanda alle mele

Ingredienti

  • 1 litro d’acqua
  • 4 mele grandi
  • 100 grammi di prugne
  • 2 limoni
  • 1 arancia
  • zucchero di canna

Preparazione

  • Sbucciate e tagliate a metà le mele.
  • Fate bollire gli ingredienti in una pentola per 20 minuti.
  • Addolcite a piacere, ma senza esagerare.
  • Consumate una porzione al giorno per combattere la stitichezza, il gonfiore o il dolore addominale.

Aceto di mele

Bottiglia con aceto di mele.
L’aceto di mele contiene acidi naturali che aiutano a calmare il bruciore e il mal di stomaco.

Ingredienti

  • 1 ½ chilo di mele mature
  • 5 litri di acqua minerale
  • 1 chilo di zucchero di canna

Preparazione

  • Lavate le mele con il bicarbonato di sodio per ottenere una disinfezione totale.
  • Quindi, sbucciatele e tagliatele a pezzetti.
  • Mescolatele con lo zucchero e frullate fino a ottenere una purea compatta.
  • In un contenitore di vetro, versate i cinque litri di acqua e la purea di mele.
  • Coprite lasciando dei fori per l’ingresso dell’aria.
  • Mescolate la miscela ogni giorno con un cucchiaio di legno.
  • Dopo i primi 10 giorni, mescolate la miscela a giorni alterni.
  • Quindi, lasciate riposare per altri 10 giorni.
  • Infine, filtrate il composto e invasate senza riempire il barattolo. Apritelo una volta al giorno per evitare che continui a fermentare.
  • Una volta pronto, diluite un cucchiaio in un bicchiere di acqua tiepida e consumate.

Grazie a questi rimedi alla mela potrete calmare il bruciore di stomaco. Sono economici ed estremamente facili da preparare; del tutto privi di conservanti o sostanze nocive.

  • Boyer J, Liu RH. Apple phytochemicals and their health benefits. Nutr J. 2004;3:5. Published 2004 May 12. doi:10.1186/1475-2891-3-5
  • Hyson DA. A comprehensive review of apples and apple components and their relationship to human health. Adv Nutr. ;2(5):408–420. doi:10.3945/an.111.000513
  • Morozov S, Isakov V, Konovalova M. Fiber-enriched diet helps to control symptoms and improves esophageal motility in patients with non-erosive gastroesophageal reflux disease. World J Gastroenterol. 2018;24(21):2291–2299. doi:10.3748/wjg.v24.i21.2291
  • Johnston CS, Gaas CA. Vinegar: medicinal uses and antiglycemic effect. MedGenMed. 2006;8(2):61. Published 2006 May 30.
  • Bae SH. Diets for constipation. Pediatr Gastroenterol Hepatol Nutr. 2014;17(4):203–208. doi:10.5223/pghn.2014.17.4.203