Calmare la sindrome dell’intestino irritabile con la menta

12 Ottobre 2020
Soffrite di sindrome dell'intestino irritabile? La menta può aiutarvi a ridurre sensibilmente i sintomi. Mettetela alla prova!

Oggi parliamo di una malattia gastrointestinale piuttosto diffusa, con sintomi che possono abbassare notevolmente la qualità della vita. Vi invitiamo a scoprire come calmare la sindrome dell’intestino irritabile con la menta.

I sintomi di questa malattia sono generalmente diarrea, dolore e distensione addominale, costipazione e gas. I colpevoli potrebbero essere alcuni gruppi di alimenti, sebbene anche lo stress possa avere un impatto significativo. Come può aiutare la menta?

Le proprietà medicinali della menta

Le proprietà medicinali della menta sono state oggetto di ricerca scientifica. Questa pianta è in grado di calmare alcune affezioni dell’apparato digerente, ad esempio:

  • Infezioni gastrointestinali.
  • Coliche e dolore addominale.
  • Diarrea.
  • Gastrite.
  • Parassiti.

Un recente studio, pubblicato sulla rivista Gastroenterology (2020), conferma la relazione tra il consumo di menta e la riduzione dei sintomi della sindrome dell’intestino irritabile.

Questo disturbo, noto anche come colite spastica, alterna periodi di stitichezza a diarrea che possono essere scatenati da alcuni cibi o addirittura dallo stress.

Leggete anche: Trattare la sindrome del colon irritabile: 6 diete

Uomo con sindrome del colon irritabile.
La menta possiede proprietà antinfiammatorie e carminative utili nel trattamento della sindrome dell’intestino irritabile. Aiuta a calmare la diarrea, l’infiammazione e i gas intestinali.

La menta può aiutarci a trattare diverse malattie grazie alle sue proprietà analgesiche, antispasmodiche e calmanti. Contiene inoltre sostanze che la rendono un ottimo antinfiammatorio e carminativo (ovvero favorisce l’espulsione dei gas intestinali).

Calmare la sindrome dell’intestino irritabile con la menta

Ora sappiamo che la menta può essere un ottimo alleato per combattere questo disturbo, ma come consumarla per sfruttare tutte le sue proprietà? Ecco alcune opzioni, scegliete la modalità che più si adatta alle vostre esigenze.

Infuso di menta piperita

È il classico modo per consumare la menta. Abbiamo due possibilità: acquistarla in bustina o procurarci le foglie. Ecco come preparare l’infuso di menta.

Ingredienti

  • 20 grammi di menta fresca.
  • Acqua (mezzo litro)

Preparazione

  • Mettete a scaldare l’acqua. Nel frattempo lavate la menta e aggiungetela al pentolino non appena l’acqua comincia a bollire.
  • Spegnete il fuoco e mettete il coperchio.
  • Lasciate in infusione per 5 minuti.
  • Filtrate e bevete.
Infuso di menta, tazza e tisaniera.
Il modo più comune per sfruttare le proprietà della menta è preparare un infuso. Si può bere più volte al giorno per tenere sotto controllo i sintomi dell’intestino irritabile.

Gli ingredienti servono a preparare circa 4 tazze di infuso. Si può bere in caso di malessere o quando sentiamo arrivare i sintomi dell’intestino irritabile. Aiuta a calmarli e dona un senso di benessere. 

Leggete anche: I migliori infusi per calmare i sintomi del colon irritabile

Olio essenziale di menta per calmare la sindrome dell’intestino irritabile

Anche l’olio essenziale di menta aiuta a trattare la sindrome dell’intestino irritabile. Possiamo acquistare, per esempio, le capsule in farmacia o in erboristeria.

Per il dosaggio, leggete le istruzioni presenti sulla confezione. In generale, tuttavia, si consiglia di assumere una o due capsule di menta (180-200 mg) al giorno, per quindici giorni o un mese se vi trovate nella fase acuta della malattia. Le capsule sono molto pratiche perché possono essere consumate ovunque.

Sia l’infuso sia le capsule di menta alleviano il dolore e rendono meno frequenti i sintomi. Un aspetto da considerare è che si tratta di di un rimedio naturale, dunque potrebbero volerci alcuni giorni prima di avere un risultato visibile.

La menta può aiutare a calmare i sintomi, non è una cura

Se i sintomi non migliorano o addirittura si acutizzano, è meglio farsi visitare dal medico. Oltre a ciò, è importante essere consapevoli dell’importanza di una dieta specifica utile a tenere sotto controllo i sintomi.

Non dimentichiamo, infine, di tenere alla larga stress. Fare la meditazione, lo yoga o altri sport ci permette di tenere sotto controllo questo disturbo e di riposare bene la notte.

 

  • Otero W., Gómez M., Sindrome de intestino irritable. Rev Col Gastroenterol, 2005.
  • Cash BD., A minty breath of fresh air for irritable bowel syndrome. Gastroenterology, 2020.
  • Gallegos Zurita M., Las plantas medicinales: principal alternativa para el cuidado de la salud, en la población rural de Babahoyo, Ecuador. Ana Fac Med, 2016.