Calmare le coliche del neonato in 8 passaggi

2 Ottobre 2019
Le coliche del neonato mettono in ansia mamma e papà, tuttavia sono molto comuni fino ai tre mesi di vita. Ecco come alleviarle.

Le coliche del neonato o del lattante sono un insieme di sintomi tipici delle prime settimane di vita, fino ai tre mesi. Si riconoscono per i lunghi pianti inconsolabili, irritabilità e nervosismo senza motivo apparente. Vediamo, quindi, come calmare le coliche del neonato.

Secondo i criteri diagnostici di Wessel, la colica del lattante risponde alla regola del tre: pianto che si prolunga oltre le tre ore al giorno, più di tre giorni alla settimana e per un periodo superiore alle tre settimane.

La prevalenza di questa condizione oscilla tra l’8 e il 40% dei bambini al di sotto dei tre mesi. Sono diversi, tuttavia, i metodi che aiutano a calmare le coliche del neonato.

Coliche del neonato: qual è la causa?

Le cause precise delle coliche sono difficili da determinare. A livello fisico, sono associate a una aerofagia eccessiva (gas intestinali), digestione incompleta, fermentazione dei carboidrati all’interno del colon, intolleranza alle proteine del latte e altro.

Allo stesso tempo, esiste una relazione tra questo disturbo e l’ambiente familiare. Le tensioni tra i genitori, lo stress, l’ansia, le difficoltà passate nel periodo della gravidanza, il fumo possono modificare lo stato fisico e l’umore del neonato, causandogli dolore.

Leggete anche: Prime cure del neonato: come accudirlo nei mesi iniziali

Sintomi

Coliche del neonato, bambino che piange

Oltre a un pianto intenso e repentino, le coliche del neonato si riconoscono perché:

  • Il bambino porta le gambe verso la pancia.
  • Chiude i pugni.
  • L’addome è teso e duro.
  • Il viso è arrossato.
  • Si calma dopo aver emesso aria o fatto la popò.

Trucchi per calmare le coliche del neonato

1. Mantenete la calma!

È naturale sentirsi nervosi o addolorati quando il bambino piange senza sosta. Invece di disperarsi, è certamente più utile cercare di mantenere la calma per trasmettergli serenità e aiutarlo a rilassarsi con le parole e i gesti.

Respirate profondamente; ricordate che le coliche sono un disturbo innocuo che sparirà nel giro di pochi mesi, quando il corpo del bebè sarà maturato.

2. Calmate il bambino con la musica

Alcuni neonati sono sensibili alla musica o al movimento. Provate a cantargli una ninna nanna o a fargli ascoltare della musica rilassante mentre lo cullate con movimenti ritmici.

3. Controllate il momento dell’allattamento

Neonato al seno

Molte mamme allattano il bambino lasciandogli seguire l’istinto. Tuttavia, se la suzione non viene eseguita in modo corretto, il bambino inghiotte anche aria. Seguiranno le coliche. È importante assicurarsi che il bambino introduca tutto il capezzolo in bocca (quasi tutta l’areola).

È consigliabile, inoltre, lasciarlo riposare per brevi periodi mentre succhia il latte; queste pause gli permettono di assimilarlo meglio. Se invece gli date il biberon, scegliete un modello anti-colica. Controllate, inoltre, l’inclinazione del biberon per evitare che entri aria nello stomaco del piccolo.

4. Le posizioni che prevengono le coliche del neonato

Sistemando in posizione eretta il bambino, con la testa adagiata sulla vostra spalla, gli permettete di restare allineato e facilitate l’espulsione dei gas intestinali. Oppure potete tenerlo sulle gambe, a pancia in giù e dargli una serie di colpetti sulla schiena con il palmo delle mani.

5. Un massaggio delicato

Bambino sorride alla mamma

I bambini adorano il contatto fisico: è uno dei modi che usano per comunicare. I massaggi li rilassano e li aiutano a diminuire la frequenza delle coliche, oltre a favorire il transito intestinale.

Non vi consigliamo, tuttavia, di massaggiarli mentre piangono. Scegliete un altro momento, ad esempio durante il bagnetto o durante il cambio del pannolino. Accarezzateli dolcemente sulla pancia con movimenti circolari e in senso orario, per 3-5 minuti.

6. Un po’ di ginnastica

Un altro metodo per calmare le coliche del neonato sono le flessioni che vanno eseguite come un gioco. Sistematelo sulla schiena, quindi portategli con delicatezza le gambe verso la pancia e allungategliele. Ripetete questo movimento di flessione per 4 serie da 15 ripetizioni.

Al termine, ripetete lo stesso esercizio con le gambe prese singolarmente, di nuovo 4 serie da 15 ripetizioni. Il movimento attiverà l’intestino del piccolo, alleviando le coliche.

7. Tisana alle erbe

Tisana con fiori di camomilla per calmare le coliche del neonato

Ai fiori di camomilla

Un uso moderato di camomilla durante l’allattamento ha un rischio molto basso. Ha proprietà antispasmodiche, digestive, antinfiammatorie e sedative. È molto efficace per calmare le coliche del neonato.

Alla melissa

Ha proprietà sedative e tranquillizzanti, ma soprattutto carminative (aiuta a eliminare i gas) e spasmolitiche. Queste virtù, insieme al basso livello di tossicità, fanno della melissa un’erba ideale per trattare le coliche del lattante.

Alla verbena

È un’ottima pianta per trattare i disturbi digestivi come il mal di stomaco, la diarrea o l’indigestione. Ha anche effetti tranquillizzanti in caso di ansia e nausea.

Leggete anche: Curare il mal di stomaco con erbe medicinali

Alleviare le coliche richiede molta pazienza e calma. Occorre ricordare che non si tratta di una malattia, ma di un disturbo che non ha ripercussioni sulla salute del bambino.

Il neonato non conosce ancora il funzionamento del suo corpo e si spaventa. La comprensione e la serenità sono fondamentali per accompagnare vostro figlio in questa tappa. Naturalmente il pianto del bambino può essere dovuto anche ad altri motivi. Per eliminare ogni dubbio ed evitare complicazioni, chiedete consiglio al pediatra.

  • Winter H. (2018). Patient information: Acid reflux (gastroesophageal reflux) in infants.
  • Ortega Páez, E.; Barroso Espadero, D. (junio de 2013). «Cólico del lactante». Rev Pediatr Aten Primaria (España) 15 (s23)
  •  Hall B, Chesters J, Robinson A (2012 Feb). «Infantile colic: a systematic review of medical and conventional therapies». J Paediatr Child Health (Revisión) 48 (2)