Camminare ogni giorno: benefici per corpo e mente

Adattato alle proprie capacità e possibilità, camminare è un esercizio ricco di benefici. Basta camminare mezz’ora tutti i giorni per migliorare la propria salute cardiovascolare e ridurre lo stress
Camminare ogni giorno: benefici per corpo e mente

Ultimo aggiornamento: 28 gennaio, 2021

Camminare ogni giorno non costa niente è, nonostante ciò, arricchisce la nostra anima, ci aiuta a liberare la mente e a prenderci cura del nostro corpo. Sono pochi gli esercizi che sono altrettanto terapeutici e adatti a ogni età.

Secondo la Società Europea di Cardiologia, camminare circa 20 minuti tutti i giorni ci aiuta a prenderci cura del nostro cuore e a migliorare la salute fisica in generale. Secondo alcuni studi, inoltre, camminare ogni giorno potrebbe farci guadagnare tra i 3 e i 7 anni di vita.

Quindi… perché non camminare di più? Bastano un paio di scarpe comode e un paesaggio piacevole dove passeggiare e che favorisca la somministrazione d’ossigeno. Sarebbe perfetto, per esempio, andare in campagna o recarsi in uno spazio verde. Ecco un articolo con 4 buoni motivi per i quali iniziare a camminare oggi stesso.

Le passeggiate: un ottimo rimedio antistress

Un dato che non dobbiamo mai dimenticare è che i principali nemici del nostro organismo sono lo stress, la routine e i pensieri negativi.

A volte il semplice fatto di fare le stesse cose tutti i giorni finisce per “automatizzare” il nostro cervello e non c’è niente di più pericoloso di un cervello privo di stimoli e di riposo.

  • Uscire a camminare, senza pressioni, senza obblighi, solo con una bottiglia d’acqua e l’abbigliamento giusto, aiuta a liberare la mente, migliorando la salute dei neuroni.
  • Camminare aiuta a rivitalizzare i pensieri e a ossigenare le cellule e, all’improvviso, la vita perde quel “senso di rigidità” e ci permette di essere più liberi.
  • Camminare aiuta anche a ristabilire un legame con le proprie necessità emotive. Instauriamo un dialogo interiore liberatore che rilassa molte delle strutture del nostro cervello, regolando così la neurochimica associata allo stress.
Due donne che camminano

Camminare rende più creativi e aiuta a trovare soluzioni alternative ai propri problemi

Forse sembrerà una stupidaggine, ma un esercizio tanto semplice come cambiare “scenario”, mettere in moto il cuore e donare maggiori livelli di ossigeno al proprio cervello libera certi neurotrasmettitori, il che ci aiuta a:

  • Regolare i nostri livelli di cortisolo (livelli troppo alti causano la comparsa di stress, mentre una giusta quantità di cortisolo favorisce la motivazione e l’energia).
  • Riorganizzare la neurochimica della nostra corteccia frontale, lì dove si trovano i nostri piani e i nostri obiettivi e dove nascono nuove idee favorite dalle nostre emozioni, che ora sono più rilassate.
  • Un altro dato da tenere in conto è che siamo abituati soprattutto a muoverci all’interno degli stessi scenari e in spazi ridotti.
  • Un’attività semplice come camminare in campagna ci apporta nuovi odori, sensazioni e stimoli visivi. Una mente più rilassata e circondata da stimoli piacevoli ha la capacità di creare idee nuove e migliori.

Adesso sapete che dovete uscire a camminare ogni volta che vi sentite in trappola o sotto pressione per un certo problema.

profilo con farfalle

L’esercizio preferito del cuore

Un’altra cosa da non dimenticare è che non si tratta di “correre” o di camminare molto velocemente, perché se da un giorno all’altro esigiamo al nostro corpo uno sforzo al quale non è abituato, possono presentarsi diversi problemi.

  • Quando volete camminare, basta tenere un passo normale, ma senza correre. In questo modo, non vi stancherete troppo e forzerete il cuore a “mettersi in moto” per migliorare la circolazione e ossigenare i tessuti del vostro corpo.
  • Migliorando la pressione sanguigna, riuscirete anche a regolare i livelli di zucchero nel sangue.
  • Camminare aiuta anche a mantenere il giusto perso corporeo e a combattere l’obesità.
  • Migliorerete la salute del vostro sistema immunitario ed eliminerete molte di quelle tossine che fanno ammalare l’organismo o che provocano la classica ritenzione idrica.

Camminare per prendersi cura delle ossa

Uno dei maggiori rischi per la salute delle nostre ossa è uno stile di vita sedentario. Stare seduti dalle 8 alle 12 ore ogni giorno a causa del proprio lavoro implica gravi conseguenze che iniziano ad accumularsi, ad esempio:

  • Rigidezza delle articolazioni.
  • Carenza di elasticità muscolare.
  • Accumulo di grasso, che implica un carico eccessivo per le ossa.
  • Perdita di forza ed elasticità della cartilagine.

È ovvio che se soffrite di problemi alla schiena o alle ginocchia, non potete sostenere una lunga camminata. In molti casi, basta camminare per 10 minuti su un tapis roulant, su una superficie piana e sicura, per ottenere grandi benefici terapeutici.

Camminare ogni giorno nella natura

  • Nel caso in cui soffriate di problemi alle ossa, è necessario rispettare i propri limiti per evitare di farsi male. Per questo motivo, invece di dover rinunciare a una sana passeggiata, potete consultare uno specialista per capire qual è il modo di camminare più adatto a voi.
  • Camminare tutti i giorni per circa 20 minuti aiuta a proteggere l’organismo dalla perdita di massa ossea e dalla decalcificazione.
  • Ogni volta che camminiamo all’aria aperta, riceviamo una sostanziosa dose di vitamina D, necessaria per migliorare la coordinazione muscolare e ridurre il rischio di fratture.

Oltre a questo e al fatto che si tratta di un’attività fisica terapeutica, camminare aiuta i nutrienti a raggiungere in modo più efficace tutte le zone del corpo grazie alla riattivazione della circolazione sanguigna.

E voi? Uscite già tutti i giorni a camminare? Ne vale davvero la pena!