Carciofi alla Montillana: una ricetta della tradizione andalusa

Dall'Andalusia, ecco i carciofi alla Montillana, una ricetta semplice ma dai molti benefici per la salute.
Carciofi alla Montillana: una ricetta della tradizione andalusa

Ultimo aggiornamento: 16 novembre, 2021

Oggi vi mostriamo come preparare un piatto tradizionale della provincia di Cordoba: i carciofi alla Montillana. È un ottimo modo per introdurre questi ortaggi sani nella dieta regolare. Hanno un sapore abbastanza forte, quindi potrebbero non piacere a tutti.

Bisogna tener conto che i carciofi contengono grandi quantità di fibra, quindi possono risultare poco digeribili a chi ha problemi di disbiosi intestinale. In generale, invece, il consiglio è di consumarli spesso, soprattutto quando i carciofi sono di stagione.

Carciofi alla Montillana

Ingredienti

Per preparare i carciofi alla Montillana procuratevi:

  • 1/2 cipolla.
  • 4 spicchi d’aglio
  • 1 chilo di carciofi.
  • 8 grammi di maizena.
  • Olio extra vergine di oliva.
  • 200 grammi di vino bianco.
  • 60 grammi di prosciutto serrano.
  • 1 rametto di menta, zafferano e sale.
  • 225 grammi di brodo di pollo o di prosciutto.

Preparazione

Per prima cosa dovrete mondare e lavare i carciofi. Quindi immergeteli in una ciotola con acqua e prezzemolo o limone per evitare che anneriscano.

Per cuocerli basterà immergerli in acqua bollente per pochi minuti finché non saranno teneri. È importante rimuovere completamente le foglie più dure dall’esterno, che hanno un sapore meno gradevole.

Una volta cotti, tagliate i carciofi in quarti.

Tritate finemente la cipolla e l’aglio. In una casseruola fate soffriggere il trito con un filo di olio extra vergine di oliva fino a quando non diventerà morbido. È importante aggiungere un pizzico di sale per far uscire l’acqua contenuta all’interno.

A questo punto aggiungete il vino e poi i carciofi. Lasciatelo ridurre a fuoco medio e, quando non sarà rimasto quasi più vino, versate il brodo insieme alla maizena sciolta in un bicchierino di brodo freddo. Sarà anche il momento di aggiungere la menta piperita e lo zafferano.

Lasciate cuocere tutto fino a quando il brodo non sarà ben evaporato, generando una salsa molto più densa e omogenea. A questo punto, completate con il prosciutto tagliato a listarelle e il piatto è pronto.

Carciofi in un cestino.
Le foglie più esterne dei carciofi vanno eliminate perché hanno un sapore meno gradevole

Benefici dei carciofi

I carciofi hanno effetti molto positivi sulla salute. Per questo motivo dovrebbero far parte di una dieta variata ed equilibrata.

Proteggono la salute del fegato

Secondo uno studio pubblicato sulla rivista Phytotherapy Research, i carciofi possono aiutare a prevenire e gestire le malattie del fegato, come la steatosi epatica non alcolica. Per ottenere i migliori benefici, vanno consumati regolarmente, sebbene sia valido anche l’uso di un estratto.

Grazie agli antiossidanti che contengono, è possibile ritardare l’evoluzione di questa malattia cronica. È anche possibile sperimentare un miglioramento dei parametri sierici associati alla salute del fegato.

Aiutano a prevenire la stitichezza

I carciofi contengono una quantità significativa di fibre, fondamentali per stimolare il transito intestinale e prevenire la stitichezza.

Lo dimostra una ricerca pubblicata sulla rivista Nature Reviews. Tuttavia, sarà anche importante garantire un adeguato apporto di acqua per tenere sotto controllo questo problema.

In ogni caso, bisogna tener conto che la fibra può essere un’arma a doppio taglio. Quando si verifica un blocco funzionale nel tratto digerente o una situazione di disbiosi, la sua inclusione nella dieta può essere controproducente. In questi casi è sempre consigliabile chiedere al medico una soluzione personalizzata.

Prevengono lo sviluppo di patologie complesse

Va notato che i carciofi contengono molti composti antiossidanti, ad esempio la quercetina.

Questi elementi sono in grado di neutralizzare la formazione di radicali liberi e il loro accumulo nei tessuti dell’organismo, effetto legato ad un maggiore stato di benessere. Il contributo degli antiossidanti è decisivo quando si tratta di prevenire l’invecchiamento precoce, secondo uno studio pubblicato su Clinical Interventions in Aging.

Piatto con carciofi alla montillana.
I carciofi sono una fonte di fibre e antiossidanti. Proteggono inoltre la salute epatica.

Controindicazioni dei carciofi

Il consumo di carciofi è controindicato nelle persone che soffrono di ostruzioni biliari. Questo perché questi alimenti stimolano il passaggio della bile attraverso la cistifellea, che potrebbe portare alla formazione di calcoli. Il loro consumo è inoltre sconsigliato durante la gravidanza o l’allattamento.

Allo stesso modo, sarà necessario consultare lo specialista se dopo averli consumati avvertite disturbi digestivi, come gas o dolori addominali. Potrebbero verificarsi infine alterazioni funzionali legate ad un consumo non corretto di fibre.

Carciofi alla Montillana: semplici e veloci

Preparare i carciofi alla Montillana è facile e veloce. Con questa ricetta vi assicurate un elevato apporto di sostanze dal carattere antiossidante, che contribuiscono a migliorare lo stato di salute. Inoltre sono molto benefici per la salute del fegato.

Tenete presente che è sempre bene assicurarsi una buona varietà nella dieta, Includere verdure molto diverse ha lo scopo di garantire un apporto di fitonutrienti completo.

Potrebbe interessarti ...
Il fegato grasso: 5 rimedi a base di carciofo
Vivere più sani
Leggi in Vivere più sani
Il fegato grasso: 5 rimedi a base di carciofo

Combinando le proprietà del carciofo con quelle di altri ingredienti è possibile ottimizzare il lavoro del fegato e depurare questo organo per evit...



  • Panahi, Y., Kianpour, P., Mohtashami, R., Atkin, S. L., Butler, A. E., Jafari, R., Badeli, R., & Sahebkar, A. (2018). Efficacy of artichoke leaf extract in non-alcoholic fatty liver disease: A pilot double-blind randomized controlled trial. Phytotherapy research : PTR32(7), 1382–1387. https://doi.org/10.1002/ptr.6073
  • Vriesman, M. H., Koppen, I., Camilleri, M., Di Lorenzo, C., & Benninga, M. A. (2020). Management of functional constipation in children and adults. Nature reviews. Gastroenterology & hepatology17(1), 21–39. https://doi.org/10.1038/s41575-019-0222-y
  • Liguori, I., Russo, G., Curcio, F., Bulli, G., Aran, L., Della-Morte, D., Gargiulo, G., Testa, G., Cacciatore, F., Bonaduce, D., & Abete, P. (2018). Oxidative stress, aging, and diseases. Clinical interventions in aging13, 757–772. https://doi.org/10.2147/CIA.S158513