Le cause dell’intorpidimento delle mani durante il sonno

· 27 maggio 2016
Crampi e intorpidimento delle mani durante le notte possono essere i primi sintomi della sindrome del tunnel carpale.

Stiamo dormendo e, nel bel mezzo del nostro riposo, ci svegliamo di colpo a causa di un intorpidimento delle mani o delle dita.

Altre volte, quando apriamo gli occhi, abbiamo la sensazione che sia venuto qualcuno di notte a tagliarci le estremità.

A cosa si deve questa sensazione di intorpidimento delle mani? Continuate a leggere l’articolo per saperne di più!

Intorpidimento delle mani

ragazzo dorme intorpidimento delle mani

I crampi e l’intorpidimento alle mani sono sensazioni sgradevoli quando dormiamo e in qualsiasi altro momento della giornata.

Se capita di tanto in tanto non è un problema, ma se diventa una regola più che un’eccezione, forse è necessario prestare maggiore attenzione a questi sintomi.

Le due sensazioni possono interessare qualsiasi parte del corpo, anche se le aree più frequenti sono le estremità: mani, piedi, braccia e gambe.

I sintomi più frequenti sono il formicolio e la sensazione di punture, come se ci stessero infilzando con decine di aghi o spilli. Alcune persone lamentano anche bruciore.

Le cause principali dell’intorpidimento delle mani mentre stiamo dormendo o siamo sdraiati sono:

  • Restare molto tempo nella stessa posizione (dormire senza muoversi).
  • Una leggera lesione alle mani (ad esempio, un urto subito durante la giornata).
  • Lesione al collo che si ripercuote sulle dita, sulle mani e sulle braccia.
  • Attività quotidiane che comportano la flessione e l’estensione del polso, come fare uno sforzo o manipolare utensili che vibrano o esercitano pressione.
  • Ritenzione idrica (soprattutto a causa della menopausa, della gravidanza o del sovrappeso).
  • Carenza di vitamina B12.
  • Uso di certi farmaci.
  • Danni o pressione a un nervo della mano o del polso.

Vi consigliamo di leggere anche: Sintomi della menopausa: le erbe medicinali più efficaci

Danni al polso e intorpidimento delle mani

donna intorpidimento mani

Circa il 3% della popolazione ha la sensazione di avere una o entrambe le mani addormentate durante la notte, almeno una volta a settimana.

C’è chi si rivolge al medico per una diagnosi completa e chi, invece, lo considera “normale” fino a che il fastidio non aumenta e decide di consultare uno specialista.

Quando c’è un danno al polso, possono manifestarsi non solo l’intorpidimento delle mani e i crampi notturni, ma anche la mancanza di forza nell’afferrare o sollevare certi oggetti o un grande dolore nel fare determinati movimenti.

Ad esempio, cadono le cose dalle mani o manca la flessibilità nel fare le attività di tutti i giorni. Se questo problema non viene trattato per tempo, con il passare degli anni, può portare ad una mancanza di sensibilità.

Per poter sapere se il problema delle mani che si addormentano durante la notte è una conseguenza di un disturbo nervoso, è necessario rivolgersi al medico. È importante anche sapere la zona esatta in cui si prova dolore o fastidio.

Le dita che più risentono dei crampi o che si intorpidiscono durante la notte solo il pollice, l’indice e il medio.

Se questi sono i sintomi, il problema ha un nome e ci sono molti dati e ricerche a riguardo: si chiama sindrome del tunnel carpale, conosciuta anche come “sindrome della segretaria”.

In termini medici, la definizione è quella di neuropatia periferica che si sviluppa quando il nervo mediano (che va dall’avambraccio alla mano) è sotto pressione.

Il nervo del polso è responsabile della sensibilità e del movimento della mano e delle dita. Quando è compresso genera diversi sintomi, tra cui l’intorpidimento dell’area in questione.

Perché capita quando dormiamo?

A volte le persone con la sindrome del tunnel carpale manifestano intorpidimento delle mani in qualsiasi momento della giornata, ma questi peggiorano al momento di andare a letto.

Questo perché il nervo ha lavorato per diverse ore e, quando cerca di “riposare”, si tende.

mani intorpidimento

Se i sintomi riguardano l’anulare e il mignolo, allora il problema è la pressione del nervo ulnare, in particolare nella zona del gomito. Ad esempio, se avete un incidente e cadete appoggiando il gomito, sentirete una specie di “elettricità” in quella zona.

Questo nervo è responsabile del movimento della zona tra la clavicola e la prima costola. Entrano in gioco anche i vasi sanguigni e per questo motivo vale la pena analizzare a fondo l’intorpidimento.

Di solito si tratta di un problema congenito, della conseguenza di movimenti ripetitivi (ad esempio, quando si pratica tennis) oppure dell’abitudine di tenere le spalle in avanti.

Leggete anche: 5 soluzioni naturali alla rigidità articolare

Cosa fare quando si addormentano le mani?

mano intorpidimento

Se manifestate i sintomi di intorpidimento delle mani, dolore, calore, formicolio, soprattutto durante la notte, c’è una grande possibilità che si tratti di sindrome del tunnel carpale o di un problema al nervo ulnare.

In entrambi i casi, vi consigliamo di rivolgervi al vostro medico per una visita accurata.

Con il passare del tempo, se il dolore non viene trattato, diventerà insopportabile e si presenterà anche durante il giorno.

Il rischio di soffrire di questi problemi è maggiore nelle donne, per via delle attività che svolgono tutti i giorni (sia a casa sia fuori).

L’impossibilità di distinguere tra caldo e freddo è già di per sé una conseguenza grave, così come l’atrofia alla base del pollice.

Tuttavia, per non arrivare a questi estremi, vi consigliamo alcuni esercizi di base che hanno l’obiettivo di far riposare il tunnel carpale in modo che non sia troppo in tensione.

  • Basta prendere una piccola palla di gomma nel palmo della mano (la trovate nei negozi di giocattoli o di articoli per animali).
  • Chiudete le dita attorno alla palla e stringete leggermente.
  • Ripetete diverse volte l’esercizio,mantenendo la pressione prima di ritornare alla posizione di partenza.
Allenarsi

Cercate di fare questo esercizio almeno una volta al giorno.

Potete approfittare dei tempi “morti” della giornata, come ad esempio quando siete sull’autobus o sulla metro per andare al lavoro o a casa, in fila in banca o al supermercato o mentre aspettate che vostro figlio esca da scuola.

Sfruttate anche i momenti in cui state vedendo un film, leggete un libro oppure vi fate un bagno caldo. L’importante è svolgere questo esercizio tutti i giorni per qualche minuto.

Il nervo si rafforzerà e noterete subito che la sensazione delle mani che si addormentano durante la notte diminuirà.

Guarda anche