Chemioterapia per il cancro al seno: tipi e stadi

La chemioterapia per il cancro al seno ha molti vantaggi e non è così aggressiva oggi come lo era qualche anno fa. Questo tipo di trattamento va combinato con altri per ottenere un risultato soddisfacente.
Chemioterapia per il cancro al seno: tipi e stadi

Ultimo aggiornamento: 20 luglio, 2022

La chemioterapia per il cancro al seno è un trattamento che utilizza potenti farmaci per attaccare le cellule tumorali. A volte viene utilizzato per curare la malattia e altre volte l’obiettivo è impedirne la diffusione o alleviare i sintomi.

Alcune persone possono essere trattate con un solo tipo di chemioterapia per il cancro al seno. Tuttavia, è più comune che debbano essere utilizzati diversi tipi contemporaneamente, in combinazione con altri approcci.

Di solito viene somministrata per via endovenosa o orale. A volte c’è paura degli effetti collaterali che si verificano. Nonostante ciò, tutto può essere sopportato e superato con pazienza e cura.

Perché la chemioterapia è indicata per il cancro al seno?

Tutte le cellule del corpo si dividono per crescere o riparare i danni, e questo è normale. Il cancro si verifica quando alcune cellule iniziano a dividersi e crescere in modo incontrollato. Ciò provoca la formazione di una massa agglutinata, ciò che conosciamo come un tumore.

La chemioterapia per il cancro al seno è uno dei modi per trattare il problema. Ciò che si ottiene con questo metodo è interrompere quel travolgente aumento di cellule a crescita rapida.

Alcuni dei farmaci utilizzati hanno il potenziale di danneggiare il materiale genetico delle cellule in rapida crescita. Altri alterano la velocità con cui le cellule si dividono.

Va detto che non tutte le persone con questa diagnosi avranno bisogno della chemioterapia per il cancro al seno. Ogni caso è unico e talvolta la chirurgia o la radioterapia sono più efficaci.

Come viene somministrato?

La chemioterapia per il cancro al seno può essere somministrata in uno studio medico, in un centro specializzato o in ospedale. Più comunemente, viene applicata per via endovenosa, come se fosse un’iniezione che dura pochi minuti o come un’infusione che richiede più tempo.

In molti casi, per eseguire l’infusione è necessario un dispositivo più grande e più forte. Tali strumenti sono chiamati cateteri venosi centrali. (CVC) e sono anche conosciuti come dispositivi di accesso venoso centrale o linee centrali. Possono essere di vario tipo.

La chemioterapia per il cancro al seno viene somministrata in cicli di 2 o 3 settimane, seguiti da un periodo di riposo per consentire al paziente di riprendersi dagli effetti collaterali. Tuttavia, questo può variare a seconda dei farmaci utilizzati.

Per i tumori che sono in fase iniziale, il trattamento può richiedere da 3 a 6 mesi. Se il cancro è avanzato, potrebbe essere necessario più tempo. Ma tutto dipende dalle condizioni di ciascun paziente e dai farmaci prescritti.

Chemioterapia per il cancro al seno in una donna.
L’infusione endovenosa è la modalità abituale della chemioterapia, che utilizza diverse preparazioni farmacologiche.

Chemioterapia per il cancro al seno in diverse fasi

La chemioterapia per il cancro al seno varia a seconda dello stadio della malattia. In generale, esiste un tipo di trattamento per gli stadi I e II; mentre un altro piano si applica ai tumori che sono allo stadio III.

Chemioterapia di stadio I

Il carcinoma mammario in stadio I è piuttosto piccolo e non si è diffuso ai linfonodi o si è diffuso solo in minima parte. Il trattamento di prima linea in questi casi è l’intervento chirurgico, con conservazione del seno o rimuovendolo completamente.

In genere, la radioterapia viene somministrata in seguito. Tuttavia, in alcuni casi è necessaria anche la chemioterapia. In particolare è indicato quando il tumore è largo più di 1 centimetro o presenta caratteristiche sfavorevoli.

In questi casi si parla di chemioterapia adiuvante. Può anche essere eseguito prima dell’intervento chirurgico, quando si ritiene che questa opzione aumenterà il successo dell’intervento. Pertanto, si chiamerebbe chemioterapia neoadiuvante.

Chemioterapia di stadio II

I tumori di stadio II sono leggermente più grandi dei precedenti e si sono diffusi ad alcuni linfonodi vicini della mammella. In questi casi si segue un protocollo simile a quello dei tumori in stadio I, ma l’uso della chemioterapia prima dell’intervento chirurgico è solitamente più comune.

Questa procedura fa restringere leggermente il tumore prima dell’intervento chirurgico, aumentando così le possibilità di salvare gran parte del seno. Tuttavia, non influisce sulla sopravvivenza.

La chemioterapia per il carcinoma mammario in stadio II può essere somministrata anche dopo l’intervento chirurgico o prima e dopo l’intervento chirurgico. Per scoprire qual è l’alternativa migliore, di solito viene eseguito un test come l’oncotipo DX.

Chemioterapia di stadio III

Il carcinoma mammario in stadio III è caratterizzato dalla presenza di un tumore di grandi dimensioni, più grande di 5 centimetri. Si è diffuso anche a molti dei linfonodi vicini o ai tessuti vicini, come la pelle sopra il seno o il muscolo sottostante.

In questi casi è molto comune ricorrere alla chemioterapia neoadiuvante o prima dell’intervento chirurgico. Come spiegato sopra, l’obiettivo è ridurre le dimensioni del tumore, aumentando così la possibilità di trattenere il seno. Se questo non è sufficientemente ridotto, dovrà essere eseguita una mastectomia radicale o un’escissione totale.

In alcuni casi, la chemioterapia può essere necessaria anche per il cancro al seno dopo l’intervento chirurgico; a volte fino a un anno. Ci sono anche casi in cui il trattamento viene iniziato con un intervento chirurgico e quindi viene eseguita la chemioterapia.

Prevenzione del cancro al seno.
La chemioterapia viene contemplata come trattamento quando esiste già una diagnosi oncologica. Le misure preventive e di monitoraggio servono per evitare di raggiungere uno stadio avanzato.

Criteri di chemioterapia per il cancro al seno

Sebbene la chemioterapia per il cancro al seno generi una serie di effetti collaterali che possono essere molto fastidiosi, è anche vero che offre importanti benefici per la cura della malattia.

In generale, è considerata una buona opzione in base ai seguenti criteri:

  • Cancro grande e di grado superiore. Tende a riapparire e la chemioterapia aiuta a evitare questo rischio.
  • Diffusione ai linfonodi. In questa condizione la chemioterapia è la prassi.
  • Giovani con tumori aggressivi.
  • Stato di salute. La presenza di malattie cardiache, diabete e altre condizioni limita o condiziona la chemioterapia.
  • Livello HER2. Questa misura viene utilizzata per classificare la gravità del cancro.
  • Preferenze del paziente. L’opinione della donna conta.

Meno effetti collaterali

La chemioterapia per il cancro al seno spesso fa paura. Tuttavia, è importante chiarire che la scienza ha fatto molta strada in questo campo. Ecco perché i trattamenti attuali rendono gli effetti collaterali molto più facili da tollerare.

Durante l’approccio è molto importante avere un’alimentazione adeguata, riposarsi a sufficienza e prendersi cura della salute mentale. Tutti questi fattori contribuiscono a risultati migliori. Si consiglia inoltre di parlare con le persone che hanno vissuto la stessa situazione.

Potrebbe interessarti ...
Nausea e vomito associati alla chemioterapia
Vivere più sani
Leggi in Vivere più sani
Nausea e vomito associati alla chemioterapia

La nausea e il vomito associati alla chemioterapia sono tra gli effetti secondari più frequenti di questo trattamento, e uno dei più temuti dai paz...



  • Piñeiro Fernández, J. (2004). ¿Debe el paciente conocer que tiene un cáncer?: nuestra experiencia en las pacientes con cáncer de mama. Revista Cubana de Cirugía, 43(1), 0-0.
  • Ariza Márquez, Y. V., Briceño Balcázar, I., & Ancízar Aristizábal, F. (2016). Tratamiento de cáncer de seno y farmacogenética. Revista Colombiana de Biotecnología18(1), 121-134.
  • Khosravi Shahi, P., Izarzugaza Perón, Y., Encinas García, S., Díaz Muñoz de la Espada, V. M., & Pérez Manga, G. (2008, January). Tratamiento adyuvante en el cáncer de mama operable. In Anales de Medicina Interna (Vol. 25, No. 1, pp. 36-40).
  • Ariza Márquez, Y. V., Briceño Balcázar, I., & Ancízar Aristizábal, F. (2016). Tratamiento de cáncer de seno y farmacogenética. Revista Colombiana de Biotecnología, 18(1), 121-134.
  • Carlson, J. J., & Roth, J. A. (2013). The impact of the Oncotype Dx breast cancer assay in clinical practice: a systematic review and meta-analysis. Breast cancer research and treatment141(1), 13-22.