Coliche mestruali cosa c’è da sapere

30 Dicembre 2019
Che ci crediate o no, praticare attività fisica regolarmente aiuta a prevenire ed alleviare i dolori mestruali. Allo stesso tempo, è importante seguire una dieta equilibrata e riposare adeguatamente.

Il ciclo può essere leggero e risultare facile per alcune donne, ma pesante per altre. Specie quando si manifesta con coliche mestruali dolorose. Spesso colpiscono molte donne durante la loro età riproduttiva. Mentre a volte possono essere così intense richiedere azioni per calmarle. Questo articolo approfondisce i temi legati alle coliche mestruali, le cause e i rimedi da usare.

Cosa sono le coliche mestruali?

Le coliche mestruali sono dolori tipici della zona del ventre e del bacino come conseguenza del ciclo mestruale.

Eppure non sono collegate al malessere che si avverte durante la fase della sindrome premestruale (SPM). Infatti anche se i sintomi di entrambi i disturbi possono essere provati come un continuum, molte donne soffrono sia di SPM che di coliche mestruali.

Le coliche mestruali possono variare da lievi a molto gravi. Infatti i dolori mestruali lievi possono essere appena percepibili, come una sensazione di pesantezza al ventre, ed essere di breve durata.

Mentre i crampi mestruali gravi possono essere così dolorosi che neanche i farmaci riescono a migliorare la situazione.

Fattori di rischio

Potreste essere a rischio di dolori mestruali secondo i seguenti fattori:

  • Avete meno di 30 anni
  • Siete entrate presto nella pubertà, a 11 anni o meno
  • Avete cicli abbondanti (menorragia)
  • Le mestruazioni sono irregolari (metrorragia)
  • Precedenti familiare di dolore mestruale (dismenorrea)
  • Fumate

Cos’è la dismenorrea?

Il termine medico per indicare i dolori mestruali è dismenorrea. Ci sono due tipi di dismenorrea: primaria e secondaria.

Dismenorrea primaria

Per quanto riguarda la primaria non sono presenti problemi ginecologici che causino il dolore.

Le coliche di questo tipo possono iniziare dopo sei mesi dal menarca (il primo flusso mestruale della donna) o dopo un anno. Quindi nel periodo in cui una ragazza inizia ad avere il ciclo mestruale.

Dismenorrea primaria

Di solito le coliche mestruali iniziano quando viene prodotto un ciclo mestruale con ovulazione. Ovvero quando un ovulo viene liberato dall’ovaio.

Infatti il primo vero flusso mestruale di solito inizia prima dell’ovulazione. Un’adolescente può quindi iniziare a soffrire di dismenorrea solo alcuni mesi o un anno dopo l’inizio della mestruazione.

Dismenorrea secondaria

Invece nel tipo secondario il dolore mestruale è causato da alcune condizioni anormali ( in genere nei visceri pelvici). La dismenorrea secondaria può presentarsi nel menarca, ma si manifesta con più frequenza più tardi.

Leggete: Coaguli di sangue nelle mestruazioni: 5 cause

Quali sono le cause delle coliche mestruali?

Durante il periodo mestruale, l’utero si contrae per favorire l’espulsione del suo rivestimento. Sostanze simili agli ormoni (prostaglandine) coinvolte nel dolore e nell’infiammazione innescano contrazioni muscolari uterine. Livelli più elevati di prostaglandine sono associati a crampi mestruali più intensi.

Le coliche mestruali possono verificarsi a causa dei seguenti fattori:

  • Endometriosi. Il tessuto che riveste l’utero si impianta all’esterno dell’utero, molto spesso nelle tube di Falloppio, nelle ovaie o nel tessuto che riveste il bacino.
  • Fibromi uterini. Queste escrescenze non cancerose sulla parete dell’utero possono causare dolore.
  • Adenomiosi. Il tessuto che riveste l’utero inizia a crescere nelle sulle muscolari dell’utero.
  • Malattia infiammatoria pelvica. Questa infezione degli organi riproduttivi femminili è solitamente causata da un batterio contratto per trasmissione sessuale.
  • Stenosi cervicale. In alcune donne, l’apertura della cervice è così piccola che impedisce il flusso mestruale, il che provoca un doloroso aumento della pressione all’interno dell’utero

Stenosi cervicale

La differenza fra i dolori mestruali dolorosi e quelli meno dolorosi può essere legata ai livelli di prostaglandine della donna. Le donne con forti dolori mestruali ne presentano un livello elevato nell’endometrio. Al contrario delle donne che non avvertono questi crampi.
Inoltre i dolori mestruali sono simili a quelli che si provano quando si usa la prostaglandina per stimolare il parto.

Altri fattori causano le coliche mestruali

Come affermato precedentemente, una cervice inusualmente stretta tende ad amplificare i crampi mestruali. Un altro fattore anatomico che può causare dolori mestruali è l’inclinazione dell’utero verso la colonna vertebrale anziché verso l’addome (utero retroverso).

Scoprite: Permesso di lavoro per mestruazioni dolorose: sareste d’accordo?

Camminata

Quali sono i sintomi delle coliche mestruali?

Le coliche sono dolori che si sviluppano nella parte inferiore dell’addome e del bacino. Il malessere si può estendere alla schiena e alle gambe. Inoltre i crampi possono essere molto forti o leggeri e possono essere periodici o continui.

In generale le coliche mestruali iniziano un po’ prima della mestruazione e raggiungono il picco 24 ore dopo l’inizio dell’emorragia. Vanno via dopo uno o due giorni.

Inoltre le coliche mestruali possono essere accompagnate da mal di testa o da nausea. Persino vomito.

A volte possono essere accompagnate da stitichezza o diarrea a causa delle prostaglandine. Infatti rendono i muscoli uterini e del tratto intestinale lisci a causa delle contrazioni. Mentre alcune donne sentono il bisogno di urinare con più frequenza.

Come si diagnosticano le coliche mestruali?

Spesso una diagnosi dei dolori mestruali viene fatta dalla donna stessa in base al dolore che percepisce. Quando una donna ha provato i crampi mestruali è cosciente dei tipici sintomi. Soprattutto se li ha provati durante l’adolescenza all’inizio del ciclo mestruale.

Invece se si presentano altre condizioni mediche che contribuiscono ai dolori mestruali (dismenorrea secondaria), il medico può suggerire alcuni esami.

Coliche mestruali

Qual è la cura contro le coliche mestruali ?

In ogni caso, è meglio consultare un ginecologo il prima possibile. Per alleviare le coliche mestruali, il medico può consigliare quanto segue:

  • Analgesici. Gli antidolorifici da banco, come l’ibuprofene o il naprossene sodico (Aleve), a dosi regolari  assunte dal giorno precedente al periodo previsto possono aiutare a controllare le coliche mestruali. Sono disponibili anche farmaci antinfiammatori non steroidei sotto prescrizione.

Assumete gli antidolorifici all’inizio del ciclo mestruale o non appena compaiono i sintomi e continuate come indicato, per due o tre giorni o fino alla scomparsa dei sintomi.

  • Metodi contraccettivi ormonali. Le pillole contraccettive orali contengono ormoni che prevengono l’ovulazione e riducono la gravità delle coliche mestruali. Questi ormoni si possono somministrare in diversi modi: iniezione, cerotto, impianto posizionato sotto la pelle del braccio, anello flessibile posizionato all’interno della vagina o dispositivo intrauterino (IUD).
  • Chirurgia. Se le coliche mestruali sono il risultato di un disturbo come l’endometriosi o i fibromi, un intervento chirurgico per correggere il problema può alleviare i sintomi. Un’altra opzione potrebbe essere la rimozione chirurgica dell’utero, ma solo se gli altri metodi non alleviano i sintomi e se non si prevede di avere figli.

Altri interventi

Il medico può anche prescrivere basse dosi di pillole anticoncezionali (contraccettivi orali) che contengono estrogeni e progestinici, per un ciclo regolare o prolungato. Questo tipo di approccio può prevenire l’ovulazione (il rilascio mensile di un ovulo) e ridurre la produzione di prostaglandine, riducendo la gravità dei crampi e provocando un flusso mestruale leggero.

Coliche mestruali: DIU

Questi ormoni possono anche essere somministrati in modi diversi: iniezione, cerotto, impianto posizionato sotto la pelle del braccio, anello flessibile posizionato all’interno della vagina o dispositivo intrauterino (IUD).

Esistono soluzioni chirurgiche?

In passato molte donne con dolori mestruali subivano un’operazione nota come dilatazione e raschiamento per eliminare parte del rivestimento uterino. A volte si usa come mezzo diagnostico per riconoscere un cancro o alcune condizioni pre-cancerogene della mucosa uterina.

Alcune donne hanno scelto una soluzione definitiva contro i problemi mestruali. Infatti può essere necessaria l’isterectomia, un’operazione chirurgica che rimuove l’utero.

Oggi quando una donna presenta una dismenorrea pesante e una perdita di sangue uterino dolorosa, i medici possono consigliare un’ablazione endometriale. una procedura che distrugge chirurgicamente (asporta) il rivestimento dell’utero (endometrio).

Qual è l’andamento delle coliche mestruali?

In generale, i dolori mestruali della donna non peggiorano durante il percorso della sua vita. Infatti, i crampi mestruali della dismenorrea primaria di solito tendono a diminuire con l’età e dopo la gravidanza.

In caso di dismenorrea secondaria associata a un patologia sottostante che contribuisce al dolore, la prognosi dipende dal successo del trattamento della condizione sottostante.

In ogni caso, se il dolore interferisce con le normali attività quotidiane, si consiglia di consultare un/una ginecologo/a.

  • Karapanou, O., & Papadimitriou, A. (2010). Determinants of menarche. Reproductive Biology and Endocrinology. https://doi.org/10.1186/1477-7827-8-115
  • Ricciotti, E., & Fitzgerald, G. A. (2011). Prostaglandins and inflammation. Arteriosclerosis, Thrombosis, and Vascular Biology. https://doi.org/10.1161/ATVBAHA.110.207449
  • Bromboszcz, A., & Liber, Z. (1982). Endometrosis treatment. Wiadomosci Lekarskie. https://doi.org/10.1021/es5013092
  • Risser, A., Donovan, D., Heintzman, J., & Page, T. (2009). NSAID prescribing precautions. American Family Physician. https://doi.org/10.1017/CBO9781107415324.004