Colonscopia: quale dieta seguire e come prepararsi

9 Dicembre 2018
In questo articolo vi presentiamo la dieta e le misure da adottare prima di fare una colonscopia. Con questi consigli non avrete nessun problema!

La colonscopia è un esame medico volto a diagnosticare e trattare diverse malattie che possono presentarsi nel colon, anche detto intestino crasso.

Questo procedimento viene eseguito attraverso una sonda. Si tratta di un tubo flessibile (di circa 150 cm di lunghezza) e dal diametro di 1 cm, con una piccola videocamera incorporata. Questo strumento si introduce attraverso l’ano, e viene messo con attenzione attraverso tutto l’intestino crasso. Grazie alla colonscopia si può:

  • Vedere l’interno dell’intestino e quindi escludere determinate malattie.
  • Realizzare alcuni trattamenti.
  • Effettuare prove diagnostiche.
  • Eliminare polipi intestinali.
  • Recidere tumori.
  • Eseguire una biopsia.

Per realizzare questo esame, tuttavia, l’intestino deve essere libero da resti fecali, pertanto è necessaria una preparazione di almeno 3 giorni di dieta e lassativi.

Dieta liquida e colonscopia

dieta liquida per la colonscopia

La dieta liquida viene assunta in caso di disturbi dell’apparato digerente e cancro al colon, tra i quali spesso troviamo:

  • Diarrea.
  • Ulcera.
  • Gastrite.
  • Disfalgia.
  • Chirurgia alla mandibola, bocca o tubo digerente.

Quando la dieta liquida viene seguita perché si è prossimi a una colonscopia, essa agisce come un ottimo metodo di preparazione per l’intervento. Infatti, permette la pulizia semplice e non intrusiva dell’intestino crasso.

Potrebbe interessarvi anche: Colon irritabile: tè con zenzero e camomilla

Consigli per ottenere buoni risultati dalla colonscopia

Quando seguite una dieta a base di liquidi è indispendabile:

  • Non consumare latticini.
  • Eliminare completamente il consumo del cacao.
  • Fare a meno di ortaggi e frutta con semi.
  • Evitare medicinali che contengono ferro.
  • Evitare qualsiasi bevanda scura, con anidride carbonica o coloranti.
  • Non consumare alimenti scuri o cibi integrali.
  • Non consumare frutta secca, bacche o semi.

Modello di tre giorni di dieta liquida prima di una colonscopia

Primo giorno

dieta per colonscopia

Per non alterare l’apparato gastrointestinale con un cambiamento d’alimentazione così drastico, inizieremo la dieta liquida a intensità media:

  • Colazione: albumi strapazzati e funghi champignon, accompagnate con un infuso di menta e miele.
  • Merenda: un po’ di marmellata casalinga alla pera.
  • Pranzo: brodo di pollo; puré di mela con pera e limonata.
  • Merenda: una gelatina di colore chiaro.
  • Cena: porzione doppia di gelatina chiara.

Leggete anche: Gelatina: 6 benefici per la salute

Secondo giorno

Il secondo giorno serviranno alimenti più forti, ma che daranno buoni risultati per espellere le feci e depurare l’organismo:

  • Colazione: albume d’uovo sbattuto con due fette di prosciutto senza grasso. Pane bianco e una tazza di tè al tiglio con miele.
  • Merenda: limonata o succo di frutta.
  • Pranzo: brodo di pollo con riso e sale.
  • Merenda: tè o camomilla.
  • Cena: cavolfiore al forno e cuore di palma.

Terzo giorno

terzo giorno di dieta prima di una colonscopia

Con il menù del terzo giorno si otterrà la pulizia richiesta per l’intervento di colonscopia.

  • Colazione: uovo sodo con pane bianco e una tazza di avena senza latte.
  • Merenda: gelatina di pera.
  • Pranzo: pasta con verdure e limonata.
  • Merenda: succo d’arancia filtrato.
  • Cena: merluzzo al forno con asparagi e un pezzo di pane bianco.

Il giorno della colonscopia

Il giorno dell’operazione bisogna tenere in considerazione e applicare le seguenti istruzioni:

  1. Non ingerire liquidi tra le 3 e le 4 ore prima della visita. Ad eccezione dei momenti in cui avrete bisogno d’acqua per prendere i medicinali prescritti dal medico.
  1. Tenere informato il dottore circa l’evoluzione della dieta liquida e qualsiasi malattia, allergia o effetti collaterali provocati da alcuni medicinali.
  1. È altrettanto importante informare a proposito di qualche intervento subito in precedenza, soprattutto in caso di protesi o di malattie alle valvole cardiache.
  1. Leggere e firmare il contratto di consenso informato per la realizzazione dell’esplorazione dell’intestino crasso attraverso colonscopia.
  1. Andare accompagnati da una persona di fiducia che possa occuparsi dello spostamento dal luogo in cui si esegue l’esame a casa. Gli effetti degli analgesici e dei sedativi possono durare anche per ore.

Dopo la colonscopia

medici e risultati della colonscopia

Dopo un esame esplorativo dell’intestino crasso, i medici consigliano di continuare la dieta liquida almeno per altri 3 giorni. Questo aiuterà l’intestino a eliminare gas e resti fecali. In questo modo, l’apparato digerente non verrà alterato dal procedimento medico.